Vai al contenuto
vali

Immobile eredidato edificato prima del 1956

Saluti a tutti ed auguri di buone feste.

 

La settimana scorsa mi chiama uno studio notarile e mi dice che un mio zio mi ha lasciato in eredità un locale di mq 30 accatastato regolarmente c/2 (uso magazzino) costruito sicuramente prima del 1956.

 

Il notaio mi ha detto che questo zio (che io praticamente neanche conosco) ha fatto testamento coinvolgendo 12 suoi parenti, tra cui io.

 

A me ha lasciato questo locale e l'ho potuto ereditare oltre perché inserita nel testamento anche perché accatastato regolarmente con piantina planimetrica regolarmente depositata in catasto che questo mio zio ha, evidentemente, regolarizzato con un geometra circa 10 anni fa.

 

Mi sono informata all'ufficio tecnico del Comune (un pò per curiosità che per necessità visto che questo locale non l'avevo mai visto prima in vita mia) e mi hanno detto che non c'è nessun progetto, nessuna licenza di costruzione, niente di niente perché prima era così.......vecchi manufatti che non necessitavano di permessi, di concessioni e, per averlo in proprietà e passarlo in successione o venderlo è sufficiente un regolare accatastamento dell'immobile.

 

Ma tutto ciò è normale oppure no?

 

Cioè questo immobile è regolare o no?

 

Il notaio, anche, asserisce quanto detto dai tecnici del Comune.

 

Grazie a chi vorrà e potrà darmi delucidazioni ed ancora auguri!!!!!!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

fidati del notaio che perfezionala il passaggio formale a te di quell'immobile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
ciao

 

fidati del notaio che perfezionala il passaggio formale a te di quell'immobile.

Intanto ti ringrazio della risposta, gentilissimo.

 

Vorrei però approfondire, al di là del fatto che comunque mi fido del notaio, il fatto della regolarità del manufatto, della costruzione, cioè in mancanza di un progetto, è regolare?

 

Chiaro che comunque accetterò l'eredità, ci mancherebbe (anche se si tratta di un valore modestissimo, rendita catastale € 48,50......quindi) però da fonti comunali, da fonti tecniche recepite qua e là sono venuta a conoscenza che le costruzioni eseguite intorno agli anni '50 potevano anche non avere un autorizzazione edilizia, è mai possibile?

 

Cioè, in poche parole se io lo volessi vendere lo posso fare?

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Legge 1150/42 art 31 licenza edilizia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Saluti a tutti ed auguri di buone feste.

 

La settimana scorsa mi chiama uno studio notarile e mi dice che un mio zio mi ha lasciato in eredità un locale di mq 30 accatastato regolarmente c/2 (uso magazzino) costruito sicuramente prima del 1956.

 

Il notaio mi ha detto che questo zio (che io praticamente neanche conosco) ha fatto testamento coinvolgendo 12 suoi parenti, tra cui io.

 

A me ha lasciato questo locale e l'ho potuto ereditare oltre perché inserita nel testamento anche perché accatastato regolarmente con piantina planimetrica regolarmente depositata in catasto che questo mio zio ha, evidentemente, regolarizzato con un geometra circa 10 anni fa.

 

Mi sono informata all'ufficio tecnico del Comune (un pò per curiosità che per necessità visto che questo locale non l'avevo mai visto prima in vita mia) e mi hanno detto che non c'è nessun progetto, nessuna licenza di costruzione, niente di niente perché prima era così.......vecchi manufatti che non necessitavano di permessi, di concessioni e, per averlo in proprietà e passarlo in successione o venderlo è sufficiente un regolare accatastamento dell'immobile.

 

Ma tutto ciò è normale oppure no?

 

Cioè questo immobile è regolare o no?

 

Il notaio, anche, asserisce quanto detto dai tecnici del Comune.

 

Grazie a chi vorrà e potrà darmi delucidazioni ed ancora auguri!!!!!!!!!

Ti spiego bene la situazione.

 

Il legislatore ha preso atto che in passato gli immobili venivano costruiti secondo criteri meno restrittivi ed i provvedimenti che autorizzavano le costruzioni erano spesso frutto di procedimenti "disordinati" e senza particolari criteri. Sostanzialmente: non c'era una attività edilizia come la conosciamo oggi, e pertanto il legislatore prendendo atto di ciò ha ammesso che gli immobili edificati in data anteriore al 1 settembre 1967 sono perfettamente "commerciabili" (ossia trasferibili da una persona ad un altra) anche a prescindere dalla loro regolarità urbanistica, in quanto è oggettivamente difficile riuscie a fare un accertamento sotto tale profilo. In ogni caso sono e rimangono ferme eventuali sanzioni amministrative per irregolarità (clausola generale e di chiusura);sanzioni che operano difficilmente posto che le regole dei tempi andati erano tutt'altro che stringenti... ma con tali parole in ogni caso il legislatore ha prevenuto qualsiasi problema.

 

In sostanza: stai tranquillo, il tuo notaio è stato ben chiaro e corretto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Saluti.

 

Uhmmmmmmmm,

 

tranquilla ok già l'ho capito e non discuto il notaio però, stando all'indicazione postata da Peppe mi pare di capire che sotto l'aspetto urbanistico c'è qualcosa che non quadra.....

 

l'art. 31 della legge indicata da Peppe dice:

"Art. 31. – Licenza di costruzione – Responsabilità comune del committente e dell’assuntore dei lavori.

 

Chiunque intenda eseguire nuove costruzioni edilizie ovvero ampliare quelle esistenti o modificare la struttura o l’aspetto nei centri abitati ed ove esista il piano regolatore comunale, anche dentro le zone di espansione di cui al n. 2 dell’art. 7, deve chiedere apposita licenza al podestà del Comune.

 

Le determinazioni del podestà sulle domande di licenza di costruzione devono essere notificate all’interessato non oltre il sessantesimo giorno dalla ricezione delle domande stesse.

 

Il committente titolare della licenza e l’assuntore dei lavori sono entrambi responsabili di ogni inosservanza cosi’ delle norme generali di legge e di regolamento come delle modalità esecutive che siano fissate nella licenza di costruzione."

 

Quindi non mi sembra di avere tutti i torti nel pensare che qualcosa non quadra......può darsi pure che lo possa vendere ma, chi compra, non credo sia stupido, va a vedere se tutto quadra e quello che ho ricavato io indagando, lo ricaverà pure il potenziale acquirente......

 

Almeno credo, oppure temo che bisogna sanare e/o condonare....non lo so....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

nel post 5 Le Saboteur è stato più che esaustivo. Il fatto che il Comune abbia confermata la regolarità dovrebbe tranquillizzarti sotto ogni aspetto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Saluti.

 

Uhmmmmmmmm,

 

tranquilla ok già l'ho capito e non discuto il notaio però, stando all'indicazione postata da Peppe mi pare di capire che sotto l'aspetto urbanistico c'è qualcosa che non quadra.....

 

l'art. 31 della legge indicata da Peppe dice:

"Art. 31. – Licenza di costruzione – Responsabilità comune del committente e dell’assuntore dei lavori.

 

Chiunque intenda eseguire nuove costruzioni edilizie ovvero ampliare quelle esistenti o modificare la struttura o l’aspetto nei centri abitati ed ove esista il piano regolatore comunale, anche dentro le zone di espansione di cui al n. 2 dell’art. 7, deve chiedere apposita licenza al podestà del Comune.

 

Le determinazioni del podestà sulle domande di licenza di costruzione devono essere notificate all’interessato non oltre il sessantesimo giorno dalla ricezione delle domande stesse.

 

Il committente titolare della licenza e l’assuntore dei lavori sono entrambi responsabili di ogni inosservanza cosi’ delle norme generali di legge e di regolamento come delle modalità esecutive che siano fissate nella licenza di costruzione."

 

Quindi non mi sembra di avere tutti i torti nel pensare che qualcosa non quadra......può darsi pure che lo possa vendere ma, chi compra, non credo sia stupido, va a vedere se tutto quadra e quello che ho ricavato io indagando, lo ricaverà pure il potenziale acquirente......

 

Almeno credo, oppure temo che bisogna sanare e/o condonare....non lo so....

Ciao e auguri.

Personalmente concordo con Camillo, infatti, brevemente ti dico che, nel 1967 appunto nel mese di settembre fu fatta una cosiddetta legge ponte che prevedeva, appunto, la semplice dichiarazione su un atto che una certa costruzione x è stata fatta prima del 1° settembre 1967, ecco il significato di questa data.

 

Tutto ciò che sarebbe stato costruito dopo tale data sarebbe stato soggetto alla cosiddetta licenza edilizia che permetteva la costruzione approvata nel progetto dal Comune.

 

Costruzione, però, che doveva ricadere al di fuori del centro abitato.

Ora, non so se questa costruzione sta al di fuori del centro abitato, devi dirlo te.

 

Quindi il tuo immobile, pur non avendo un titolo a costruire, è perfettamente regolare e bene ha fatto il tuo parente defunto ad accatastarlo perché questo, comunque, ti permette di essere in regola con i tributi nei confronti del fisco, anche se non è determinante per la legittimità urbanistica ossia se abbia o meno un permesso edilizio ma, questo, come descritto sopra non è il tuo caso.

 

Ecco perché sia il notaio sia il Comune ti hanno detto che puoi stare tranquilla.

 

Buone feste.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Saluti.

 

Uhmmmmmmmm,

 

tranquilla ok già l'ho capito e non discuto il notaio però, stando all'indicazione postata da Peppe mi pare di capire che sotto l'aspetto urbanistico c'è qualcosa che non quadra.....

 

l'art. 31 della legge indicata da Peppe dice:

"Art. 31. – Licenza di costruzione – Responsabilità comune del committente e dell’assuntore dei lavori.

 

Chiunque intenda eseguire nuove costruzioni edilizie ovvero ampliare quelle esistenti o modificare la struttura o l’aspetto nei centri abitati ed ove esista il piano regolatore comunale, anche dentro le zone di espansione di cui al n. 2 dell’art. 7, deve chiedere apposita licenza al podestà del Comune.

 

Le determinazioni del podestà sulle domande di licenza di costruzione devono essere notificate all’interessato non oltre il sessantesimo giorno dalla ricezione delle domande stesse.

 

Il committente titolare della licenza e l’assuntore dei lavori sono entrambi responsabili di ogni inosservanza cosi’ delle norme generali di legge e di regolamento come delle modalità esecutive che siano fissate nella licenza di costruzione."

 

Quindi non mi sembra di avere tutti i torti nel pensare che qualcosa non quadra......può darsi pure che lo possa vendere ma, chi compra, non credo sia stupido, va a vedere se tutto quadra e quello che ho ricavato io indagando, lo ricaverà pure il potenziale acquirente......

 

Almeno credo, oppure temo che bisogna sanare e/o condonare....non lo so....

Non capisco la sua ostinatezza, posto che ha avuto i pareri di tutte le autorità competenti, rispettivamente:

 

1) Il notaio per quanto attiene alla "legittimità" in termini puramente legali

2)l il comune che le ha spiegato la situazione sotto un profilo urbanistico era regolare.

 

Cosa vuole ancora?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non capisco la sua ostinatezza, posto che ha avuto i pareri di tutte le autorità competenti, rispettivamente:

 

1) Il notaio per quanto attiene alla "legittimità" in termini puramente legali

2)l il comune che le ha spiegato la situazione sotto un profilo urbanistico era regolare.

 

Cosa vuole ancora?

Intanto grazie per la risposta.

Cosa voglio ancora?

 

Bè se frequento e chiedo informazioni su questo forum da ormai 7 anni è perché su, questo forum, trovo spiegazioni, informazioni che in nessun altro posto trovo, anche da professionisti interpellati e pagati di persona.....sai!!!!!

 

Mi è già capitato che ciò di cui venivo informata in prima persona da qualcuno, pagato perché sa, veniva poi smentito da qualcuno sul forum su cui poi dopo chiedevo conferma ad altri per verificare quale fosse la fonte vera, autentica.

 

Una volta accertato, andavo a verificare e quella detta su questo forum era la migliore.

 

Non lo dico solo adesso che è Natale ma vi assicuro che è così.

 

Con questo ti voglio dire che la mia ostinatezza come la chiami te è dettata dall'esperienze avute sino ad ora e, mio malgrado, ne ho avute già abbastanza.......

 

Dalle risposte che mi avete fornito, mi sono fatta una idea più precisa, anche perché, proprio consultando il forum, qua e là, da discussioni tipo questa mia, ho dedotto che in una situazione come quella mia appunto, se pur di poco valore, ci possano essere delle insidie di tipo urbanistico, al di fuori della Commerciabilità dell'immobile che non c'entrano nulla con il fatto della commerciabilità.

 

Capito? Tutto qui, è soltanto una richiesta maggiore di informazioni.

 

Auguri e grazie anche a te per le delucidazioni.

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non c'è che offendersi e scrivere "papielli": la cosa è ben chiara e trovo poco sensato parlare di maggiore chiarezza e non sentirsi convinti. La legge parla chiaro. I suoi dubbi al più un insulto alla professionalità del notaio consultato, del personale comunale interpellato, e di me ed altri forumisti che abbiamo dato sostanzialmente le medesime risposte di chi ci ha preceduto. E di tutta risposta, mi permetta di dirlo, trovo davvero poco gentile il suo comportamento nei confronti di tutti coloro che ho elencato. Dubbi che si evincono palesemente da parole e frasi - che prendo a caso ed evidenzio - che ha espresso nei suoi commenti.

 

Saluti.

Uhmmmmmmmm,

 

tranquilla ok già l'ho capito e non discuto il notaio però, stando all'indicazione postata da Peppe mi pare di capire che sotto l'aspetto urbanistico c'è qualcosa che non quadra.... [...]

[...] temo che bisogna sanare e/o condonare....non lo so....

 

Se non le stanno bene i pareri di pubblici ufficiali, professionisti e gentili forumisti che si pongono tutti sulla stessa linea, non ho che farci. Ma per cortesia, si eviti giri di parole ed offese varie perché qui si parla di materie tecniche, non di punti di vista.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non c'è che offendersi e scrivere "papielli": la cosa è ben chiara e trovo poco sensato parlare di maggiore chiarezza e non sentirsi convinti. La legge parla chiaro. I suoi dubbi al più un insulto alla professionalità del notaio consultato, del personale comunale interpellato, e di me ed altri forumisti che abbiamo dato sostanzialmente le medesime risposte di chi ci ha preceduto. E di tutta risposta, mi permetta di dirlo, trovo davvero poco gentile il suo comportamento nei confronti di tutti coloro che ho elencato. Dubbi che si evincono palesemente da parole e frasi - che prendo a caso ed evidenzio - che ha espresso nei suoi commenti.

Se non le stanno bene i pareri di pubblici ufficiali, professionisti e gentili forumisti che si pongono tutti sulla stessa linea, non ho che farci. Ma per cortesia, si eviti giri di parole ed offese varie perché qui si parla di materie tecniche, non di punti di vista.

Saluti, guarda Le Saboteur hai capito male.

 

Io ho scritto esattamente il contrario di quello che asserisci e che hai capito te.

 

Ho, invece, proprio esaltato il ruolo del forum che io frequento da almeno 7 anni, ed è proprio per questo che quando ho un dubbio mi rivolgo al forum anziché a ben pagati professionisti.

 

Io intendevo dire esattamente questo, non quello che hai scritto te.

 

Ma che hai capito???????

 

Leggi bene amico mio e prima di dire cose inesatte verifica bene quello che scrive l'utente, per esempio:

 

"Una volta accertato, andavo a verificare e quella detta su questo forum era la migliore.

 

Non lo dico solo adesso che è Natale ma vi assicuro che è così"

 

Forse ti è sfuggito.......non lo so dimmi te, mi dispiace che hai ricevuto pure un mi piace da qualcuno che a sua volta ha letto poco.

 

E poi di che insulti parli?

Ma dove li hai letti i miei insulti?

Che qui si parla di materie tecniche lo so ma anche di pareri e i pareri lasciano il tempo che trovano, forse tu non lo sai perché sei appena entrato nel forum ed allora pensi che tutto è oro colato ma non è così.

 

E' un forum bellissimo utile che consulto sempre, come ho scritto prima e che te, invece, NON HAI LETTO ma, quello che scrivi te, vale tanto quello che scrive un altro, ne più e ne meno poi sta all'utente interpretare e giudicare lo scritto ricevuto per le sue domande.

 

Tra l'altro io, avevo anche apprezzato la tua esposizione, aggiungendo un po' più di chiarezza alle tue ulteriori osservazioni.

 

Poi se ti sta bene è ok, altrimenti è uguale ......

 

Complì?

 

Saluti e rilassati che è Natale.......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non c'è che offendersi e scrivere "papielli": la cosa è ben chiara e trovo poco sensato parlare di maggiore chiarezza e non sentirsi convinti. La legge parla chiaro. I suoi dubbi al più un insulto alla professionalità del notaio consultato, del personale comunale interpellato, e di me ed altri forumisti che abbiamo dato sostanzialmente le medesime risposte di chi ci ha preceduto. E di tutta risposta, mi permetta di dirlo, trovo davvero poco gentile il suo comportamento nei confronti di tutti coloro che ho elencato. Dubbi che si evincono palesemente da parole e frasi - che prendo a caso ed evidenzio - che ha espresso nei suoi commenti.

Se non le stanno bene i pareri di pubblici ufficiali, professionisti e gentili forumisti che si pongono tutti sulla stessa linea, non ho che farci. Ma per cortesia, si eviti giri di parole ed offese varie perché qui si parla di materie tecniche, non di punti di vista.

Ciao, va be dai se un utente fa domande bisogna rispondere e cercare di fargli capire il possibile e/o dispensare, per quanto possibile, dei consigli, mica devi fare dei rimproveri......eh!!!???!!!!!

E dai..........!!!!!!!

Non bisogna essere così..... superiori, non trovi?

 

La manifesta superiorità trova poco spazio in questo forum, non si deve sfoggiare si deve consigliare o dare dei pareri, che a volte lasciano il tempo che trovano........compresi i miei, intendiamoci.

ciao:)🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ciao, va be dai se un utente fa domande bisogna rispondere e cercare di fargli capire il possibile e/o dispensare, per quanto possibile, dei consigli, mica devi fare dei rimproveri......eh!!!???!!!!!

E dai..........!!!!!!!

Non bisogna essere così..... superiori, non trovi?

 

La manifesta superiorità trova poco spazio in questo forum, non si deve sfoggiare si deve consigliare o dare dei pareri, che a volte lasciano il tempo che trovano........compresi i miei, intendiamoci.

ciao:)🙂

  • Disapprovo 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Le mie parole non valgono tanto quanto quelli di altri forumisti che sparano nozioni a caso senza avere una ben che minima conoscenza di ciò che si parla. Le parole degli altri saranno semmai "pareri che lasciano il tempo che trovano", ma ahimè le mie non sono così.

Questa non è arroganza: è frutto di un decennio di studi.

ciao

 

forse un bagno di umiltà sarebbe più opportuno.

Nel forum, almeno così credo, si affacciano esperti in vari campi e anche chi pensa di conoscere bene la materia, ma ha qualche convinzione diversa dagli altri, vista la continua evoluzione della materia conseguenza di nuova legislazione e di sentenze che girano da tutte le parti.

 

Spesso anch'io non sono allineato con i pareri di altri, ma non per questo mi permetto di sminuire le loro opinioni e sentenziare che il mio è la verità rivelata ed indiscutibile, e chi non la pensa come me... esprime pareri che lasciano il tempo che trovano, affermi.

 

Visto che ti indichi "studente", forse hai ottima conoscenza della grammatica, ma invece la pratica è ancora scarsa.

 

I pareri diversi, giusti o sbagliati che siano, sono materia preziosa per crescere, visto che ti costringono a ragionare e capire punti di vista diversi.

 

Parli come se la materia di condominio fosse una applicazione esatta di regole, ma non è così.

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ho, invece, proprio esaltato il ruolo del forum che io frequento da almeno 7 anni, ed è proprio per questo che quando ho un dubbio mi rivolgo al forum anziché a ben pagati professionisti..

Ebbene se lo frequenti da almeno 7 anni da altrettanto tempo dovresti ben sapere come utilizzare gli spazi del forum.

Non penso ci sia altro da aggiungere.

 

- - - Aggiornato - - -

 

E' esattamente questo che trovo scortese e soprattutto falso.

Le mie parole non valgono tanto quanto quelli di altri forumisti che sparano nozioni a caso senza avere una ben che minima conoscenza di ciò che si parla. Le parole degli altri saranno semmai "pareri che lasciano il tempo che trovano", ma ahimè le mie non sono così.

 

Questa non è arroganza: è frutto di un decennio di studi.

Questo lo si poteva risparmiare.

 

VALGA PER TUTTI

 

CHI CONTRIBUISCE LO FA DI SUA SPONTE SENZA RICERCA DI LODI O GRATIFICAZIONI

CHI RICEVE IL CONTRIBUTO LO ACCETTI SENZA CRITICHE O ALTRO

 

GRAZIE.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ospite
Questa discussione è chiusa.
×