Vai al contenuto
miceli78

Impugnare il regolamento condominiale

Ciao

 

chi abbia redatto il RdC non è cosa rilevante, visto che poi è passato al vaglio della assemblea del condominio, che a quanto sembra, lo ha adottato, e quindi correttamente in uso presso il vostro condominio, non essendo mai stato impugnato. Quindi non ti resta di richiedere la sua riesamina o dei soli articoli che secondo te vanno modificati.

Il problema non è la delibera annullata ma bensì il RdC.

L'incarico di redigere lo stesso è stato conferito nell'assemblea dichiarata nulla dall'A.G., mentre il RdC non è stato impugnato entro 30gg

Ma questo regolamento è contrattuale, oppure approvato a maggioranza, ed in questo caso lede i diritti dei condomini?

Il RdC è stato approvato all'unanimità dei presenti che rappresentavano 600/1000.

All'interno dello stesso vi sono diversi art che ledono i diritti di alcuni condomini.

Adesso stiamo predisponendo la mediazione che sicuramente avrà esito negativo, pertanto l'avvocato deve impugnarlo dinanzi l'A.G.

L'avvocato mi ha consigliato:

1) fare una citazione è no un 702 bis in quanto dobbiamo richiedere l'annullamento e/o l'inefficacia del RdC.

2) citare tutti i condomini e no solo il condominio in quando il RdC riguarda il singolo condomino.

3) impugnando il RdC in automatico avviene la sospensiva.

Cosa mi dite? Mi consigliate altro?

Il RdC è stato approvato all'unanimità dei presenti che rappresentavano 600/1000.

All'interno dello stesso vi sono diversi art che ledono i diritti di alcuni condomini.

Con 600/1000 non si approva un RdC Contrattuale e se questo Regolamento contiene articoli che ledono i diritti dei condomini sono nulli.

ciao miceli78

 

Ti ha risposto bene Tullio, visto che si tratta di un regolamento approvato assemblearmente, dove, a questo punto ci sono degli articoli nulli.

Io non spendere soldi per azioni legali. Attenderei che il contenuto di tali articoli radicalmente nulli mi fosse imposto dall'amministratore, nel qual caso, allora si, mi opporrei e se necessario anche legalmente facendo rilevare la nullità. Comunque, il tuo amministratore si guarderà bene dal procedere per far valere tali articoli, visto che sa di andar a sbattere.

A prescindere, e costruttivamente, manderei all'amministratore l'elenco di tutti i punti e gli articoli del regolamento che secondo te sono nulli, chiedendogli di metterli in discussione all'ordine del giorno della prossima assemblea, elencando anche eventualmente quegli articoli che potrebbero comunque essere modificati.

Portarlo in assemblea vorrebbe dire riconfermarlo in quanto il redattore del RdC con i suoi fratelli possiede 600/1000

Inoltre, quando ilcondomino era amministratore io mi sono sottratto al pagamento di spese sostenute dallo stesso senza una delibera e prive di riscontro documentale. L'amministratore mi ha applicato interessi moratori del 36%, li ha inseriti in bilancio e con i suoi fratelli lo ha approvato.

Io ho impugnato il verbale e fino a quando l'A.G. non si pronuncia il bilancio è valido.

Per questo il legale mi ha consigliato di impugnare anche il RdC.

ciao

 

se lo dovessero riconfermare , allora sarà più facile e più semplice impugnare la delibera entro i termini.

 

In merito agli interessi moratori, esiste una delibera o qualche norma del regolamento che fissa tale tasso o è la libera interpretazione dell'amministratore ? L'hai impugnato, per cui ti sarà riconosciuto e restituito quanto versato oltre alle spese di tua difesa.

quello del 36,50% (1% ogni decade) è solo uno dei tanti articoli che ledono i diritti del condomino.

Ovviamente non ho mai pagato gli interessi.......

Scusate ma per impugnare gli articoli del RdC nulli bisogna notificare al condominio o ai singoli condomini?

Il mio legale sostiene di notificare ai condomini in quanto il RdC riguarda loro e no il condominio.

Ciao

 

Secondo il mio modesto parere, è sufficiente la notifica al condominio, visto anche che è assembleare. Sarà poi l'amministratore che convocherà l'assemblea per decidere in merito. Nel bailamme più profondo della legislazione italiana, però può starci tutto e di più.

Ciao

 

Secondo il mio modesto parere, è sufficiente la notifica al condominio, visto anche che è assembleare. Sarà poi l'amministratore che convocherà l'assemblea per decidere in merito. Nel bailamme più profondo della legislazione italiana, però può starci tutto e di più.

Ciao, la penso come te Camillo, proprio perché si sta parlando di un "assembleare" e, giustamente, l'amministratore convocherà assemblea a riguardo e, per quanto riguarda la giustizia italiana è verissimo che può starci tutto.....nulla è già scontato in partenza.....

Ciao

×