Vai al contenuto
NERONE01

L'amministratore non rimborsa le quote lavori

Salve,

ho da recuperare un contributo regionale per i lavori eseguiti nel nostro condominio.

Il contributo è dato in base ai bonifici eseguiti da ogni singolo proprietario.

L'amm.re ha regolarmente incassato il contributo dalla regione tramite il comune.

Nell'ultima assemblea è stato approvato il riparto delle quote spettanti.

l'amm.re da oltre 2 mesi sta ostacolando e ritardando in ongi modo l'elargizione del mio rimborso.

Precisando che non ho alcun debito ne di quote ordinarie ne di straordinarie in riferimento a questi o ad altri lavori

realizzati negli anni, vorrei sapere come procedere per ottenere i miei soldi e se questo grave abuso è motivo di richiesta di

cessazione incarico dell'amm.re.

Grazie

Salve, io tramite legale o associazione di tutela, fin da subito e senza mezzi termini gli farei una diffida e darei un tempo non inferiore ai 15 gg. ad adempiere. Sono sicuro che otterrai quanto dovuto. Portalo davanti al Giudice! Informati se il tuo amministratore e' iscritto a qualche associazione. A risentirci. Ciao.

Infatti, che poi credo che debba cmq versarmi il dovuto, a prescindere da eventuali situazioni debitorie, essendo un rimborso su bonifici eseguiti.

Grazie

mandagli una diffida e successiva denuncia penale per appropriazione indebita.

Salve l' appropriazione indebita nel penale è stato depenalizzati. Fai una diffida e scrivi anche alla sua associazione gli farai brutta pubblicità.

aggiungo: Poichè e iscritto a una associazione, loro venuti a conoscenza del fatto, gli dovrebbero fare un annotazione negativa....

Salve l' appropriazione indebita nel penale è stato depenalizzati. Fai una diffida e scrivi anche alla sua associazione gli farai brutta pubblicità.

Anche se depenalizzazione non significa che deve non essere punito , non sarà ' piu' reato (adesso e' illecito amm8nistrativo )ma comunque e' illegale appropriarsi di soldi altrui . ( quindi verra' sanzionato ).

Ripeto informati se è a quale associazione e' iscritto...
anaci se non sbaglio
aggiungo: Poichè e iscritto a una associazione, loro venuti a conoscenza del fatto, gli dovrebbero fare un annotazione negativa....

Salve,

dipende, non tutte le sedi sono così severe con i propri associati. Ho visto situazioni in cui la denuncia di mancanza di deontologia e di professionalità non ha portato ad un bel nulla.

Ad ogni modo proceda con diffida e successivamente con azione legale e ne parli con gli altri condomini per giungere ad una revoca.

 

Cordiali saluti.

Salve, vero è che non tutti agiscono alla stessa maniera, per questo motivo ci vorrebbe l' istituzione di un albo nazionale proprio per evitare situazioni di questo e altro tipo. Io ho il massimo rispetto per gli amm.ri anche loro lavoratori, però devo dire che molti ne' approfittano per mancanza di regole rigide. Purtroppo se dobbiamo far valere i nostri diritti dobbiamo affidarci ai legali spendendo soldi e non sapendo come si evolverebbe.

Salve, vero è che non tutti agiscono alla stessa maniera, per questo motivo ci vorrebbe l' istituzione di un albo nazionale proprio per evitare situazioni di questo e altro tipo. Io ho il massimo rispetto per gli amm.ri anche loro lavoratori, però devo dire che molti ne' approfittano per mancanza di regole rigide. Purtroppo se dobbiamo far valere i nostri diritti dobbiamo affidarci ai legali spendendo soldi e non sapendo come si evolverebbe.

Salve,

bhe la nuova riforma dovrebbe portare ad una maggiore competenza ma non è detto che poi sia cosi. Alla fin fine da quel che vedo l'importante non è il titolo, dottore, avvocato, amministratore, consulente ecc... l'importante è la dedizione e la voglia di capire. Il legale non è la soluzione a tutti i problemi, anzi a mio modo di vedere si è perso la capacità di riflette e capire quando non si può andare oltre.

Sintomo di una mancanza di educazione e di rispetto delle norme che porta molta gente, dai privati ai professionisti, a fregarsene delle regole, a fare i furbi e a parlare anche troppo.

Subito appena si ha il minimo problema si ricorre all'avvocato, alle vie legali, come se qualsiasi forma di confronto pacifico fosse impossibile. Per come la vedo io l'azione legale dovrebbe essere l'ultima soluzione ma oggi ripeto la gente si fa gli affarucci propri e non guarda al bene comune.

 

Cordiali saluti.

Salve, logicamente la critica è rivolta a quei amm.ri poco corretti. A mio modo di vedere si ricorre vie legali quando ci si trova di fronte amm.ri ( ripeto solo quei amm.ri) prepotenti pensando di avere la massima autorità. I condomini indifesi succede sopra tutto questo nelle assemblee si lasciano intimorire dalle parole convinti che le norme giuste siano quelle del mandatario.Inoltre per esperienza, vi è assenza per non dire totale di cultura da parte dei condomini anche interessati come vengono spesi i quattrini. Ripeto la via legale sarebbe opportuna in presenza di tale negazione e abusi.saluti.

×