Vai al contenuto
godeas78

Lavori urgenti ai senti art. 1135 (senza numero legale!)

Ciao a tutti,

 

a seguito di un danno sulla mia auto causato da caduta di materiale provocato da infiltrazioni e vista l'inerzia dell'amministratore a procedere con i lavori (le infiltrazioni sono continue e su più punti nei posti auto con il rischio di ulteriore caduta di materiale) ho avvisato lo stesso che avrei proceduto con una lettera dell'avvocato in cui si intimava di procedere ai sensi dell'art. 1135 del codice civile (L’amministratore non può ordinare lavori di manutenzione straordinaria, salvo che rivestano carattere urgente, ma in questo caso deve riferirne nella prima assemblea).

 

L'amministratore mi ha chiesto la cortesia di aspettare in quanto stava procedendo alla redazione del capitolato e, subito dopo, alla raccolta dei preventivi.

 

E' voluto andare comunque in assemblea per l'approvazione sicuro di riuscire ad ottenere i consensi (io ero già pessimista visto che nel mio condominio molti posti auto e appartamenti sono in affitto e la gente se ne frega anche del rischio caduta materiali).

 

Il lavoro è notevole (occorre rifare tutta la pavimentazione) e quindi coinvolge due condomini e i proprietari dei posti auto (ciascuno per le lavorazioni competenza).

L'amministratore ha quindi indetto 3 assemblee.

2 condomini hanno approvato i lavori mentre nell'assemblea dei posti auto non è stato raggiunto il numero legale quindi non si è proceduto a lavorazione.

 

Risultato: i lavori non si fanno... come immaginavo.

 

Avevo anche detto all'amministratore di anticipare ai condomini che i lavori erano obbligatori perchè c'è il rischio di caduta (solo sul mio posto auto sono caduti 700 grammi di materiale). Solo così sarebbero venuti ma niente.

 

Ora non so che fare.

Vi domando:

Ma la scelta di fare 3 assemblee è corretta?

Avendo avuto l'OK da parte di due condomini non può comunque procedere?

Mi consigliate di procedere con la lettera dell'avvocato?

    [*] [*] [*]

 

Mi ha anche detto che per avviare i lavori, con la nuova riforma, occorre raccogliere in anticipo la somma. Vale anche per lavori urgenti?

 

Vi chiedo cortesemente di darmi una mano!

 

Grazie mille a tutti

La mancata manutenzione del fabbricato può portare, laddove ne ricorrano i presupposti, ad una responsabilità di carattere penale.

 

La norma di riferimento è l’art. 677 c.p., rubricato per l’appunto Omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina, che recita:

 

“ Il proprietario di un edificio o di una costruzione che minacci rovina ovvero chi è per lui obbligato alla conservazione o alla vigilanza dell'edificio o della costruzione, il quale omette di provvedere ai lavori necessari per rimuovere il pericolo, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 154 a euro 929.

 

La stessa sanzione si applica a chi, avendone l'obbligo, omette di rimuovere il pericolo cagionato dall'avvenuta rovina di un edificio o di una costruzione.

 

 

Certo 929 mi sembrano un pò pochi per convincerlo ad effettuare i lavori che possono causare danni ben più seri.

 

 

×