Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Maria Antonietta 23

La legge sulle distanze si applica ai lampioni e agli impianti di illuminazione?

Un mio condomino mi ha chiesto di aggiungere un lampione su un vialetto condominiale di accesso al suo villino che passa accanto al giardino del vicino. La richiesta deriva dal fatto che il vialetto è buio e lui è già caduto per scarsa visibilità. Il vicino con il giardino che costeggia il vialetto si è opposto facendo appello alla legge sulle distanze dicendo che il lampione non può essere messo all'interno dei tre metri dal suo recinto. D'altronde il primo ha fatto una richiesta che riguarda la sicurezza dei passanti. Come mi consigliate di gestire la cosa? Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Essendo il vialetto parte comune, la proposta deve essere portata all'attenzione dell'assemblea.

Personalmente non mi è mai capitato che si debbano rispettare distanze legali per i punti luce. Potresti controllare, eventualmente, nel regolamento edilizio del tuo comune.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie ma un vialetto buio può essere considerato lavoro urgente per la sicurezza e quindi illuminabile senza la delibera condominiale?. In altre parole se il primo condomino cade perchè io non ho messo il lampione con urgenza può rivalersi su di me?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se il lampione verrà posizionato su area comune e verrà approvato in assemblea con la maggioranza per le migliorie (se la spesa non è eccessiva), il condomino dissenziente dovrà adeguarsi o impugnare la delibera ma per le distanze di un lampioncino non ho trovato nessun obbligo. Il condomino fa riferimento alle distanze per le costruzioni ma non credo che la stessa possa interessare un lampioncino. In tema di distanze fra le costruzioni il primo riferimento normativo è il Codice Civile agli articoli 873 e ss. fino al 907.li art. del c.c. sul quale comunque prevalgono nel condominio le norme che regolano l'uso delle parti comuni che non derogano a questi articoli

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ribadisco che la richiesta deve essere portata in assemblea. Con la necessaria delibera, potrai procedere. Ipoteticamente, anche una semplice scivolata dai gradini delle scale potrebbe essere portata a pretesto causa mancanza delle strisce antisdrucciolo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie ma un vialetto buio può essere considerato lavoro urgente per la sicurezza e quindi illuminabile senza la delibera condominiale?. In altre parole se il primo condomino cade perchè io non ho messo il lampione con urgenza può rivalersi su di me?

Potrà semmai chiedere un risarcimento per danni a tutto al condominio ma dubito fortemente che possa trovare un appiglio legale per farlo visto che il lampioncino non c'è mai stato. Diverso sarebbe se il lampioncino ci fosse e per tuo manato intervento non fosse funzionante o se ci fosse una delibera approvata dall'assemblea sull'installazione del lampioncino e tu non avessi provveduto ad attuarla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

premesso che non sò se anche per i lampioncini vanno rispettare le distanze

 

1) il vicino che si oppone è un condomino ? perchè in condominio se non è possibile fare diversamente le distanze non vanno rispettate

2) ma il vicino perchè si oppone ? non è possibile accontentare entrambe le parti ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×