Vai al contenuto
alisuda

La tua libertà finisce dove comincia la libertà dell'altro

Buongiorno, sono una nuova iscritta e mi sento un pò emozionata a partecipare a questi forum perché ammetto non è mia abitudine. Ho deciso di scrivere per cominciare a far uscire questo malessere che ho dentro che comincia a essere pesante e mi sta condizionando la mia vita quotidiana. Il mio è un problema che in tanti hanno vivendo in condominio. Abito al terzo e ultimo piano di una palazzina residenziale costruita 8 anni fa. Nonostante la giovane eta e il luogo non è ben isolata e la trasmissione rumori è un serio problema. A maggior ragione se sotto al mio appartamento vive una famiglia anchessa proprietaria come noi con due bambini uno di 4 anni e uno di 1 anno e mezzo. i problemi sono cominciati quando il più grande ha cominciato a camminare e giocare da solo, lui non cammina, lui corre e salta continuamente di tallone anche ora che ha 4 anni e peserà circa 25 kg. Premetto sono mamma anche io, mia figlia ne ha 10 di anni e le ho insegnato che in casa non si corre perchè non è un parco e perchè attorno a vivono altre persone. Premetto anche che non ho mai detto nulla quando di notte vengo svegliata dai pianti dei bimbi perchè capisco che i bimbi piangono....ma durante il giorno non ho la stessa comprensione. Sono degli incivili senza limiti, in casa fanno crescere delle scimmie non dei bambini. I genitori non vogliono essere condizionati in casa loro ma non si preoccupano di limitare la libertà di chi ha la sfortuna di abitargli vicino. Questi bimbi non hanno orari, urlano e corrono da quando si svegliano alle 7,20 di mattina e capite che la sveglia la fanno loro, si fermano verso le 15 perchè li fanno dormire dopo l'orario di riposo condominiale e poi riprendono con i loro giochi fino alle 23 circa perchè il più grande ha molte energie, dice il padre. E' giusto che mia figlia che va a scuola alla sera non possa andare a dormire come vorrebbe alle 21,30 perchè cè troppo rumore e nel fine settimana che non va a scuola perchè fa il tempo pieno si deve svegliare presto quando lo decidono da sotto? Le vacanze di Natale sono state pesanti perchè non andando a lavorare abbiamo dovuto sopportare di più degli altri giorni.....erano sempre in casa pure loro. Abbiamo cercato tante scuse per uscire noi di casa. Ma il problema rientrando si riproponeva come prima. Ai genitori Il problema è stato segnalato oltre che da noi anche dagli appartamenti confinanti con il loro oltre che da quelli sotto. Questi a fine gennaio se ne vanno perchè non ce la fanno più a stare li con tale disturbo. A metà dicembre esasperata sono scesa e ho suonato al campanello, mi ha aperto la madre con il piccolo in braccio e il martello pneumatico al fianco dicendo: I miei figli fanno casino, chiama i carabinieri, sono bambini e non posso legarli a una seggiola. Hanno il diritto di giocare....... Lascio a voi i commenti, io ho perso il diritto di vivere serenamente in casa mia. Abito a Mirandola, con quello che è successo a maggio avere ancora una casa in piedi è una fortuna ma dire di vendere un terzo piano lo è meno e inoltre io amo questo appartamento, perchè devo andarmene per colpa di incivili? Cè un modo per far rispettare anche i nostri diritti? grazie

 

Cara alisuda,leggendo il tuo messaggio mi sembra di vedere me,con la "piccola" differenza:le scimmie abitano sopra di me e che la loro zona giorno(cucina e soggiorno) si trova sopra la mia camera da letto.Stessi comportamenti:mi devo svegliare quando si svegliano loro non importa se feriali o festivi(pensa che il giorno di natale hanno iniziato alle 06:30,hanno aperto i regali con urla e grida,giochi lanciati per terra,corsa e salti),quello grande che ha 6 anni sembra un rettile,e sempre sul pavimento,salta e corre in continuazione,sbatte in continuazione oggetti e giochi,ieri sera faceva girare le trottole per casa e le botte che si sentivano sembravano mobili fatti cadere,cosi erano forti.La piccola che ha 18 messi corre,urla in continuazione,anche lei come il fratello gioca solo sul pavimento.Anche per me le vacanze di natale sono state un incubo:erano sempre in casa sopra la mia testa.In quella casa non si parla ma si urla,non si cammina ma si salta,si corre,si tallona.Anche a me mi hanno risposto che i bambini non si possono legare,e poi"a casa loro possono fare quello che vogliono".Nel mio caso la disperazione ha preso il posto della tolleranza,mi spaventa tornare a casa sapendo quello che mi aspetta.Vendere:un sogno.Ancora non ho bambini,ma bambina lo sono stata anche io,siamo 3 fratelli,avevamo vicini sia sopra,sia sotto che su tutti e due i lati,ma non e mai venuto nessuno a lamentarsi.Penso di essere cresciuta bene anche se seguivo delle regole:non si correva in casa,si giocava sempre sul tappetto o addirittura sul divano,se volevo una cosa la chiedevo usando un tono di voce basso,non come fanno quelli di sopra urlando"aaccccqqquaaaaaaaaaaaaa",la mia mamma diceva sempre:comportatevi come se in casa non ci fosse nessuno.Sono cresciuta seguendo delle regole e sono cresciuta bene. Ehehe, erano altri tempi(ho soltanto 28 anni).

Un modo per far rispettare i nostri diritti di persone educate:utopia.Pure le leggi tutelano gli incivili.

Alisuda ma i condomini sono pieni di genitori che rispondono sempre le stesse cose, ma e' possibile? MA BASTA con questi bambini che devono giocare e non possono essere legati:BASTA!!! Come dici tu questi bambini cresceranno senza regole sentendosi autorizzati a fare quell'accidenti che vorranno, senza il minimo rispetto per nessuno!! Ma perche' non si prende un pochino di esempio dai genitori che sanno educare i figli o dagli stranieri? Personalmente ho vissuto negli Usa per un periodo ed in Germania ma non ho mai visto genitori pronti a difendere a spada tratta i propri bambini, anzi, davanti a delle lamentele ho visto ben altre reazioni!!! Quei bambini possono vivere ed essere portati ovunque senza crare problemi e domani saranno adulti rispettosi ed educati! CHE SOGNOOOO

Hey ciaoooo=)

Io sono una studentessa di Rieti e sopra di me ho una mandria di bufali!! mi devo subire il cane che abbaia e che cammina ( si sente il tic tic delle sue unghie)...

per non parlare dei padroni che alle 7 del mattino passano aspirapolveri, che camminano con tacchi, battono tappeti( con capelli peli umani e del loro cane) e tovaglie sui miei panni;per non parlare che sento la vibrazione del loro telefonino,la loro tv e i loro "rumori" ogni volta che vanno in bagno!!!

secondo te è finita qui??

ci si mettono pure le mie coinquiline che fumano sigarette in giro per casa e fanno feste a tutte le ore!!!!!

TI CAPISCO PERFETTAMENTEEEE ti consiglio di parlare con il capo condomino e di fargli scrivere se non fosse sufficiente chiama i carabinieri nelle ore di riposo e denunciali per schiamazzi notturni!!!! fammi sapere poi come va a finire:)

Laura

laura AIUTO!!! Ci mancavano le coinquiline: una gabbia di matti! SCAPPAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Scritto da Sendy il 14 Gen 2013 - 16:37:17: laura AIUTO!!! Ci mancavano le coinquiline: una gabbia di matti! SCAPPAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Infatti credimi io prima o poi in questi 3 mesi che sto aspettando per preavviso "do di matto" ( come si dice dalle mie parti).

Fidati chiama i carabinieri!!!!

gli appartamenti non sono loculi!!! bisogna pur vivere in casa!!!insonorizzatevi gli appartamenti oppure andate a vivere da soli in villetta!!!

Non si tratta di vivere in loculi, ma di rispetto. Dato che tutti gli appartamenti (più o meno vecchi)veicolano i suoni in maniera abbastanza diretta (a parte quelli in classe A, a detta di qualcuno), bisogna cercare di capire che non si può fare quello che si vuole nel proprio appartamento. Questo vale per entrambi, sia per chi produce più confusione, che per chi deve "subire" il rumore altrui (ci vuole pazienza...). Le corse, gli strepiti, gli abbai dei cani, le sedie trascinate e chi più ne ha più ne metta sono tollerabili come eccezioni, non come normalità. Altrimenti il rapporto di vicinato si tramuta in un rapporto squilibrato in cui uno prevarica i diritti dell'altro. E in un caso del genere, allora è giusto dire che se si vuole fare tanto rumore quanto si desidera, allora il condominio non è il luogo ideale per vivere, forse conviene spostarsi in una villetta, dove si potrà fare la lavatrice alle 03.00 di notte, trascinare i mobili alle 06.00 di mattina, lasciare i figli correre come selvaggi, ecc ecc.

 

Spero di aver chiarito, senza voler far polemica alcuna, che a trasferirsi in villetta non deve essere solo chi esige tranquillità, ma anche chi esagera nel causare disturbo. In altre parole ci vuole equilibrio.

 

Isola

Ho già postato qualche mio commento su argomenti come questo e credo che quello che ha detto Migale sia l'ottimo riassunto di come tutti dovremmo cercare di vivere.

Aggiungo una piccola considerazione che può essere un buon punto di riflessione.

Un amico si è trasferito in Svizzera per lavoro da paio di anni.

Li, il condominio, è vissuto molto diversamente.

E' stato ripreso perchè ha più volte tirato lo sciacquone di notte, per aver fatto una doccia prima delle 7 del mattino e per aver buttato la spazzatura ma con un sacchetto non perfettamente chiuso.

Ha comprato delle cuffie per la TV.

Ha smesso di tagliare il prato del giardino di domenica perchè il regolamento prevede che sia fatto solo di sabato e in determinati orari.

Se alla sera arriva tardi non può mettere la macchina nel box perchè la serranda fa rumore e quindi viene lasciata in giardino.

La lavatrice è condominiale nei sotterranei e non si possono avere lavastoviglie in casa.

 

Se queste regole non vengono rispettate si chiama la polizia e quella interviene...sempre!

 

Onestamente io quando sono ospite da lui mi sento in un lager...ma come detto ci vuole equilibrio.

 

Salve volevo dire la mia su questa discussione ,sono un po' allibito sinceramente per i termini usati "scimmie" e via dicendo e che i bimbi giocano sul pavimento "forse dovrebbero volare" chissa' magari si .

Queste persone non si ricordano di essere stati bambini anche loro o forse a voi vi tenevano legati?

E quindi si e diventati persone poco concilianti verso il prossimo poi e chiaro che le regole valgono per tutti grandi e piccini e sta ai genitori farle rispettare anche ai piu' piccoli.

Ma chi usa queste terminologie non credo sara' mai contento , forse meglio una casa in un bosco che dite ?

Buona Serata.

Gigi1972 non sono assolutamente d'accordo con te! nessuno pretende che nessuno voli ma che si rispettino gli altri si ed il rispetto deve essere inculcato ai bambini fin da piccoli! poi invece concordo sul termine "scimmie" che e' un po' bruttino

Quello che io non comprendo è la mancanza di rispetto che ormai regna sovrana. Se a me dovessero dire: "Guarda che fai rumore", mi vergognerei come una ladra e non farei volare una mosca. Invece le risposte sono: "A casa mia faccio quello che voglio", "I bambini sono bambini"! Ma esistono i tappettini di spugna!! Guarda, l'unica cosa che puoi fare, essendo all'ultimo piano, è rendergli pan per focaccia, ringraziando che non li hai sopra!

Una casa nel bosco!!!Una meraviglia ma purtroppo non me la posso permettere,e prima devo vendere questa.Dopo aver vissuto per 5 anni in condominio,,e non uno da 100 famiglie,ma da 4,dove ogni uno fa quello che vuole,dove i bambini giocano come si fossero al parco giocchi;dove mi tallonano tutto il giorno sopra la testa,dove trascinano tutto il giorno sedie,tavoli e stendini;dove porte,cassetti,sportelli vengono sbattuti dalla mattina a sera;dove non si parla ma si urla;dove vengono lanciati oggetti vari ogni 2 min sul pavimento(sembra che hanno l parkinson(con tutto il mio rispetto per chi soffre di questa orribile malattia));dove ceneri, sigarette e la sabbia del gatto vengono gettate sul mio terrazzo o nel mio giardino;dove mi sono sentita dire "a casa mia faccio quello che voglio"o "sono bambini devono giocare" una casa nel bosco la voglio volentieri. Meglio avere animali a torno che "umani"incivili,maleducati,ignoranti,cattivi e menefreghisti.Ma sono punti di vista,chi non subisce non può sapere come tutti questi rumori,che non vengono tutelati,ti portano alla disperazione.

Scritto da ROMOLO78 il 15 Gen 2013 - 22:46:18: gli appartamenti non sono loculi!!! bisogna pur vivere in casa!!!insonorizzatevi gli appartamenti oppure andate a vivere da soli in villetta!!!

Caro romolo78 vedo che..sei de coccio.

ti spiego.....cerca di capire.

le villette sono fatte proprio per chi vuole fare casino,sono state create appunto per chi non vuole dare conto agli altri facendo i cavoli loro e basta,mentre nel momento in cui hai intenzione di andare in un condominio..visto che ci sono altre famiglie devi portare rispetto,devi rispettare certi orari.Non posso comprare un appartamento in un condominio e fare la scuola elementare,o asilo nido oppure una scuola di macarena.

ci siamo intesi?

se,vuoi fare tutte queste cose,allora l'ideale sarebbe una villetta...da solo ..e puoi fare tuuuuuuuutto il casino che vuoi

ciao buona giornata.

Quoto al 100% AnnaC e Lun@...Ragazze prima o poi tocchera' anche a Noi un po' di pace, forse ricominceremo a vivere, speriamo! Vi mando un grande abbraccio esteso a Dani, Senzaparole86 ed alle altre .

×