Vai al contenuto
CarrieCarrie

Installazione autoclave condominiale - possono queste famiglie impedire l'installazione dell'autoclave?

Buongiorno,

vivo in uno stabile dove ci sono 21 famiglie. Da qualche anno ci sono problemi idrici, c'è poca pressione ai piani alti (dal terzo al quinto piano) e quindi l'acqua c'è soltanto per 2 ore al giorno (dalle 05.00 alle 07.00), mentre ai piani bassi questo problema non si verifica. Alcune famiglie, dei piani alti, posseggono una cisterna privata, ma nonostante tutto, la quantità di acqua è limitata e se in quelle due ore non riesce a caricarsi del tutto, rischiano di non avere acqua per tutto il giorno. Due giorni fa c'è stata un'assemblea condominiale, in cui si è discusso dell'eventuale installazione di un'autoclave condominiale nell'androne del palazzo, ma le famiglie che vivono al piano terra (sono 4 in tutto) si sono opposte, perchè non vogliono essere disturbati dal rumore dell'autoclave.

Le mie domande sono:

1. possono queste famiglie impedire l'installazione dell'autoclave?

2. ci sono leggi che io potrei presentare alla prossima assemblea, nelle quali è espresso che l'autoclave è un bene comune, che ogni palazzo deve possedere, soprattutto se c'è mancanza di acqua?

3. inoltre ci sono autoclavi silenziose?

Grazie a chi risponderà.

Buongiorno,

vivo in uno stabile dove ci sono 21 famiglie. Da qualche anno ci sono problemi idrici, c'è poca pressione ai piani alti (dal terzo al quinto piano) e quindi l'acqua c'è soltanto per 2 ore al giorno (dalle 05.00 alle 07.00), mentre ai piani bassi questo problema non si verifica. Alcune famiglie, dei piani alti, posseggono una cisterna privata, ma nonostante tutto, la quantità di acqua è limitata e se in quelle due ore non riesce a caricarsi del tutto, rischiano di non avere acqua per tutto il giorno. Due giorni fa c'è stata un'assemblea condominiale, in cui si è discusso dell'eventuale installazione di un'autoclave condominiale nell'androne del palazzo, ma le famiglie che vivono al piano terra (sono 4 in tutto) si sono opposte, perchè non vogliono essere disturbati dal rumore dell'autoclave.

Le mie domande sono:

1. possono queste famiglie impedire l'installazione dell'autoclave?

2. ci sono leggi che io potrei presentare alla prossima assemblea, nelle quali è espresso che l'autoclave è un bene comune, che ogni palazzo deve possedere, soprattutto se c'è mancanza di acqua?

3. inoltre ci sono autoclavi silenziose?

Grazie a chi risponderà.

Leggi questa discussione:

https://www.condominioweb.com/archivio_forum/autoclave---installazione-e-manutenzione-64028/

 

"L'assemblea non può deliberare di non installare l'autoclave se dei condòmini hanno problemi di approvvigionamento, violando il diritto del singolo al normale flusso di acqua"

Se l'assemblea non delibera devi adire le vie legali.

Per il rumore dovresti chiedere chiarimenti ad una ditta di termoidraulica della tua città in modo da portare una documentazione dettagliata in assemblea.

Per cui se anche alla prossima assemblea, queste 4 famiglie si rifiuteranno, dovremmo procedere legalmente?

NON PROPRIO.

L'assemblea in seconda convocazione delibera con la doppia maggioranza:

maggioranza degli intervenuti + maggioranza di almeno 333,33 millesimi.

Se la maggioranza delibera la minoranza soccombe.

Semmai, poi, dovrà essere la minoranza ad impugnare la delibera entro 30 giorni se si ritiene lesa.

Non occorre l'unanimità.

Non così accentuato, ma lo stesso problema lo abbiamo nel mio stabile.

Nella riunione di condominio è stato deliberato di montare delle pompe nell'androne, e si è provveduto a dei preventivi e sopralluoghi.

Premetto che io abito ai piani alti per cui avrei avuto enormi benefici, però mi sono preoccupato di far prendere informazioni all'amministratore per quanto riguarda il rumore.

Ci sono stati forniti i decibel delle pompe e si evinceva che un certo disturbo almeno di notte ci sarebbe stato. Proprio per evitare contestazioni postume abbiamo soprasseduto.

Ripeto il problema non è così accentuato come da voi. Potreste prendere in considerazione di accenderle solo in orari in cui non danno fastidio ma nello stesso tempo riescono a riempire i cassoni.

È solo il caso di ricordare che esiste una legge: D.P.C.M. 4 marzo 1996 - Disposizioni in materia di risorse idriche (In GU 14 marzo 1996, n. 62, S.O.) che obbliga il gestore a fornire l'acqua, oltre che pura, anche con un'adeguata pressione per raggiungere i piani alti di edifici costruiti in regola con i piani regolatori comunali e per i i quali i proprietari (la ditta costruttrice) abbiano pagato i relativi oneri di urbanizzazione.

 

A proposito dei rumori molesti (futura autoclave) è opportun leggere al "solito" link:

 

http://www.condomini.altervista.org/RumoreImpianti.htm

 

Al "solito" link c'è una precisa sentenza di cassazione circa l'autoclave:

 

http://www.condomini.altervista.org/Autoclave.htm

Al momento stiamo pensando a far installare una elettropompa, che pare possa risolvere il problema, ma anche a questo le famiglie dei piani inferiori si stanno opponendo.

Per cui se ho ben capito, visto che il sistema idrico al momento è scarso ai piani superiori, nessuno può opporsi all'installazione di qualsiasi soluzione. Giusto?

Hai letto il riferimento che ti ho linkato sopra.

 

Visto che non si tratta di "innovazione", la deliberazione per l'installazione può essere legittimamente assunta con le maggioranze "minime": 1/3 e 1/3.

×