Vai al contenuto
alexcorty

Invio spese condominiali ad un indirizzo mail errato - violazione della privacy?

Buongiorno a tutti

 

L'amministratore del condominio dove possiedo un appartamento ha inviato il preventivo di spesa (tra l'altro dello scorso anno) anziché al mio indirizzo mail, ad un altro che non ha niente a che vedere con il condominio in questione.

Volevo chiedere se l'Amministratore è passibile di denuncia per violazione della privacy (nei documenti allegati sono riportati nomi e cognomi dei proprietari, relativi riparti e rate pagate e da pagare) e , se si, la denuncia con relativa richiesta di risarcimento danni può essere fatta da parte di un singolo condomino?

Grazie e buona giornata.

Buongiorno a tutti

 

L'amministratore del condominio dove possiedo un appartamento ha inviato il preventivo di spesa (tra l'altro dello scorso anno) anziché al mio indirizzo mail, ad un altro che non ha niente a che vedere con il condominio in questione.

Volevo chiedere se l'Amministratore è passibile di denuncia per violazione della privacy (nei documenti allegati sono riportati nomi e cognomi dei proprietari, relativi riparti e rate pagate e da pagare) e , se si, la denuncia con relativa richiesta di risarcimento danni può essere fatta da parte di un singolo condomino?

Grazie e buona giornata.

Presumendo che l'amministratore abbia errato in buona fede la risposta e' no .

Si.. questi documenti possono essere visionati solo dai condomini del condominio interessato.. ma addirittura richiesta di risarcimento.. chi non ha mai sbagliato nel lavoro.. che esagerazione..

Non sono dati sensibili, sono dati dentificativi (nome, cognome, indirizzo), e dati contabili: sono entrambi dati personali ma non sensibili. Detto questo, sembra che in Italia esista solo la legge per la privacy ...... vai dal Medico, e prima di pensare a curarti pensa (la segrataria) a farti firmare tonnellate di carta di consenso ed autorizzazione; poi magari non fanno neppure l'anamnesi e non si accorgano se sei allergico al lattice, ma la privacy è salva e tutelata. Siamo un paese ridicolo, che pensa solo alle baggianate, probabilmente perchè non è in grado di pensare alle cose serie ed importanti.

Aggiungo a quanto detto a NaCaSa, che si potrebbe danneggiare serimente un professionista e potrebbe ritrovarsi anche a non poter più esercitare la professione.......................e per cosa?

ammettiamo pure che ci stia il risarcimento.... il concetto di risarcimento danni consiste nella refusione dell'esborso economico patito effettivamente dal danneggiato: puoi dire di aver patito un danno direttamente conseguente dall'invio di quella mail?

ammettiamo pure che ci stia il risarcimento.... il concetto di risarcimento danni consiste nella refusione dell'esborso economico patito effettivamente dal danneggiato: puoi dire di aver patito un danno direttamente conseguente dall'invio di quella mail?

Difficilissimo da dimostrare ma non esistono solo i danni economici, potrebbe essere risarcito anche un danno di immagine.

Sarà pure un errore in buona fede ma difficile da dimostrare anche il caso fortuito senza aver posto la normale diligenza nel controllare l'indirizzo del destinatario.

Immagina se dai documenti risultasse che un condòmino non paga il condominio e la notizia, giunta per caso ad un estraneo, facesse il giro del quartiere e se ne parlasse nel panificio, in macelleria, in salumeria... facendo prendere al condòmino la nomea del "cattivo pagatore".

http://www.gazzettino.it/PAY/BELLUNO_PAY/quot_cattivo_pagatore_quot_ricorre_contro_la_segnalazione_crif/notizie/965411.shtml

Vero, anche danno all'immagine. ma l'ho eplicitato così per chiarire il concetto: il danno non nasce semplicemente per aver posto in essere da una condotta illegittima, bensì dev'essere un danno effettivo, dimostrabile e suscettibile di quantificazione economica.

A parte tutto:

1) ma è accertato che l'indirizzo mail esista davvero e la mail non sia tornata indietro, a fronte di un errore di ortografia?

2) Oppure, è certo che il destinatario abbia preso visione della mail?

3) Oppure, è certo che il mittente non abbia inserito una valida formula disclaimer e il destinatario non abbia civilmente ottemperato?

Volevo chiedere se l'Amministratore è passibile di denuncia per violazione della privacy e , se si, la denuncia con relativa richiesta di risarcimento danni può essere fatta da parte di un singolo condomino?

A Bologna si risponde con una battuta: "Ma va là!" Letta non rende come se pronunciata, ma non servirebbe aggiungere altro per comprendere la risposta ricevuta.

Una volta si impazziva di gioia per aver beccato un tredici al Totocalcio... oggi la stessa emozione in molti la provano quando incrociano il babbeo da spennare... roba da matti !

Questo amministratore stava lavorando, mica era un fancazzista o un bamboccione!

A prescindere dalle implicazioni legali nell'intentare una supposta azione a danno dell'amministratore, personalmente mi vergognerei per il sol aver pensato di spillare soldi facili dal malcapitato.

Ammesso e non concesso che quei soldi siano spillabili.

E' vero Albano, oggi si pensa solo come fregare il prossimo.....................che schifo...............

immagino lo straordinario interesse suscitato in colui che si è ritrovato il bilancio con i relativi allegati nella casella di posta elettronica!

Avrà disdetto abbonamenti allo stadio, serate con amici, gite al mare con la famiglia, pacchetti televisivi a pagamento pur di non distogliere tempo prezioso per simile lettura!

Per esperienza: i condomini non leggono quasi mai nemmeno i verbali di assemblea che li riguardano, controllano i bilanci mesi dopo, non sanno nemmeno dell'esistenza del regolamento di condominio se contrattuale, figuriamoci se qualcuno si mette a studiare un bilancio che non lo riguarda, lo divulga, spettegola sulle morosità altrui, magari consiglia interventi contabili di ripristino.

pensiamo alle cose importanti sia nei condomini sia se e quando vogliamo intentare una causa.

E' vero Albano, oggi si pensa solo come fregare il prossimo.....................che schifo...............

Ovviamente se schifo deve essere fai di tutta l'erba un fascio e rapportato al condominio:

- il condòmino pensa di fregare l'amministratore

- l'amministratore pensa di fregare il condòmino

 

In che percentuale l'una e l'altra parte hanno la possibilità di realizzare il loro pensiero?

Ecco, appunto.

Ma secondo voi, uno presenta un ricorso simile al Garante e gli viene avallato?

Ma ben vengano questi ricorsi, visto che sono a pagamento. Guardiamo il lato positivo.

Ecco, appunto.

Ma secondo voi, uno presenta un ricorso simile al Garante e gli viene avallato?

Ma ben vengano questi ricorsi, visto che sono a pagamento. Guardiamo il lato positivo.

Il problema di fondo è un altro.

Alex ha chiesto se a fronte di un'errata comunicazione può richiedere un risarcimento danni.

L'avvocato dello Staff ha risposto che occorre provare il danno economico.

Io ho aggiunto, senza essere smentito, che si può chiedere un risarcimento danni anche in presenza di un danno di immagine (specificandone un esempio plausibile).

 

Queste erano le risposte necessarie al quesito.

Ora se Alex ha subito un danno lo sa solo lui e se ricorrerà in Tribunale (non al Garante) per chiedere il risarcimento lo deciderà il Giudice.

Dalle risposte date, a me sembra che sia già stato condannato Alex e, purtroppo, non da un Tribunale.

Ovviamente se schifo deve essere fai di tutta l'erba un fascio e rapportato al condominio:

- il condòmino pensa di fregare l'amministratore

- l'amministratore pensa di fregare il condòmino

 

In che percentuale l'una e l'altra parte hanno la possibilità di realizzare il loro pensiero?

Infatti ho detto oggi si pensa a fregare il prossimo, non ho detto oggi il condomino pensa a fregare l'amministratore o viceversa.................

Dalle risposte date, a me sembra che sia già stato condannato Alex

Infatti ho detto oggi si pensa a fregare il prossimo

Riconfermo di sentirmi in perfetta sintonia con Kurt: una valutazione a tutto tondo, oltre a leggi e convenienze, deve tener conto anche di altri aspetti meno freddi rigidi e predeterminati, quali buonsenso e moralità dell'azione.

E' indubbio che le giuste risposte al quesito di Alex siamo pervenute da altri; a me ed a Kurt la paternità e la responsabilità di aver espresso opinioni personali (se pur non richieste) sull'opportunità di "porre il problema".

×