Vai al contenuto
inter1908

Installazione antenna su lastrico solare di proprietà esclusiva

Salve,

 

premettendo che abito in una palazzina composta da un piano rialzato ( tre apaprtamenti ) e un primo piano ( due appartamenti ) e che - il terrazzo è di mia proprietà esclusiva e che sul torrino scala ho fatto realizzare ( a mie spese ) una struttura dove ho spostato ( a mie spese ) tutte le antenne del palazzo, volevo chiedere qual'è la procedura con cui i condomini devono chiedermi accesso al lastrico solare per la manutenzione e installazione delle loro antenne e se in qualche modo posso obbligarne la rimozione ( potrebbero installarle sulle loro terrazze ).

 

In pratica, io vorrei essere avvisato tramite raccomandata con 2-3 giorni di anticipo rispetto alla data dell'intervento e spostarlo se non disponibile nella data scelta, che l'intervento e l'accesso al lastrico solare sia da me monitorato ( chi mi assicura che non facciano danni? o che la persona cada o altro? ), avere la certezza che l'installatore sia un tecnico qualificato ( non il classico operaio in nero - posso chiedere che la persona mi presenti un attestato che ne acceerti la qualkfica? ), Poter limitare la presenza al solo tecnico specializzato ( non voglio i condomini sul mio lastrico solare ).

 

Grazie e ciao,

Erano installate sul terrazzo ma vicino ad un muretto e una ringhiera ad altezza uomo e che le stesse mi impedivano di godere in libertà della mia proprietà .

 

Ora loro con il tempo hanno creato delle terrazze su cui possono installarle.

 

Inoltre, invece di fargli installare due antenne posso obbligarli a montarne una e crearsi un mini impianto condominiale?

In pratica esisteva ed esiste tutt'ora una servitù di antenna. Suppongo che per spostare tale servitù hai chiesto ai condòmini se erano d'accordo..

Art. 1068 c.c.

Il proprietario del fondo servente non può trasferire l'esercizio della servitù in luogo diverso da quello nel quale è stata stabilita originariamente. Tuttavia, se l'originario esercizio è divenuto più gravoso per il fondo servente o se impedisce di fare lavori, riparazioni o miglioramenti, il proprietario del fondo servente può offrire al proprietario dell'altro fondo un luogo egualmente comodo per l'esercizio dei suoi diritti, e questi non può ricusarlo.

Ovviamente la spesa per lo spostamento era a tuo carico e così è stato.

Per quanto riguarda l'allocazione delle antenne in altro posto, a dire la verità c'è una vecchia sentenza della cassazione, che riporto:

Cassazione , sez. II civile, sentenza 06.05.2005 n° 9393

Il diritto del singolo condomino di installare l'antenna di ricezione televisiva sulla proprietà comune o esclusiva di altri condomini deve intendersi condizionato alla impossibilità per l'utente dei servizi radiotelevisivi di utilizzare spazi propri. Lo ha stabilito dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 9393 del 6 maggio 2005, accogliendo la domanda del proprietario di un appartamento condominiale che chiedeva la rimozione dell'antenna collocata sulla sua proprietà da un condomino, il quale aveva la possibilità di ricevere i segnali televisivi apponendo l'impianto sul proprio terrazzo.

Quindi, ritengo che puoi proporre loro di spostare le loro antenne nei loro balconi, obbligare non penso proprio.

Se non acconsentono, dovrai sobbarcarti, penso, una diatriba legale

Ma circa la possibilità di obbligarli a crearsi un mini impianto per evitare di avere più antenne?

×