Vai al contenuto
Guidolux

Incarico di amministratore a condomino lavoratore dipendente e suo compenso

Buonasera,

sono un dipendente statale e i miei vicini vorrebbero che mi incaricassi della amministrazione del nostro condominio orizzontale di case-vacanza a 60 km da dove risiedo abitualmente.

Io sarei disposto ma vorrei farmi pagare una cifra di almeno 250 euro annui netti principalmente per rimborso spese.

Naturalmente per questo contentino non vorrei diventare pazzo con adempimenti che mi richiedano più tempo dell'amministrazione...

Vi ringrazio anticipatamente per le risposte.

 

Guido

Se ti riferivi ad adempimenti per il tuo compenso, mi pare che con una semplice ritenuta d'acconto risolveresti il problema.

Considera che c'è chi chiede quella cifra solo per il 770.

Naturalmente per questo contentino non vorrei diventare pazzo con adempimenti che mi richiedano più tempo dell'amministrazione...

 

Guido

O amministri o non amministri.

Ma hai ben presente cosa significa amministrare e cosa comporta?

La via di mezzo non esiste e se si rompe tre volte un impianto tu per tre volte dovrai rimboccarti le maniche e percorrere 60 km...senza contare le responsabilità e le incombenze.

Al tuo posto lascerei perdere,ma se ami il rischio ed il sacrificio in nome della gloria prova un anno e poi ci racconterai.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Se ti riferivi ad adempimenti per il tuo compenso, mi pare che con una semplice ritenuta d'acconto risolveresti il problema.Considera che c'è chi chiede quella cifra solo per il 770.
Non è una prestazione occasionale,tale inquadramento non è previsto per chi esercita l'amministrazione condominiale continuativamente per un mandato di 365 giorni l'anno.

 

Non è una prestazione occasionale,tale inquadramento non è previsto per chi esercita l'amministrazione condominiale continuativamente per un mandato di 365 giorni l'anno.

Vero.

Allora è anche da considerare l'aspetto contributivo.

Allora non è compensabile il lavoro con una prestazione occasionale? Sarà una norma per impedire il fai da te? Mi sa rispondere qualcuno che è come me condomino e vorrebbe lavorare come amministratore per gestire in maniera efficace ed economica la cosa (e la casa) comune?

Come farsi pagare legalmente quel poco che serve per non andare in rosso?

Grazie!

Allora non è compensabile il lavoro con una prestazione occasionale? Sarà una norma per impedire il fai da te? Mi sa rispondere qualcuno che è come me condomino e vorrebbe lavorare come amministratore per gestire in maniera efficace ed economica la cosa (e la casa) comune?

Come farsi pagare legalmente quel poco che serve per non andare in rosso?

Grazie!

SE vuoi essere amminsitratore con tutti i "crismi" di un mandato ufficiale e desideri essere regolarmente rincompensato per l' opera svolta (fosse anche solo 1 euro) ...allora rassegnati e rinuncia.

Gli adempimenti fiscali e contributivi per gestire una "misera cosa" diventano proibitivi.

 

In alternativa puoi occuparti di alcune mansioni senza incarico ufficiale...volgarmente lo chiamano "facente funzioni"...non dovrai "sopportare" tutti gli obblighi e le responsabilità civile e anche penali di un amministratore. (in autogestione le responsabilità sono di tutti).

 

Occhio che i dipendenti pubblici hanno alcune "particolarità" per accettare un incarico di amministratore condominiale.

 

Parli di "case a schiera"...sicuro si tratti di condominio orrizzontale?

Ho capito. Lascio per non rimetterci più di quello che il condominio potrebbe risparmiare...

Buonasera,

sono un dipendente statale e i miei vicini vorrebbero che mi incaricassi della amministrazione del nostro condominio orizzontale di case-vacanza a 60 km da dove risiedo abitualmente.

Io sarei disposto ma vorrei farmi pagare una cifra di almeno 250 euro annui netti principalmente per rimborso spese.

Naturalmente per questo contentino non vorrei diventare pazzo con adempimenti che mi richiedano più tempo dell'amministrazione...

Vi ringrazio anticipatamente per le risposte.

 

Guido

Hai mancato di omettere un fatto rilevante...di quante unità immobiliari è composto il Condominio?

Perchè se siete in un basso numero è un conto e magari avete solo da ripartire la luce del giroscale, c/c e assicurazione.

Ma se siete in tanti...lascia perdere...troppa responsabilità!

Non è determinante quante unità...le responsabilità per un amministratore esistono sia che siano 2 unità sia che siano 200...solo che nell'ultimo caso è più facile che il compenso giustifichi il lavoro.

 

Un compenso di 250 euro (praticamente un rimborso spese) per un "amministratore ufficiale" impone comunque un' inquadramento come CoCoPro con tutti gli annessi e connessi.

un pubblico dipendente può amministrare SOLO il suo condominio? (60 u.i.). Lo sto proponendo a un mio condomino a cui piace molto la revisione contabile e tutte le problematiche condominiali, ma ha paura... chi mi dà per favore una URGENTE RISPOSTA CERTA?

Troppo generico il sostantivo "pubblico dipendente"...un conto è essere un impiegato comunale un altro essere un "finanziere".

Vi sono regolamenti (nel pubblico impiego)che vietano espressamente qualsiasi altra attività...ed altri che lo concedono previa autorizzazione.

 

Meglio che il tuo condomino volenteroso chieda espressamente al suo superiore o chi nella sua "organizzazione" si occupa di tali questioni.

 

Accertata la possibilità od ottenuto il permesso...dovrà verificare tutte le questioni fiscali e contributive.

×