Vai al contenuto
norbcole

Impugnazione delibera assemblea - qualcuno sa a quanto ammontano i costi per l'impugnazione della delibera?

Salve a tutti. Da poco finita l'Assemblea di condominio alquanto vivace. Vorrei impugnare la delibera di approvazione del bilancio in quanto non concordo con la ripartizione delle spese (nello specifico la voce acqua). Infatti questa spesa è stata ripartita in parti uguali fra tutti i condomini (siamo in presenza di contatori di sottrazione guasti da tempo immemorabile e il regolamento condominiale contrattuale non prevede come ripartire tale spesa). Ho chiesto che venga ripartita secondo la tabellattta millesimale di proprietà. Proposta bocciata. Ora la domanda: qualcuno sa a quanto ammontano i costi per l'impugnazione della delibera? Grazie

.... Ora la domanda: qualcuno sa a quanto ammontano i costi per l'impugnazione della delibera? Grazie
Dipende molto da quanto ti chiederà il tuo legale, a cui devi aggiungere le spese di giudizio, a puro titolo d'informazione ti allego questo Pdf con i costi di 1° grado;

--link_rimosso--

Dipende molto da quanto ti chiederà il tuo legale, a cui devi aggiungere le spese di giudizio, a puro titolo d'informazione ti allego questo Pdf con i costi di 1° grado;

--link_rimosso--

Grazie Tullio della sempre veloce risposta. Purtroppo ho scoperto oggi che i tempi per arrivare a sentenza qui a Roma sono molto lunghi.

Grazie Tullio della sempre veloce risposta. Purtroppo ho scoperto oggi che i tempi per arrivare a sentenza qui a Roma sono molto lunghi.

Salve,

i tempi sono lunghi ovunque. Perchè non ricorre ad un tentativo di mediazione?

 

Cordiali saluti.

Salve,

i tempi sono lunghi ovunque. Perchè non ricorre ad un tentativo di mediazione?

 

Cordiali saluti.

Il tentativo di mediazione è OBBLIGATORIO.

E' il primo passo da fare prima di poter impugnare in Tribunale ed oltre ai costi da pagare all'Organismo deputato a mediare si dovrà pagare l'onorario del proprio legale, la cui presenza in camera di conciliazione è obbligatoria.

 

Tutto è semplice solo a parole o per chi è ricco sfondato o per chi è così povero da poter ricorrere al gratuito patrocinio.

Il giudice competente è il giudice di pace se il valore della delibera non supera € 5.000,00. Non mi pare si tratti di un caso di competenze esclusiva ex art. 7 c.p.c. in quanto la lite verte in tema di modalità d'uso delle cose comune, ma di contestazione del piano di riparto.

Il giudice competente è il giudice di pace se il valore della delibera non supera € 5.000,00. Non mi pare si tratti di un caso di competenze esclusiva ex art. 7 c.p.c. in quanto la lite verte in tema di modalità d'uso delle cose comune, ma di contestazione del piano di riparto.

In nessuna cassazione ho trovato riferimenti al piano di riparto ,in particolare la 14671 ricorda che solo quelle nelle quali si controverta circa l'esistenza ( o l'inesistenza ) del diritto stesso di usare la cosa comune deve escludersi la competenza del giudice di pace, perchè la controversia deriva da un conflitto tra proprità individuale e proprità comune.

Mi spiega dove trae i suoi dubbi sulla competenza del gdp?

Salve a tutti. Da poco finita l'Assemblea di condominio alquanto vivace. Vorrei impugnare la delibera di approvazione del bilancio in quanto non concordo con la ripartizione delle spese (nello specifico la voce acqua). Infatti questa spesa è stata ripartita in parti uguali fra tutti i condomini (siamo in presenza di contatori di sottrazione guasti da tempo immemorabile e il regolamento condominiale contrattuale non prevede come ripartire tale spesa). Ho chiesto che venga ripartita secondo la tabellattta millesimale di proprietà. Proposta bocciata. Ora la domanda: qualcuno sa a quanto ammontano i costi per l'impugnazione della delibera? Grazie

Le spese dei consumi dell'acqua non possono essere ripartite che con la contabilizzazione il D.L. n 152 del 3 aprile 2006 ha recepito la direttiva europea 2000/60/CE. Il vero problema non è la ripartizione con l'uno o l'altro sistema ma la contabilizzazione . Io mi asterrei da qualsiasi azione legale per quanto riguarda il riparto ma intimerei all'amministratore di regolarizzare la cosa ricordandogli che in caso di inadempienza puoi richiedere al giudice la revoca e l'applicazione della legge.

Le spese dei consumi dell'acqua non possono essere ripartite che con la contabilizzazione il D.L. n 152 del 3 aprile 2006 ha recepito la direttiva europea 2000/60/CE. Il vero problema non è la ripartizione con l'uno o l'altro sistema ma la contabilizzazione . Io mi asterrei da qualsiasi azione legale per quanto riguarda il riparto ma intimerei all'amministratore di regolarizzare la cosa ricordandogli che in caso di inadempienza puoi richiedere al giudice la revoca e l'applicazione della legge.

Grazie a tutti per le risposte. Grazie a Salpa65 per il suggerimento che reputo di buonsenso. In effetti la suddivisione per quote millesimali di proprietà da me proposte e rifiutate dall'amministratore e dall'assemblea, mi avrebbero danneggiato (avevo verificato le somme prima della riunione). Ma la mia era solo una presa di posizione pensando ai numerosi pensionati che vivono di pensione sociale, persone molto anziane che vivono da sole nello stabile dove abito. Non reputavo giusto far pagare loro i consumi idrici, anche elevati, di altri. La strada che mi hai proposto Salpa65, presumo sia quella della diffida ad adempiere nei confronti dell'amministratore?

...La strada che mi hai proposto Salpa65, presumo sia quella della diffida ad adempiere nei confronti dell'amministratore?

Però i contatori personali esistono.

Tu nel primo post hai detto una cosa:

 

"...siamo in presenza di contatori di sottrazione guasti da tempo immemorabile..."

I contatori di sottrazione sono di proprietà esclusiva di ciascun condòmino e l'amministratore interviene sulle riparazioni dei beni comuni.

Ciascun condòmino ha provveduto a sostituire il proprio contatore privato guasto?

Ci potrebbe essere chi lo fa sostituire dal proprio idraulico e chi lo acquista in ferramenta al costo di 15-30 euro e se lo sostituisce da solo.

Al massimo, dopo che i contatori personali sono stati sostituiti, si può chiedere all'amministratore di farli "piombare" per evitare la manomissione

non impugnare nulla , due mie amiche hanno ricevuto un conto del tribunale di ben euro 14000,00 !!!!

cambia casa  e quindi condomini ciao by Roby 15 

roby15 dice:

non impugnare nulla , due mie amiche hanno ricevuto un conto del tribunale di ben euro 14000,00 !!!!

cambia casa  e quindi condomini ciao by Roby 15 

La discussione è di 5 anni fa, per cui è inutile risollevarla, anche perchè Norbcole avrà già risolto il problema.

×