Vai al contenuto
maria c. d.

IMPIANTO CITOFONO

Buongiorno,

in agosto nell' assemblea abbiamo deliberato l'istallazione del nuovo impianto citofono/videocitofono, allo steso tempo sempre nel verbale al momento della votazione, è stato inserito un voto favorevole solo per la sostituzione della pulsantiera esterna con la garanzia che fosse mantenuto attivo e funzionante l'apparecchio esistente in quanto, il proprietario lo scorso anno durante i lavori di ristrutturazione, aveva già acquistato un apparecchio nuovo per il suo appartamento.

 

Ora l'amministratore ha affidato il lavoro all'azienda installatrice, che senza tener presente del modello e della compatibilità dell'apparecchio nuovo del proprietario, ha eseguito e ultimato i lavori isolando l'appartamento in questione che ora si trova senza citofono e campanello.

 

E' normale una cosa simile?? come può procedere?

 

Grazie mille per le gentili risposte.

 

Maria

Modificato da maria c. d.

Il singolo voto del condomino impattato era favorevole a tale condizione o il voto di tutti i favorevoli era condizionato al mantenimento della compatibilità?

Se tutta la delibera aveva tale condizione, l'amministratore doveva vigilare sul rispetto della delibera e non lo ha fatto, quindia desso dovrà intimare alla ditta il rispetto della condizione o far fronte lui al ripristino...

Se invece era solo un singolo voto ad avere dettato tale condizione: questo voto era discriminante o la delibear sarebbe passata ugualmente? A verbale cosa avete scritto?

La sostituzione dell'impianto citofonico presuppone la dismissione del precedente, non penso ci sia possibilità differente, visto che si devono cambiare anche tutti i cavi.

L'errore, a mio avviso, è stato in assemblea, perchè andava spiegato che non era possibile mantenere in funzione il vecchio impianto.

Capita spesso che i singoli condòmini abbiano sostituito gli apparecchi interni poco prima di rifare tutto l'impianto, purtroppo capita anche che debbano risostituire l'apparecchio.

 

singolo voto con condizione, è stato riportato nel verbale con votazione unanime favorevole alla sostituzione in generale.

Quindi se anche lui avesse votato contro... sarebbe stato in minoranza e l'impianto sarebbe stato sostituito ugualmente.

Danielabi dice:

La sostituzione dell'impianto citofonico presuppone la dismissione del precedente, non penso ci sia possibilità differente, visto che si devono cambiare anche tutti i cavi.

L'errore, a mio avviso, è stato in assemblea, perchè andava spiegato che non era possibile mantenere in funzione il vecchio impianto.

Capita spesso che i singoli condòmini abbiano sostituito gli apparecchi interni poco prima di rifare tutto l'impianto, purtroppo capita anche che debbano risostituire l'apparecchio.

 

Ringrazio.

 

Quindi seppur messo a verbale la condizione, e il fatto che non sia stato effettuato il sopralluogo, è obbligato a cambiarsi il citofono interno o restare isolato?

maria c. d. dice:

Ringrazio.

 

Quindi seppur messo a verbale la condizione, e il fatto che non sia stato effettuato il sopralluogo, è obbligato a cambiarsi il citofono interno o restare isolato?

Temo proprio di si.

Come diceva Seralia la delibera di sostituzione dell'impianto è passata a maggioranza, la condizione puo' avere valenza se posta dalla maggioranza, non dal singolo.

Ma ha fatto l'amministratore a non spiegare il problema, magari anche nei giorni successivi l'assemblea.

Danielabi dice:

Temo proprio di si.

Come diceva Seralia la delibera di sostituzione dell'impianto è passata a maggioranza, la condizione puo' avere valenza se posta dalla maggioranza, non dal singolo.

Ma ha fatto l'amministratore a non spiegare il problema, magari anche nei giorni successivi l'assemblea.

Comprendo.

 

Quindi in questo caso specifico, la tutela della proprietà privata non vale?

Danielabi dice:

Temo proprio di si.

Come diceva Seralia la delibera di sostituzione dell'impianto è passata a maggioranza, la condizione puo' avere valenza se posta dalla maggioranza, non dal singolo.

Ma ha fatto l'amministratore a non spiegare il problema, magari anche nei giorni successivi l'assemblea.

Daniela questi piccoli problemi si superano con la praticità: il costo di un citofono è irrisorio e in questo caso l'amministratore potrebbe fare un bel gesto.

Nicola L. dice:

in questo caso l'amministratore potrebbe fare un bel gesto

Mi permetto di dissentire: per quanto irrisorio, è un costo che non è in capo all'amministratore.

L'amministratore potrebbe proporre all'assemblea il "bel gesto", non farlo di sua sponte.

un amministratore che facesse "un bel gesto" con i miei soldi credo lo licenzierei in tempo zero.

L'errore dell'amministratore, a mio sindacabile giudizio, è stato di non avviasre il condomino interessato che la sua richiesta/condizione non era assecondabile.

A quel punto l'assemblea avrebbe potuto discutere come risolvere il problema prima che si verificasse.

Nicola L. dice:

Daniela questi piccoli problemi si superano con la praticità: il costo di un citofono è irrisorio e in questo caso l'amministratore potrebbe fare un bel gesto.

be'....glielo si puo' proporre...😉  giuro che non sono io l'amministratore di Maria, quindi non posso decidere delle tasche del suo amministratore! 😃

 

maria c. d. dice:

Quindi in questo caso specifico, la tutela della proprietà privata non vale?

Non si tratta di tutelare la proprietà privata, si tratta di rendere possibile l'allaccio ad un impianto comune. Penso sia meglio puntare sulla "tutela" all'informazione corretta.

Seralia dice:

L'errore dell'amministratore, a mio sindacabile giudizio, è stato di non avviasre il condomino interessato che la sua richiesta/condizione non era assecondabile.

esatto.

Seralia dice:

Mi permetto di dissentire: per quanto irrisorio, è un costo che non è in capo all'amministratore.

Dove lo hai letto, ho scritto che lo potrebbe pagare  di tasca sua e non con i soldi del condominio.

L'errore dell'amministratore è stato di non avvisare il condomino che ci sarebbe stato un problema di incompatibilità del citofono. Ma questo l'amministratore non poteva saperlo.

Modificato da Nicola L.

Perdona, non avevo capito tu intendessi che potrebbe pagarlo di tasca sua.

Seralia dice:

Perdona, non avevo capito tu intendessi che potrebbe pagarlo di tasca sua.

👍

Chiedo scusa, c'è un riferimento normativo in merito all'obbligo di sostituzione o isolamento nella proprietà privata?? 

 

Accetto i consigli per cui vi ringrazio, ma vorrei sapere se questo atteggiamento è legittimo o no. 

 

Grazie in anticipo

maria c. d. dice:

Chiedo scusa, c'è un riferimento normativo in merito all'obbligo di sostituzione o isolamento nella proprietà privata?? 

 

Accetto i consigli per cui vi ringrazio, ma vorrei sapere se questo atteggiamento è legittimo o no. 

 

Grazie in anticipo

Attendiamo un parere legale da SisterOfNight e l'atteggiamento non è certamente quello messo in atto: bisognava avvisare la persona interessata.

Modificato da Nicola L.
×