Vai al contenuto
emiliofrc

Immobile pignorato, le spese possono essere addebitate all'ente creditore?

buongiorno a tutti,

le spese condominiali di un appartamento pignorato non dovrebbero essere a carico dell'ente creditore in quanto legalmente proprietario dell'appartamento?

grazie

l'ente creditore che ha promosso il pignoramento non è proprietario fino a quanto non si aggiudica l'immobile a seguito vendita forzosa.

grazie per la risposta.

curiosità, il condomino moroso resta proprietario dell'immobile finchè questo non sarà venduto (e quindi continuare a non pagare per anni nonostante il pignoramento esecutivo) oppure può essere "sfrattato" dall'ente creditore?

ancora grazie

Ente creditore generalmente è la banca in ogni caso non può essere sfrattato il Condomino moroso, dovete attendere che l'immobile sia venduto e chi acquista avrà l'onere delle spese condominiali dell'anno di acquisto e dell'anno precedente, il resto delle spese, se ad esempio viene venduto tra cinque anni , finiscono nel calderone...

josefat, intendevo proprio quello per cui ha risposto etienne.

l'ente creditore, cioè la banca, è diventata (quasi) proprietaria dell'appartamento che però non viene venduto (negligenze sia della banca che dello studio notarile che ha in carico il pignoramento).

Questo fa si che ormai da qualche anno il (ex) proprietario continua a non pagare le rate (siamo a più di 10mila euro di debito) ma tranquillo subaffitta a suoi connazionali (in nero, ovvio!!).

Quando finalmente la casa verrà venduta tutti noi condomini ci troveremo sul groppone una bella somma da versare grazie ai furbetti (il proprietario pare abbia fatto varie truffe e debiti) a cui la legge permette più del dovuto

In questo caso l'amministratore avrebbe dovuto lui stesso "insinuarsi" nella procedura di pignoramento.

 

Sappiamo bene che la banca è un creditore "privilegiato", ma nulla osta che anche il condominio possa agire a sua volta chiedendo il decreto ingiuntivo per morosità.

 

In caso di messa all'asta dell'immobile, anche il condominio potrebbe avere voce nel richiedere le proprie spettanze.

Direi che claiston ha dato un ottimo suggerimento... il condominio potrebbe mettersi in coda alla banca quale creditore, se non erro senza costi per il pignoramento che si è accollarsi la banca.

Mi permetto comunque di dirvi di non avere troppe aspettative sul recupero del credito da pignoramento perché la banca stessa solitamente non riesce a recuperare la somma a lei dovuta..quindi figuriamoci il condominio. .. auguri...

grazie per la risposta.

curiosità, il condomino moroso resta proprietario dell'immobile finchè questo non sarà venduto (e quindi continuare a non pagare per anni nonostante il pignoramento esecutivo) oppure può essere "sfrattato" dall'ente creditore?

ancora grazie

Dovete augurarvi solo che l'appartamento sia venduto all'asta il più presto possibile per limitare i danni dovuti anche a mancate riscossioni di spese condominiali future.

Il vero dramma è che se nessuno vuole rischiare di acquistare un appartamento sapendo che è abitato da abusivi che mai rilasceranno l'immobile tanto facilmente, magari dopo averlo completamente distrutto al suo interno, quell'appartamento resterà invenduto per anni.

Se così sarà, ne la banca ne il condominio vedranno un centesimo fino all'improbabile vendita e nessuno potrà mandare via l'attuale proprietario pignorato ed i suoi "ospiti" connazionali.

E' proprio così, l'Amministratore ci ha già anticipato che come condominio non ci resteranno nemmeno le briciole. Ma com'è possibile velocizzare la procedura di vendita? Alla banca non interessa vendere il prima possibile? Ma soprattutto com'è possibile che l'appartamento continui ad arricchire il disonesto? L'l'autorità giudiziaria non può sgomberarlo e bloccarne l'accesso forzatamente? che paese incredibile che siamo...

E' proprio così, l'Amministratore ci ha già anticipato che come condominio non ci resteranno nemmeno le briciole. Ma com'è possibile velocizzare la procedura di vendita? ...

Trovate voi l'acquirente che parteciperà all'asta oppure acquistate l'appartamento all'asta voi condòmini, in comunione, e poi, una volta divenuti proprietari, procedete con lo sfratto.

grazie Leonardo53, grazie a tutti per le risposte

Sapete se esiste una pagina online (del tribunale immagino) dove è possibile vedere lo stato degli atti di pignoramento e se ci sono aste in previsione?

Sul sito del tribunale niente, ho chiamato lo studio notarile che mi ha detto che tutto è bloccato in attesa dell'attuazione delle nuove norme (??) introdotte con la legge di stabilità e che sono cmq in attesa degli input dei giudici per indire le nuove aste. Morale, fino a febbraio non se ne parla e Amedh o chi per esso continuerà ad incassare gli affitti in nero e far lievitare il (nostro) debito. Che tristezza...

×