Vai al contenuto
Banjo68

L. M.

Devo cambiare sanitari e arredo bagno e mi faccio fare un preventivo da una nota azienda francese. Tutto questo però deve essere pagato prima dei lavori.Vi pare giusto? 

Normalmente i lavori si pagano a fine lavori o, per quelli importanti, ad avanzamento dei lavori. La scelta di quella nota ditta di richiedere il pagamento anticipato forse (e ripeto il forse, non conosco la situazione) può essere dovuta al fatto che o l’azienda è in cattive acque e ha un bisogno immediato di soldi. Comunque io non accetterei: pagare dopo avere visto il cammello.

Modificato da madly

La ditta in questione è una catena di vendita.

Fa anche servizio installazione, ma è un servizio legato alla vendita, quindi segue le regole della vendita: paghi nel momento in cui compri i materiali, anche se l'installazione verrà fatta dopo.

Tutte le grandi catene (Brico, Obi, Ikea, Mondo convenienza) fanno così

  • Grazie 1
Seralia dice:

La ditta in questione è una catena di vendita.

Fa anche servizio installazione, ma è un servizio legato alla vendita, quindi segue le regole della vendita: paghi nel momento in cui compri i materiali, anche se l'installazione verrà fatta dopo.

Tutte le grandi catene (Brico, Obi, Ikea, Mondo convenienza) fanno così

Mondo convenienza ti chiede solo un anticipo e a lavoro effettuato saldi la rimanenza. 

Vero, con l'installazione da mondo convenienza paghi dopo, ma per i materiali da ritirare senza installazione non presenti in esposizione (io ho preso delle scarpiere) mi ha fatto prima pagare e poi passare a ritirarli la settimana dopo in magazzino. Mi sono confusa tra i due casi.

Banjo68 dice:

Tutto questo però deve essere pagato prima dei lavori.Vi pare giusto? 

se chiami un impresa acquista per te e poi paghi a fine lavori, ma se i materiali li acquisti tu è corretto  che li paghi subito, venditore e impresa sono due entità separate anche se il venditore fornisce un impresa, d'altronde se fai un acquisto diretto si potrebbe evitare un sovraprezzo messo dall'impresa che quanto meno ha anticipato l'acquisto.

 

Antonio 

Modificato da Molinodoppio

Giusto o non giusto, sono politiche commerciali.

Nulla di illecito.

Ti va bene? Paghi.

Non ti va bene? Ti rivolgi altrove.

 

 

Modificato da Baccello
  • Mi piace 1
Banjo68 dice:

Devo cambiare sanitari e arredo bagno e mi faccio fare un preventivo da una nota azienda francese. Tutto questo però deve essere pagato prima dei lavori.Vi pare giusto? 

 a Roma ci sono un noti rivenditori di elettrodomestici che adottano la stessa politica.

edson sempre stati puntualissimi.

Banjo68 dice:

Devo cambiare sanitari e arredo bagno e mi faccio fare un preventivo da una nota azienda francese. Tutto questo però deve essere pagato prima dei lavori.Vi pare giusto? 

Considera che Leroy Merlin è un rivenditore al dettaglio, pertanto si fa pagare alla vendita, l'installazione è solo un "accessorio". Per contro hai la certezza che il bagno ti verrà installato (bene o male) e nessuno scapperà con i soldi. Si sa prima di varcare le loro porte, perchè lamentarsi?

Danielabi dice:

Considera che Leroy Merlin è un rivenditore al dettaglio, pertanto si fa pagare alla vendita, l'installazione è solo un "accessorio". Per contro hai la certezza che il bagno ti verrà installato (bene o male) e nessuno scapperà con i soldi. Si sa prima di varcare le loro porte, perchè lamentarsi?

Credimi non ne ero a conoscenza e comunque in altte realtà ti chiedono un anticipo. Comunque può essere giusto che tu paghi il materiale ma la mano d opera, che risulta più di quello che vorrei montare è compresa nel saldo prima dei lavori. 

Sai subito quel che spendi, senza sorprese finali (o almeno si spera...).

Banjo68 dice:

Credimi non ne ero a conoscenza e comunque in altte realtà ti chiedono un anticipo.

certo che può capitare, magari piccoli rivenditori pur di vendere paghi un acconto il resto alla consegna,

ma il mondo di oggi funziona cosi: fattura oggi perchè domani devi fatturare il doppio!

Danielabi dice:

Be'.....vendite online e si tratta di disguidi (mala gestio)

Pero' si sa come funziona la grande distribuzione.....😈

A volte non funziona qualcos'altro...

Per sostituire un semplice lavello di cucina, con rubinetto e pensili, di mia madre,
hanno sbagliato indirizzo...

Tutti presenti in loco nel loro locali (mia madre, mia sorella ed io)

Per stampare un preventivo la commessa si è assentata qualche minuto...

... per raggiungere la stampante collocata in altro reparto...

Era previsto anche un sopralluogo per rilievo...

Controllo lo stampato, faccio notare errore (orrore ?) dell'indirizzo...
... altri minuti per la stampa... indirizzo corretto... OK

Il giorno fissato ricevo chiamata da chi doveva fare il rilievo...

Mi dice che non trova il numero civico...

Io più o meno rispondo...

Ma va... che peccato... sei nel quartiere di Quarto (quello dei Mille)...

... lì non si trovano numeri alti... di alto ci sarà altro...

... prova a passare nel mio quartiere di San Teodoro (uno di quelli storici di Genova)...

... la strada più breve è di circa 12 km, sulla costa, non prendere l'autostrada (21 km), a monte...

... se entri non so quando uscirai...

Modificato da Alberto.Cannaò
Alberto.Cannaò dice:

prova a passare nel mio quartiere di San Teodoro

oooooooooh, la vedi la Lanterna?

be', che gli spedizionieri non trovino gli indirizzi è abbastanza frequente, mi è capitato di "andarli a prendere" piu' di una volta.

Pero', dai.....piu' clienti devi seguire, piu' grande è la distribuzione, piu' è facile sbagliare....

Allora, meglio se Banjo si rivolge ad un idraulico vicino a casa sua, ma temo costi molto di piu'.

ma che Banjo stavolta ha comunque ragione, lo vogliamo dire seppur sottovoce?

Perchè io consumatore mi debbo fidare a occhi chiusi,e tu grande distributore temi di perdere qualcosa di infinitesimo rispetto al tuo lucro sul singolo consumatore.

ma è un parlare inutile.

Tutti ci adeguiamo.

Per stanchezza, perché lo fan tutti, ma soprattutto perché quando entri dentro questi grandi centri, con questi commessi ragazzini che sanno tutto loro, ti senti spersonalizzato.

in realtà non parli con nessuno, non ti confronti con nessuno,e nessuno ti ascolta.

fai un acquisto che  ritieni il meno peggio, lo sai e te lo tieni.

io personalmente preferisco pagare di più, ma relazionarmi con chi conosco.

e non mi deludono quasi mai.

poi le vendite on line....

vi dirò.

mai acquistato su catalogo in vita mia.

e mai lo farò.

vado ne mercati di zona e ci perdo il giusto tempo.

quello che vedi stampato è sempre diverso da quello che poi acquisti fisicamente.

p.s. andrò fuori tema ma come fai per esempio a comprare un paio di scarpe su Zalando dico per dire.

io una volta compro il 45 e mi va stretto.

l'utima volta ho comprato addirittura un 46.

a volte un 44.

on line starei sempre a prendere pacchi e rendere pacchi,e così per tutto.

Vous n'avez pas besoin d'être absolument moderne.

Smentiamo Rimbaud,

una volta per tutte.

Modificato da enrico dimitri
ho aggiunto il quasi mai..
  • Grazie 1
Danielabi dice:

oooooooooh, la vedi la Lanterna?

Ma(h)... se ghe penso... allôa mi veddo o mâ ... (ciù ’n pö, una piccola apertura)
Veddo i mæ monti... (case e simile ripetitore)

e a ciassa da Nûnsiâ (copertura box auto di altro Condominio)
Riveddo o Righi (Granaieu, Granarolo)

e me s'astrenze o chêu (quando nevica preferisco stare qui, più basso)
Veddo a lanterna (dalla terrazza, copertura praticabile del mio Condominio, forse si),

a cava, lazû o mêu
Riveddo a-a seja Zena inlûminâa (da 8 dicembre le luci natalizie sui balconi, tanti...)
Veddo là a Fôxe (troppo lontana...) e sento franze o mâ (magari...) 😭

 

enrico dimitri dice:

Vous n'avez pas besoin d'être absolument moderne.

Smentiamo Rimbaud,

una volta per tutte.

 

Il faut être absolument moderne

All’asta il revolver con cui Verlaine sparò a Rimbaud

Modificato da Alberto.Cannaò

Traduzione dal genovese (dolce e aspro, bellissimo):

Ma se ci penso allora io vedo il mare,
vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo...
Rivedo la sera Genova illuminata,
vedo là la Foce e sento frangere il mare

 

Be', Alberto.....Genova così, purtroppo, non la vede piu' nessuno, c'è tanto cemento di mezzo..😥

Danielabi dice:

Be', Alberto.....Genova così, purtroppo, non la vede piu' nessuno, c'è tanto cemento di mezzo..

Mi sono ricordato che tramite la RAI (di tutto di più)
è possibile intravedere qualche pezzo di Genova...

... dintorni... ed altri comuni della Liguria (Arenzano, Rapallo, Camogli... Roma?, Civitavecchia?)

... troppe volte le riprese sono troppo veloci...

Blanca, serie Rai 1

Al Commissariato di San Teodoro non sono in pochi a chiedersi
come possa essere utile una donna come lei, non vedente. 

Nei romanzi la storia è ambientata a Pozzuoli (Napoli), mentre in TV si svolge a Genova.

ALL'INIZIO DELLA PRIMA PUNTATA

Cremagliera Principe - Granarolo - Fermata Via Bari
Quartiere Oregina (confine con San Teodoro)

   Blanca scende verso capolinea a valle (Piazza del Principe) (Via Bari è vicina a dove abito io)

... poi improvvisamente... Camogli ? ... mi pare un po' lontanuccio...

ALL'INIZIO DELLA SECONDA PUNTATA

La Galleria Mazzini dietro Teatro Carlo Felice, poi si attraversa il Teatro, saltano Piazza Matteotti...

... forse c'era traffico (di gente) a quell'ora?...

Poi un Battistero (San Giorgio?), passaggio in Via di Prè
(altezza Piazza dello Statuto, da parapetto tipico)

(sotto c'è un mercato comunale)
(Quartiere Pre-Molo-Maddalena, confine con San Teodoro)

... salgono in Via Garibaldi, Via Roma, Piazza Acquaverde (Stazione Piazza Principe)

... che strano giro... avanti, indietro... manco un vigile urbano li ha fermati...

... non ci sono mai quando sarebbero utili...

... Piazza di Sant'Elena (... scusate non l'abbiamo fatto apposta...)
(alcuni personaggi cadono dalla moto)

... fuga a piedi per caroggi... (caroggi si pronuncia caruggi... che caruccio...)

... poi, finalmente, Piazza Grillo Cattaneo (dei Rolli) civico 1, luogo del delitto... (tromba scala)

... ma quando mai quella scala... (licenza poetica?)

... il palazzo l'ho riconosciuto... la scala no... riconosciute pure le discrepanze...

Blanca, ecco la storia del palazzo dei “fantasmi” nel secondo episodio della fiction Rai

Ciak si gira, per Blanca chiusa l’uscita della soprelevata e giovedì via i parcheggi scooter in piazza Dante

Auto finisce in mare ad Arenzano, scatta il recupero: ma per fortuna non è un incidente
eccetera

Modificato da Alberto.Cannaò

Appero'...oltre a trovare fulmineamente tutti i link del mondo, riesci pure a seguire le fiction? 😃

 

Chapeau!          immagine.png.f92c4781f5ca7505a1aa1853f3117715.png

Danielabi dice:

Appero'...oltre a trovare fulmineamente tutti i link del mondo, riesci pure a seguire le fiction? 😃

 

Chapeau!          immagine.png.f92c4781f5ca7505a1aa1853f3117715.png

Non tutte le fiction, almeno quelle girate a Genova, per ora seguo solo Blanca...

... ma da qualche anno ce ne sono altre... sembra abbiano scoperto l'uovo di Colombo...

... nel caso specifico sono curioso e vorrei decifrare i posti che non sono riuscito a riconoscere...

Raramente seguo le fiction, dei tempi recenti ricordo solo Montalbano...

... dei tempi lontani ricordo in particolare La Piovra... (sempre commissari sono)

... al momento leggo romanzi e racconti di Cammilleri con Montalbano

... ho letto del recentissimo scandalo per La stagione della caccia...

... prossime tappe gli altri romanzi di Camilleri (compresa La stagione della caccia)

i miei sinceri complimenti ad Alberto. 

Preferisco di gran lunga Sciascia a Camilleri.

lo trovo molto più immediato nello stile di scrittura, meno prolisso.

Per non parlare di Tomasi di Lampedusa.

unico e inimitabile.

Non ho mai prediletto neanche Pirandello, ma è un mio limite.

Amo Quasimodo, come me nella vita, di poche parole.

Ciao.

 

enrico dimitri dice:

i miei sinceri complimenti ad Alberto. 

Preferisco di gran lunga Sciascia a Camilleri.

lo trovo molto più immediato nello stile di scrittura, meno prolisso.

Per non parlare di Tomasi di Lampedusa.

unico e inimitabile.

Non ho mai prediletto neanche Pirandello, ma è un mio limite.

Amo Quasimodo, come me nella vita, di poche parole.

Ciao.

 

Di Sciascia ho visto solo il film Il giorno della civetta...

Di Tomasi di Lampedusa solo il film Il Gattopardo...

Di Pirandello i film Altri tempi - Zibaldone n. 1Questa è la vitaEnrico IV (1943)

   forse altri, ma dai riassunti che ho letto non mi pare

Per Quasimodo a scuola non c'è stato spazio...

... scontro con Eugenio Montale (di Genova) e Giuseppe Ungaretti (M'illumino d'immenso)

ricordo anche Giovanni Verga... e chissà chi altri non ricordo ora...

 

di Eugenio Montale (mi pare di averla citata qui da qualche parte, in merito al nulla)

Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
di me, con un terrore di ubriaco.

Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto
alberi case colli per l’inganno consueto.
Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.

io però preferisco il Montale più intimo e forse, meno tecnico.

una su tutte, la meravigliosa, ineguagliabile,

ho sceso,dandoti il braccio,almeno un milione di scale..

 

 

×