Vai al contenuto
verbal

La porta senza serratura, e la solita anarchia

Venerdì scorso (o forse il giorno prima), qualche furbacchione ha spezzato la propria chiave nella serratura della porta che conduce alle cantine (ovviamente non è stato NESSUNO).

E' una porta a molla, piuttosto massiccia (anche se non ha la serratura di sicurezza), che dall'esterno si apre solo con la chiave.

 

Le cantine, invece, hanno delle serrature molto rudimentali: giri la chiave e insieme a lei gira una staffa che blocca e sblocca la porta.

Non ci sono mandate né nulla, e le porte sono poco più che lamiera.

 

Tornando all'ignoto idiota che ha spezzato la chiave (ma che forza bisogna averci, per spezzarcela dentro? A me non è mai successo),

la domenica seguente c'è stata una mobilitazione generale di "scimmioni" nerboruti del condominio che, dai e dai, sono riusciti a sfilare il cilindro.

Attualmente la porta è senza serratura, quindi apribilissima da chiunque.

 

La deficiente del piano di sopra (scusate se approfitto di ogni occasione per infamare i miei vicini), appena ha sentito la frase "Comprare un cilindro nuovo", ha cominciato a sbraitare dicendo che lei non lo avrebbe pagato, perché "IO IN CANTINA NON CI VADO MAI!!!!" (bene, allora non ti faremo avere la chiave!).

 

E così, una volta risolto il problema principale (rendere di nuovo accessibile il vano cantine), la questione è stata insabbiata e adesso questa cavolo di porta è lì tranquilla senza serratura.

Pensate un po' a che livello di evoluzione stanno 'ste genti, oh.

 

Ora, mi domando:

possibile che l'ottusità di una cretina (daje) che per capriccio e "bastiancontrarietà" non ha voglia di pagare (dio, quanto saranno? cinque euro a testa?) sia sufficiente a far mettere da parte la questione?

Non abbiamo amministratore, abbiamo un diavolo di "comitato" generale ("amministra" tutte e quattro le palazzine popolari, ma, nei fatti, si manifesta solo l'8 di ogni mese, quando c'è da riscuotere), che se ne sbatte (di tutto) e che è pappa e ciccia con colui che si crede il boss del condominio (e che anche lui se ne sbatte e non c'ha voglia di ripristinare quel minimo di sicurezza che c'era prima del fatto).

 

Già viene lasciato spesso aperto, di notte, il cancello automatico dello stabile,

già mi capita spesso di trovare aperto il portone del palazzo quando torno tardi,

e ora pure le cantine lasciate accessibilissime.

 

E poi sempre questo cavolo di vizio di non dire chi è stato a rompere la chiave (non è la prima volta che troviamo chiavi rotte in serrature varie): che ci vuole? Nessuno ti mangia, è una cosa che può succedere (?).

Mi fa sempre più schifo, 'sta gente.

Scusate la polemica.

Io penso che l'unica soluzione qui sia una colletta tra i condomini che hanno interesse a tenere la zona delle cantine "sicura". Ovviamente non si risolve il problema dei condomini morosi o della difficoltà di amministrare un supercondominio come il tuo, ma almeno arginate la problematica delle cantine finchè qualcuno non rompe nuovamente la chiave nella serratura...

 

Isola

Ciao,

nel palazzo in cui abitavo prima,mensilmente si versava una quota che serviva per le spese condominiali, questa quota veniva gestita dall'amministratore che provvedeva, qualora si sfasciasse qualcosa riguardante il palazzo ad aggiustare quasi immediatamente la tal cosa senza indagare su chi fosse il colpevole (tanto è inutile..). L'ultima volta che hanno rotto la serratura che portava alle cantine due giorni dopo era già risolta la questione.Se ancora non l'avete mettetevi un bravo amministratore che vi gestisca il palazzo se no passerete tutta la vita ad insultarvi per niente (potrà capitare anche a te di rompere qualcosa delle parti in comune e chissà se dirai ecco sono stata io pago tutto, spesso si rompono le cose in comune perchè vengono usate spessissimo e non credo che uno rompa per divertimento)

 

 

Ciao,

io direi che se hai dei condomini che si rifiutano di partecipare ad una spesa così minima, figurati se tutti si metterebbero d'accordo per crere una sorta di "fondo emergenze riparazioni"- senza il coordinamento dell'amministratore per giunta.

La soluzione che mi sembra più appropriata nel tuo caso, è fare una riunione con tutti i condomini e decidere una volta per tutte che se non siete d'accorso tutti sul riparare le cose di TUTTI, allora è il caso che si segnino i nomi dei condomini che intendono partecipare alla spesa, e che SOLO questi abbiano da oggi in poi l'accesso alla cantina.

Come diceva Mariro, le cose che utilizzano molti, sono più soggette a danneggiamenti, rotture e guasti quindi rompere non è una colpa. Magari con un discorso di questo tipo, fatto in presenza di tutti, riuscirete ad evitare (o limitare) episodi di "assenteismo" come in questo caso della chiave rotta nella serratura.

Buona fortuna e facci sapere!

 

andrea_780

Ma ei molto sfortunato ad abitare in un condominio così ! dove vi sono scimmioni,cretini e deficenti,...io cercherei di andare adabitare da altra parte,....sherzi a parete penso che possiate cercare un amministratore che sia quasi obbligatorio visto il numero dei condomini ,se si pongono problemi per spese irrisorie la cosa è triste e molto brutta,buona fortuna.

Ma sei moto sfortunato ad abitare in un condominio dove vi sono cretini,scimmioni,deficenti,...io cercherei,se possibile,di andarmene,...scherzi a parte,io cercherei di riunirmi con altri "saggi" e proporrei un amministratore visto che la legge quasi lo impone,..se non vi acccordate per una spesa così irrisoria figurati quando vi sarà qualcosa di importnte!!!nel condomminio dove abito annni fa un condomino ha rottto la chiave della serratuura,si è autoaccusato e l'amministratore visto che il nottolino ormai era molto consumatolo ha fatto sosttituire e la spesa è stata divisa tra tutti e nessuno ha reclamato,forse saremo un condominio anomalo,ma più si v d'accordo e meglio è, almeno credo...

ciao,

a grande richiesta [bD] vi aggiorno sulla questione, che andò così:

 

la donna del piano di sopra è rimasta arroccata sulle sue convinzioni (di non pagare per un cilindro nuovo) e gli energumeni del palazzo, dopo aver lasciato la porta delle cantine senza cilindro per alcuni giorni,

non si sa in che modo,

sono riusciti a estrarre il pezzo di chiave rotta dalla toppa.

Quindi, hanno rimesso lo stesso cilindro nella porta e festa finita.

 

Devo ribadire che il mio condominio fa parte di un complesso, ahimè, popolare (e si vede!!)

e che il complesso non ha più un Amministratore da ormai otto anni: c'era una signora moooolto solerte che faceva da amministratrice quando sono venuta a vivere qui, ma purtroppo dopo qualche mese è morta.

A quel punto, per motivi di costi (l'Amministratore costa! E 24 famiglie non possono certo permettersi di mantenerne uno, capite bene!!!), gli abitanti hanno deciso di promuovere un'Autogestione.

 

Questa simpatica Autogestione è presieduta da un CARO signore che si occupa solo di incassare il condominio una volta al mese (e c'è un sacco di gente che sta mesi senza pagarlo, fra l'altro).

 

Dei PROBLEMI non si occupa.

Esempio: sono OTTO ANNI che i citofoni non funzionano (né quelli sulla cancellata che delimita il complesso, né quelli accanto ai portoni), cioè non si sente e non si viene sentiti (si può solo suonare e aprire).

Mia madre varie volte ha fatto presente questo problema al signor

Autogestore, il quale ha sempre fatto spallucce (come a dire "Che me ne frega? Ripàratelo da te").

 

L'unico problema che viene sempre risolto con prontezza e sollecitudine è quello del cancello automatico quando non funziona (per ovvi motivi di accessibilità) e quello delle fosse biologiche: gli spurghi vengono chiamati periodicamente.

 

Per il resto, IL NULLA.

 

Abbiamo un giardiniere (costoso) che viene tutti i mercoledì e una ditta di pulizie che pulisce due volte alla settimana (e che riscuote 10 euro al mese da ogni famiglia: quindi senza attingere dal "fondo cassa", che pure esiste!).

 

Ma un amministratore non vogliono pagarlo.

 

Non vengono neppure fatte riunioni periodiche (immagino che nei condominii NORMALI queste vengano fatte a cadenza regolare).

 

Se ne è tenuta una, per l'appunto, venerdì scorso,

solo perché a qualche GENIO è venuto in mente di voler far ridipingere le scale di ogni palazzina (certo, mi sembra una cosa MOLTO IMPORTANTE E URGENTE) e quindi bisognava vedere se gli abitanti erano d'accordo.

Non so nemmeno come sia finita, perché non ci sono andata personalmente (mi sarebbero saltati i nervi: la gente di questo stabile NON LA POSSO VEDERE).

 

 

 

Nell'ordine del giorno c'era anche l'elezione dei capiscala, ma, se dio vuole, non sono stati scelti (non era prioritario).

Il caposcala è un essere completamente inutile (ho letto qui sul forum che non ha valenza giuridica) che avrebbe soltanto appesantito ulteriormente il clima del mio condominio, atteggiandosi a bulletto del palazzo (lo so perché lo scorso caposcala - che poi sarebbe stato l'unico a ricandidarsi - se ne approfittava per fare il boss).

 

I miei genitori, purtroppo, non hanno intenzione di abbandonare questa casa,

e ho saputo che vogliono che in futuro ci resti io

 

 

Però spero di poter trovare una scappatoia per andarmene a vivere altrove,

perché ci sto rimettendo in salute mentale (sono in cattivi rapporti con tutti, ho all'attivo una quasi-rissa di condominio e il ristagno perenne di ogni situazione problematica mi snerva, per non parlare dei comportamenti incivili messi in atto quotidianamente da queste BESTIE).

 

 

 

Vuoi fare a cambio? verbal, tu hai "una cretina ottusa", io ne ho 8 che per un portone rumoroso di cui sono più 3 anni che mi lamento. La ditta installatrice riconobbe subito il problema e si offrì per una sostituzione gratuita. Ho ottenuto solo una riga su un verbale d'assemblea che recita: "I condomini approvano nella prossima assemblea la spesa per sostituzione del braccetto e della serratura del portone".

I pezzi cambiati e l'assemblea ancora li aspetto e i balordi che sbattono apposta sono stati denunciati.

×