Vai al contenuto
Gordon

Insonorizzazione parete

Buongiorno a tutti. Credo di aprire nuovamente un argomento di cui molti hanno scritto, ovvero il cattivo isolamento di appartamenti e di stanza tra vicini.

 

Vivo in un vecchio palazzo (anni 1930) e ho un serio problema di rumori con gli attuali vicini. Più che di rumori molesti si tratta di rumori che facciamo tutti in casa durante una giornata normalissima, solo che fatti alle 2 del mattino diventano insopportabili!

 

Vorrei isolare la parete con tutti i crismi e molti esperti mi hanno detto che per un lavoro a regola d'arte bisogna isolare la parete da ambi i lati...

 

Sto per rivolgermi ad un avvocato per capire:

a. se esistono normative che regolano, anche retroattivamente, questo tipo di situazioni (ovvero la presenza di tramezzi fatiscenti che separano proprietà diverse);

b. se esistono leggi e normative che possono imporre l'isolamento della parete facendo sì che le spese vengano ripartite tra i condomini interessati.

 

Se qualcuno di voi è esperto in materia o ha avuto già a che fare con situazioni del genere, fatevi sotto, leggerò con interesse tutti i vostri consigli!

 

Grazie

ciao

 

Un contenimento delle immissioni rumorose lo puoi ottenere isolandoti dalla parte tua. Ritengo improbabile che tu possa obbligare a tale intervento il tuo confinante. Se i rumori sono molesti, puoi attivarti per farli cessare. Comunque, l'isolamento della sola parete verticale, di certo conterrebbe la rumorosità, ma non è il solo punto di trasmissione della rumorosità.

Ciao Camillo,

 

grazie per queste precisazioni. Mi sembra molto disonesto non fare i lavori a metà. Nel senso che se io insonorizzo la mia parte a mie spese, dell'isolamento godrà anche l'altro appartamento nella misura in cui dei rumori dovessero giungere da me verso di loro. E poi mi dicono che insonorizzare ambo i lati di un muro è molto meglio che un solo lato. Certo, qualora facessi lavori, insonorizzerei la parete, il pavimento e farei mettere un nuovo controsoffitto più insonorizzante e coibentante.

Ciao

 

L'uso del termine "disonesto" è quantomeno fuori luogo. Non pensi che se l'isolamento è pessimo, come sostieni, anche i tuoi rumori vengono sentiti dal tuo confinmate ? Forse il problema sta nei limiti di sopportazione reciproca che chi vive in condominio deve, volente o neolente, comunque accettare nei limiti della normale tolleranza. Giustamente, le esagerazioni vanno contrastate, ma dove sia il limite non e dato a sapere.

×