Vai al contenuto
CIPPO

Lavori di ristrutturazione nel 2013 - Quali modelli presentare: Unico AC e 770?

Salve, durante il 2013 abbiamo ristrutturato la facciata e parte del tetto, pagando tutto con bonifici parlanti per beneficiare dell'incentivo.

Il Geometra che ha seguito la sicurezza era soggetto ad un regime fiscale agevolato, pertanto esente da ritenuta d'acconto.

In tutte le fatture dei fornitori, saldate a mezzo bonifico, la ritenuta dovrebbe esser stata operata direttamente dalla banca.

 

Ora i dubbi "atroci" 🙂

Salve, durante il 2013 abbiamo ristrutturato la facciata e parte del tetto, pagando tutto con bonifici parlanti per beneficiare dell'incentivo.

Il Geometra che ha seguito la sicurezza era soggetto ad un regime fiscale agevolato, pertanto esente da ritenuta d'acconto.

In tutte le fatture dei fornitori, saldate a mezzo bonifico, la ritenuta dovrebbe esser stata operata direttamente dalla banca.

 

Ora i dubbi "atroci" 🙂

Doh ;(

 

la 3) il Geometra.. quindi solo per lui dovrò fare il 770 e ci metto solo lui dentro, niente altro, ok?

 

Punto 4, mi hai risposto Sì, ma non ho capito se le fatture al di sotto dei 258€ vanno messe comunque nell' AC se si vuole l'incentivo o se il SI' era alla seconda domanda del punto 4? scusa la confusione è colpa mia, non dovevo fare due domande nello stesso punto. Ora non sono più sicuro..

 

Mille Grazie Dolly, sei una salvezza 😂

Dovrebbe bastare la sola indicazione dei dati catastali identificativi dell'immobile, suggerisco comunque riportare la spesa ancorché inferiore alla soglia.

Grazie Dolly!

Per il Geometra esente da R.a., nel 770 dovrei riportare l'intero importo della fattura o calcolarmi anche il 4% di ritenuta che nessuno ha versato (visto che era esente)? Scusa ma sta' cosa mi manda nel pallone... 🙂

Grazie Dolly!

Per il Geometra esente da R.a., nel 770 dovrei riportare l'intero importo della fattura o calcolarmi anche il 4% di ritenuta che nessuno ha versato (visto che era esente)? Scusa ma sta' cosa mi manda nel pallone... 🙂

1) Giusto.

2) Il formato cartaceo alle Poste.

3)Sì, giusto tutte le spese superiori a 258,23 (Iva compresa) non soggette a ritenute alla fonte, escluso le utenze.

Ma, ahi!ahi!ahi!!!! la fattura del geometra in regime agevolato va (purtroppo per te:sorrow:...) inserita nel 770 ancorché non assoggettata a ritenuta (e non nel quadro AC).

4) Sì.

5) No.

 

🙂

Ciao Dolores, mi intrometto,

1) mi spieghi perché la fattura del geometra va inserita nel 770, si può portare in detrazione come le spese di ristrutturazione (se saldata con bonifico speciale), quindi va inserita nel quadro AC. Sbaglio?

Il pagamento del suolo pubblico al Comune hai detto che non si mette nel quadro AC, però si può portare in detrazione, allora dove si deve indicare?

Grazie

2) Non sbagli, sempreché sia stata correttamente bonificata (devo forse essermi "bevuta il cervello" quel giorno...

2) Non sbagli, sempreché sia stata correttamente bonificata (devo forse essermi "bevuta il cervello" quel giorno...

 

Io uso PIGC, che in automatico mi genera il quadro AC e mi inserisce anche la TOSAP, come faccio a "fargli capire" che non va messa?

Va bene, allora inseriscila (l'inserimento non è inficiante).

Vi aggiorno. Io ho pagato il professionista in parola con bonifico bancario. Dal momento che era esente da ritenuta, ho pensato bene di fare un bonifico ordinario, altrimenti se usavo il modello "ristrutturazione" la banca avrebbe in automatico trattenuto il 4% di r.a. (non dovuta in questo caso). Spero d'aver fatto bene.

 

Spero anche che dal momento che non ho versato alcuna ritenuta possa risparmiarmi il 770.

Attendo vostre conferme, e nel frattempo ringrazio Dolores e Francesco 🙂

Vi aggiorno. Io ho pagato il professionista in parola con bonifico bancario. Dal momento che era esente da ritenuta, ho pensato bene di fare un bonifico ordinario, altrimenti se usavo il modello "ristrutturazione" la banca avrebbe in automatico trattenuto il 4% di r.a. (non dovuta in questo caso). Spero d'aver fatto bene.

 

Spero anche che dal momento che non ho versato alcuna ritenuta possa risparmiarmi il 770.

Attendo vostre conferme, e nel frattempo ringrazio Dolores e Francesco 🙂

Invece hai fatto male.

Se hai utilizzato il bonifico ordinario, ora la spesa non è detraibile. Non voleva dir niente che la banca avrebbe operato la ritenuta del 4%, in quanto AdE ha specificato che la stessa viene portata a scomputo in sede di dichiarazione dall'imposta sostitutiva cui è assoggettato il contribuente minimo.

Dunque, ritorniamo al punto di prima: la parcella del geometra andrà inserita nel 770.

Se il tecnico è stato pagato con bonifico ordinario non si può più detrarre la spesa, però io credo che si deve inserire nel quadro AC e non nel 770, in quanto nel 770 vanno riportati i fornitori a cui abbiamo fatto la ritenuta d'acconto, mentre nel quadro AC i fornitori che non sono soggetti a ritenuta d'acconti, appunto il tecnico che usufruisce del regime agevolato dei superminimi.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Va bene, allora inseriscila (l'inserimento non è inficiante).

non è inficiante però come sostieni tu è sbagliata. Non comporta niente l'iserimento nel quadro AC?

Omg! Per un attimo ho temuto il peggio, ma mi ricordavo male. In effetti avevo sí usato erroneamente il bonifico ordinario, poi sentita anche la vs collega Patrizia Ferrari, a suo tempo mi son ravveduto ed ho ripetuto il pagamento, previa nota di credito, usando il bonifico ristrutturazione. Quindi ora dovrebbe esser detraibile e tutto "a norma", giusto?

 

Visto che l'r.a. L'ha versata la banca, metto il geometra nell'AC e niente 770, vero?

Thx

Omg! Per un attimo ho temuto il peggio, ma mi ricordavo male. In effetti avevo sí usato erroneamente il bonifico ordinario, poi sentita anche la vs collega Patrizia Ferrari, a suo tempo mi son ravveduto ed ho ripetuto il pagamento, previa nota di credito, usando il bonifico ristrutturazione. Quindi ora dovrebbe esser detraibile e tutto "a norma", giusto?

 

Visto che l'r.a. L'ha versata la banca, metto il geometra nell'AC e niente 770, vero?

Thx

Secondo me si e puoi portare in detrazione la parcella del tecnico se bonificata correttamente.

Per me vale il discorso di prima: se il tecnico non è soggetto a r.a., anche se pagato con bonifico ordinario andava cmq nel'AC e non nel 770.

Ciao

Se il tecnico è stato pagato con bonifico ordinario non si può più detrarre la spesa, però io credo che si deve inserire nel quadro AC e non nel 770, in quanto nel 770 vanno riportati i fornitori a cui abbiamo fatto la ritenuta d'acconto,

1) mentre nel quadro AC i fornitori che non sono soggetti a ritenuta d'acconti, appunto il tecnico che usufruisce del regime agevolato dei superminimi.

 

 

 

2) non è inficiante però come sostieni tu è sbagliata. Non comporta niente l'inserimento nel quadro AC.

1) Non è corretto affermare in questo modo. Infatti, in linea generale (a prescindere ora dalla detrazione fiscale), i compensi non soggetti a ritenuta corrisposti a soggetti che applicano il regime fiscale di vantaggio (di cui all'art. 27 DL n. 98/2011) vanno riportati nel 770 (così come anche per i compensi corrisposti a coloro che hanno optato per il regime agevolato relativo alle nuove iniziative, di cui all'art. 13 L. 388/2000).

 

2) No.

1) Non è corretto affermare in questo modo. Infatti, in linea generale (a prescindere ora dalla detrazione fiscale), i compensi non soggetti a ritenuta corrisposti a soggetti che applicano il regime fiscale di vantaggio (di cui all'art. 27 DL n. 98/2011) vanno riportati nel 770 (così come anche per i compensi corrisposti a coloro che hanno optato per il regime agevolato relativo alle nuove iniziative, di cui all'art. 13 L. 388/2000).

 

2) No.

1) grazie per avermi chiarito questo punto, su cui voglio farti un'altra domanda:

a) cosa comporta riportare il pagamento fatto al tecnico (senza considerare la detrazione fiscale) che usufruisce del regime agevolato dei minimi sia nel 770 che nel quadro AC.

b) Oppure riportarlo solo nel quadro AC e non nel 770.

Per il mio programma di gestione vale lo stesso discorso della TOSAP, mi inserisce il pagamento a soggetti con regime agevolato nel quadro AC. O sbaglio nelle impostazioni del programma oppure .....boooo

 

2) Grazie

1) grazie per avermi chiarito questo punto, su cui voglio farti un'altra domanda:

a) cosa comporta riportare il pagamento fatto al tecnico (senza considerare la detrazione fiscale) che usufruisce del regime agevolato dei minimi sia nel 770 che nel quadro AC.

b) Oppure riportarlo solo nel quadro AC e non nel 770.

Per il mio programma di gestione vale lo stesso discorso della TOSAP, mi inserisce il pagamento a soggetti con regime agevolato nel quadro AC. O sbaglio nelle impostazioni del programma oppure .....boooo

 

2) Grazie

Riportarlo in entrambe le dichiarazioni non comporta alcunché.

C'è qualcosa che non va nel tuo programma...

Dalle istruzioni ministeriali:

 

Relativamente ai compensi, non soggetti a ritenuta d'acconto, corrisposti a coloro che applicano il regime fiscale di vantaggio per l'imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, previsto dall'art. 27 del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011, nel presente punto (22) va altresì indicato l'intero importo corrisposto, ancorché non assoggettato a ritenuta d'acconto. Il medesimo importo deve essere riportato anche nel successivo punto 25.

 

https://www.condominioweb.com/forum/quesito/compensi-per-prestazioni-da-quotcontribuenti-minimiquot-nel-770-47888/

b) Oppure riportarlo solo nel quadro AC e non nel 770.

Ad ogni modo, al fine di fruire della detrazione fiscale, a seguito del DL n. 70/2011 che ha eliminato l'obbligo di invio della comunicazione preventiva al COP, non è importante l'indicazione delle spese quanto l'indicazione dei dati catastali.

 

Dalle istruzioni ministeriali:

 

In relazione agli interventi sulle parti comuni condominiali iniziati a partire dal 14 maggio 2011, per i quali nell'anno 2013 sono state sostenute spese che danno diritto alla detrazione, l'amministratore di condominio indica nel quadro AC i dati catastali identificativi del condominio sul quale sono stati effettuati i lavori.

Dolly perdona ma ora sono un po' confuso, ho bisogno di chiarezza e di certezze 🙂

Ad ogni modo, al fine di fruire della detrazione fiscale, a seguito del DL n. 70/2011 che ha eliminato l'obbligo di invio della comunicazione preventiva al COP, non è importante l'indicazione delle spese quanto l'indicazione dei dati catastali.

 

Dalle istruzioni ministeriali:

 

In relazione agli interventi sulle parti comuni condominiali iniziati a partire dal 14 maggio 2011, per i quali nell'anno 2013 sono state sostenute spese che danno diritto alla detrazione, l'amministratore di condominio indica nel quadro AC i dati catastali identificativi del condominio sul quale sono stati effettuati i lavori.

Per chiarezza anche mia approfitto:

in un Condominio che ho lasciato prima della fine del 2013, che ora si gestiscono da soli, il facente funzioni deve:

1) compilare il quadro AC (pena la perdita dei benefici fiscali?).

2) Deve fare anche il 770 visto che hanno pagato me per gestire i lavori (come amm.re) ed io sono nel regime dei minimi?

3) nel 770 deve riportare anche la fattura pagata al geometra (anche lui nel regime dei minimi) che si è occupato della sicurezza (anche se pagato con bonifico per ristrutturazioni)?

4) il geometra che si è occupato della D.L. (in regime ordinario) pagato anche lui con bonifico speciale, va invece riportato nel quadro AC e NON nel 770?

5) Cosa succede se non si presenta il quadro AC?

6) Cosa succede se non si presenta il 770 (tra l'altro non è stata fatta nessuna r.a.)?

 

Grazie

×