Vai al contenuto
GHIRO-72

La convocazione d'assemblea per la modifica della destinazione d'uso di parti comuni

Salve a tutti, stavo facendo una ricerca sull'argomento in oggetto, ma la quantità di informazioni che ho reperito vertono principalmente e genericamente su tutto l'art.1117-ter. Sono alla ricerca di qualcosa di più specifico e dettagliato riguardo esplicitamente alla convocazione dell'assemblea, come da titolo. Farebbero molto comodo anche citazioni di sentenze... grazie.

Grazie, ma l'avevo già trovato! :-)

 

- - - Aggiornato - - -

 

In maniera più specifica, cosa? Forma, tempi, odg, allegati, documenti..?

Diciamo di dover fare un articolo di giornale, che non sia troppo breve, in cui descrivere la materia "convocazione dell'assemblea" riferita esclusivamente alla modifica della destinazione d'uso delle parti comuni.

Sto quindi raccogliendo materiale per estrarne i contenuti che ritegno validi... purtroppo l'art.1117-ter è nuovo, quindi non trovo neanch sentenze in merito... che ne so, magari che descrivano un errore fatto in sede di convocazione che ha fatto annullare la delibera... voglio dire, la descrizione della convocazione nell'articolo è chiara, io devo cercare di trovare altre descrizioni, magari di casi pratici.

Temo che per avere delle sentenze sul tema, visto che l'articolo è recente (18.06.13), ci vorrà ancora del tempo.

Per la parte della convocazione, credo valgano i precetti già esistenti, ovvero che l'odg deve contenere chiara e comprensibile mensione di ciò che verrà trattato in quel punto. E conseguentemente cosa si desidera porre a votazione. Su questo di sentenze ne trovi.

Bene anche sottolineare di non attenersi al minimo dei giorni di anticipo previsti dal codice, a maggior ragione se includono festivi o semitali. E di scrivere sempre che l'accesso alla documentazione è consentito presso...orari....giorni.

 

Sulla parte tecnica, specificherei cosa è una destinazione d'uso. Leggo spesso un pò di confusione. Se sia riferita solo alla variazione con Docfa (a mio avviso sì) e non quando ad esempio un ripostiglio per olive lo si vuol far diventare ricovero biciclette.

 

In sostanza, a me sembra siano state riviste principalmente le maggioranze. Il resto c'era.

Salve,

la riforma è recente e per le sentenze si dovrà aspettare.

In linea valgono i principi generali di buona diligenza del pater familias, in questo caso dell'Amministratore che dovrà indicare in maniera esauriente lo scopo dell'Odg, relazionando ai condomini i costi e le eventuali modifiche del bene.

Destinazione d'uso inteso proprio nel suo cambio radicale, tipo abitazione portiere modificato in locali caldaia per soppressione servizio portierato.

Si può e si deve fare riferimento all'art.1117 ter, citando le parti principali.

Se ha bisogno di ulteriori chiarimenti o consigli chieda pure 🙂

×