Vai al contenuto
Ocaba81

Infiltrazioni - giusto?

Buonasera a tutti e ben trovati. Sono nuova, sia del forum che della professione. Avrei bisogno, se possibile, del Vostro supporto. In un condominio appena acquisito, composto da 3 palazzine e 5 scale, un condomino del terzo piano mi ha segnalato la presenza di infiltrazioni in tre sue stanze, provenienti, con tutta probabilità dall'unità abitativa sovrastante, di proprietà dell'ex Istituto Inpdap. In quest'ultimo appartamento c'è un inquilino, che tuttavia, ad oggi, non ha mai consentito (alle volte perché assente, altre perché non rintracciabile) l'accesso nell'appartamento per un sopralluogo ispettivo. Contattata in qualità di proprietaria, sia da parte del condomino che subisce le infiltrazioni, sia da parte del precedente amministratore, l'Inpdap, che non è riuscita a contattare il proprio inquilino, ha invitato il precedente amministratore a procedere con un'ispezione attraverso una piattaforma aerea per individuare la sorgente delle infiltrazioni, non escludendo che queste possano derivare dalle grondaie del fabbricato interessato ed invitandolo, contestualmente, a verificare se le infiltrazioni possano eventualmente derivare da chiusini ostruiti presenti nell'appartamento in questione. Il mio dubbio, fondamentale e derivante dalla ancor poca esperienza, è a chi vanno imputate le spese per l'indagine sul danno. Nel senso che, dovesse essere appurato che le infiltrazioni derivano dall'appartamento di proprietà Inpdap, le spese per l'indagine e per la pulizia dei chiusini devono essere imputate esclusivamente ad Inpdap, giusto? Se, invece, l'indagine dovesse manifestare la provenienza delle infiltrazioni dal terrazzo sovrastante, allora il costo della stessa indagine e l'eventuale pulizia delle gronde, o manutenzione per l'isolamento, vanno imputati all'intero condominio per tabella generale di proprietà, o tabella dedicata, o, se esiste un uso esclusivo, per 1/3 all'esclusivista e 2/3 al condominio per tabella generale o tabella dedicata? E per i danni al condomino che ha le infiltrazioni come si procede?

Vi ringrazio infinitamente fin da ora, se qualcuno di Voi ha voglia e pazienza di rispondermi.

 

Silvia

Se il condomino ha richiesto al condominio di intervenire ritenendo che il danno possa essere condominiale lo si deve avvertire che nel caso il tecnico incaricato scoprisse che invece è dovuto all'appartamento soprastante egli dovrà pagare le spese dell'ndagine stessa. potrà eventualmente richiedere al proprietario dell'appartamento causa del danno il risarcimento di quanto anticipato. Per i danni al condomino danneggiato egli stesso dovrà presentare una perizia di parte tramite un suo tecnico incaricato che quantifichi il danno, esso sarà pagato da chi lo ha provocato, o dall'assicurazione del fabbricato od al condominio oppure al proprietario dell'appartamento di sopra. Se la rottura di una colonna montante ha provocato le infiltrazioni il danno sarà suddiviso da tutti i proprietari della colonna stessa, compreso il danneggiato, se provenienti dal terrazzo come hai ipotizzato tu stessa

Grazie, Alfonso Polizzi. Una perplessità: a richiedere l'intervento del condominio attraverso un'ispezione con piattaforma aerea è stato l'Inpdap, Istituto proprietario dell'appartamento sovrastante quello interessato dalle infiltrazioni (da cui le stesse potrebbero derivare), dopo aver dichiarato l'impossibilità di mettersi in contatto con il proprio inquilino al fine di un accesso nei locali per un sopralluogo. La domanda che mi pongo è se sia necessario, prima di dare incarico per un'ispezione con piattaforma aerea, comunque esperire tutte le pratiche per tentare l'accesso nell'appartamento sovrastante per escluderne eventualmente la responsabilità. Dopo di ciò, se dall'indagine risulta che le infiltrazioni provengono dall'unità privata sovrastante chi paga l'indagine stessa, sempre il condomino che subisce le infiltrazioni (salvo poi chiedere all'Inpdap risarcimento di quanto anticipato), pur avendola chiesta l'Inpdap stessa?

Ancora mille grazie.

Silvia

Non essendo certa la natura condominiale del danno è quantomeno imprudente e sconsigliato intervenire come amministratore, è in primis il danneggiato che deve e può agire, ma non a parole con atti ufficiali ed argomentazioni più che valide, è il danneggiato che deve intentare causa e richiedere l'intervento delle forze dell'ordine per accedere all'appartamento privato prima di "dare incarico per un'ispezione.....", se l'Inpdap chiede al condominio una tale azione deve farlo in maniera ufficiale e dopo aver dimostrato di aver fatto tutto ciò che gli spetta a meno che abbia manifestato la possibilità che il danno provenga da tubature e/o manufatti ritenuti condominiali, nel qual caso l'amministratore dietro specifica e formale richiesta potrà/dovrà attivarsi a verificare e, se alla fine risultasse che il danno è imputabile all'appartamento addebitare tutti i costi all'iMPDAP stesso

×