Vai al contenuto
Kayuwa

Il proprietario viene senza avviso: non sono d'accordo -- lui mi caccia via

Buonasera, 

 

Da marzo sono in affitto in un posto letto in una stanza, il contratto lo avevo fatto per un mese solo, non sapendo per quale periodo mi servisse.

Ho pagato il canone mensile e la caparra.

 

A marzo il proprietario è venuto senza avvisarmi per aggiustare la porta della doccia nel bagno (non era una questione di urgenza, la porta stava così da mesi).

 

Gli avevo detto gentilmente che così non si fa e bisogna avvisare.

 

Ad aprile ho deciso di fare il contratto fino a ottobre. Ho mandato tutti i documenti necessari al proprietario e ho pagato il canone mensile per il mese di aprile.

 

Il 13 aprile è venuto senza avvisarmi, ha aperto la porta con le sue chiavi ed ha camminato fino alla cucina. Quando l'ho visto ero sorpresa e gli ho detto che non può venire senza preavviso. 

Mi ha risposto che è venuto per un'altra ragazza che affitta un'altra stanza e quindi aveva avvisato lei, e non me.

Poi mi ha dato il consiglio di chiudermi nella stanza se mi disturba tale sua presenza. 

 

Ho chiuso la porta ma dopo 10 minuti l'ho sentito bussare alla mia porta. Ho aperto e gli ho detto che non avevo tempo in quel momento per parlare perchè devevo uscire per andare al lavoro e se voleva parlare bisognava metterci d'accordo per appuntamento, almeno un giorno prima e ho chiuso.

 

Lui ha aperto la porta della stanza mia  dove affitto il posto letto ed è entrato dentro gridando che lui mi ha fatto il contratto e voleva portarmelo ma visto che io non capisco "le regole" per quanto riguarda la sua presenza nella casa, devo andarmene via entro fine del mese. Ha detto anche che il contratto non me lo da  (tenendolo in mano) e che devo trovarmi un'altra sistemazione in due settimane che avevo pagato.

 

Spiegatemi l'ordine delle mie azioni future per favore, secondo quanto dice la legge.

 

Ciao

Fai bene a trovarti un'altra soluzione visto che probabilmente il proprietario non accetta la minima osservazione e anzi esagera però tutto dipende da cosa hai scritto nel contratto che però avevi fatto per un solo mese quindi attualmente sei senza contratto e stai detenendo la stanza quindi senza titolo

  • Mi piace 2
Kayuwa dice:

Buonasera, 

 

Da marzo sono in affitto in un posto letto in una stanza, il contratto lo avevo fatto per un mese solo, non sapendo per quale periodo mi servisse.

Ho pagato il canone mensile e la caparra.

 

A marzo il proprietario è venuto senza avvisarmi per aggiustare la porta della doccia nel bagno (non era una questione di urgenza, la porta stava così da mesi).

 

Gli avevo detto gentilmente che così non si fa e bisogna avvisare.

 

Ad aprile ho deciso di fare il contratto fino a ottobre. Ho mandato tutti i documenti necessari al proprietario e ho pagato il canone mensile per il mese di aprile.

 

Il 13 aprile è venuto senza avvisarmi, ha aperto la porta con le sue chiavi ed ha camminato fino alla cucina. Quando l'ho visto ero sorpresa e gli ho detto che non può venire senza preavviso. 

Mi ha risposto che è venuto per un'altra ragazza che affitta un'altra stanza e quindi aveva avvisato lei, e non me.

Poi mi ha dato il consiglio di chiudermi nella stanza se mi disturba tale sua presenza. 

 

Ho chiuso la porta ma dopo 10 minuti l'ho sentito bussare alla mia porta. Ho aperto e gli ho detto che non avevo tempo in quel momento per parlare perchè devevo uscire per andare al lavoro e se voleva parlare bisognava metterci d'accordo per appuntamento, almeno un giorno prima e ho chiuso.

 

Lui ha aperto la porta della stanza mia  dove affitto il posto letto ed è entrato dentro gridando che lui mi ha fatto il contratto e voleva portarmelo ma visto che io non capisco "le regole" per quanto riguarda la sua presenza nella casa, devo andarmene via entro fine del mese. Ha detto anche che il contratto non me lo da  (tenendolo in mano) e che devo trovarmi un'altra sistemazione in due settimane che avevo pagato.

 

Spiegatemi l'ordine delle mie azioni future per favore, secondo quanto dice la legge.

 

nel contratto c'è scritto che lui ti ha affittato una stanza e le altre (o alcune zone della casa) le tiene a sua disposizione ?

se è così ha libertà di entrare in casa "anche" sua (zone a sua disposizione), ma se ha affittato tutte le stanze e le altre zone a terzi, non ha diritto di entrare in casa senza preavviso.

 

  • Mi piace 1
Kayuwa dice:

Il 13 aprile è venuto senza avvisarmi, ha aperto la porta con le sue chiavi ed ha camminato fino alla cucina. Quando l'ho visto ero sorpresa e gli ho detto che non può venire senza preavviso. 

Mi ha risposto che è venuto per un'altra ragazza che affitta un'altra stanza e quindi aveva avvisato lei, e non me. 

 

@paul_cayard Direi che quindi o a) l'altra stanza era libera, e quindi nella sua disponibilità (e la doveva affittare) o b) l'altra stanza era occupata, doveva affittarla ad un'altra ancora, ed ha avvertito la ragazza che occupava l'altra stanza e che sarebbe stata sostituita presto.

Il proprietario che affitta una stanza mantiene il diritto di entrare a suo piacimento negli altri spazi che non ha affittato, anzi, potrebbe anche vivere in quello che rimane comunque il suo appartamento, usando il bagno e gli altri spazi comuni. Quello che non può fare è entrare senza permesso nelle stanze che ha affittato.

Modificato da madly
  • Mi piace 2

Ha ragione il proprietario. Avresti ragione tu nella misura in cui ti avesse affittato a te tutta la casa ma dato che non é così é libero di circolare negli spazi comuni tranne che nella tua stanza. E a te non spetta darti alcun preavviso poiché l'azione di ristrutturazione o altro non ha riguardato la tua stanza 

  • Mi piace 1
Fladimiro71 dice:

Ha ragione il proprietario. Avresti ragione tu nella misura in cui ti avesse affittato a te tutta la casa ma dato che non é così é libero di circolare negli spazi comuni tranne che nella tua stanza. E a te non spetta darti alcun preavviso poiché l'azione di ristrutturazione o altro non ha riguardato la tua stanza 

tutto vero, ma l'autore non ha detto se il proprietario si è riservato qualche zona per un suo uso.

si sa solo che due stanze sono affittate ...

come ho già detto al #3 ci deve dire cosa prevede il contratto.

 

  • Mi piace 2

Sarebbe stato molto più utile non farlo entrare. Con l'intervento delle forze dell'ordine lo stesso sarebbe ritornato alla normalità. Inoltre una segnalazione alle Autorità preposte per la privacy e senza scherzare.

paul_cayard dice:

tutto vero, ma l'autore non ha detto se il proprietario si è riservato qualche zona per un suo uso.

si sa solo che due stanze sono affittate ...

come ho già detto al #3 ci deve dire cosa prevede il contratto.

 

Esattamente, se l'autore ci riporta cosa c'è scritto sul contratto in relazione all'uso degli spazi comuni si potrà capire se il proprietario sta seguendo le regole o violando la privacy.

  • Grazie 1
angus dice:

Esattamente, se l'autore ci riporta cosa c'è scritto sul contratto in relazione all'uso degli spazi comuni si potrà capire se il proprietario sta seguendo le regole o violando la privacy.

Beh non possiamo certo chiedere all'opener di darci dettagli di cose così personali e intime che in fin dei conti sono fatti privati che riguardano lei e il suo proprietario. Chiederle una cosa del genere in un forum pubblico é fuori luogo ( ma se lei é disposta ben venga). Ciò che fa fede é chiaramente il contratto ma il mio intervento é coerente coi fatti riportati all'opener in quanto non penso che un proprietario che si comporta in tal modo si prenda la briga di far inserire nel contratto che l'intera casa e a uso e a sol disposizione dell'opener quindi logica vorrebbe che sul contratto non vi siano clausole che impediscano al proprietario di entrare ( potrei anche sbagliarmi ma a fatti riportati traspare ciò)

Comunque a me sembra chiaro: “sono in affitto in un posto letto in una stanza...”, diceva l’autrice della discussione nell’Intervento di apertura.

  • Mi piace 2
Fladimiro71 dice:

Ha ragione il proprietario. Avresti ragione tu nella misura in cui ti avesse affittato a te tutta la casa ma dato che non é così é libero di circolare negli spazi comuni tranne che nella tua stanza. E a te non spetta darti alcun preavviso poiché l'azione di ristrutturazione o altro non ha riguardato la tua stanza 

E come fai a sapere che ha ragione il proprietario senza neppure aver letto cosa dice il contratto?

Se sul contratto non è previsto che il proprietario acceda all'appartamento senza preavviso non ha per nulla ragione lui.

 

Fladimiro71 dice:

Beh non possiamo certo chiedere all'opener di darci dettagli di cose così personali e intime che in fin dei conti sono fatti privati che riguardano lei e il suo proprietario. Chiederle una cosa del genere in un forum pubblico é fuori luogo ( ma se lei é disposta ben venga). 

A me sembra che non ci sia niente di intimo nel citare le eventuali clausole contrattuali per verificare se il proprietario ha diritto di accesso agli spazi comuni o meno.

 

  • Mi piace 2
madly dice:

Comunque a me sembra chiaro: “sono in affitto in un posto letto in una stanza...”, diceva l’autrice della discussione nell’Intervento di apertura.

Si ma se sul contratto non è previsto che il proprietario abbia libero accesso alla casa allora deve avvisare ogni qual volta ha intenzione di accedere.

In questo tipo di contratti di solito si introduce una clausola tipo questa:

"Il conduttore garantisce al locatore l’accesso alle zone comuni dell’appartamento affinchè questi possa effettuare eventuali riparazioni e controllare che venga rispettato il presente contratto."

Se questa clausola non c'è il proprietario non può entrare in casa a suo piacimento.

E non ci vedo niente di intimo e personale in questa clausola da non poter essere riportata su un forum.

Modificato da pupitola

Bisogna anche riconoscere che l'atteggiamento del proprietario - per quanto possa aver ragione- é piuttosto discutibile. Bastava semplicemente parlare tranquillamente e spiegarti ciò che abbiamo spiegato noi e massimo parlare/chiarirvi. 

pupitola dice:

E come fai a sapere che ha ragione il proprietario senza neppure aver letto cosa dice il contratto?

Se sul contratto non è previsto che il proprietario acceda all'appartamento senza preavviso non ha per nulla ragione lui.

 

Alla base una persona che come l'opener ti riporta i fatti e tu da persona esterna cerchi di dare parere é chiaro che dai l'eventuale consiglio - salvo ciò che fa fede il contratto- ma sinceramente a me sembra difficile che un proprietario che pensa (e in fin dei conti avrebbe ragione) che circolare nei locali che non abbia affittato sia nelle sue possibilità ci penserebbe due volte ad inserire tale clausola non credi? 

 

pupitola dice:

 

A me sembra che non ci sia niente di intimo nel citare le eventuali clausole contrattuali per verificare se il proprietario ha diritto di accesso agli spazi comuni o meno.

 

Infatti é cosi ma deve essere l'opener a farlo. Noi non possiamo chiederle cose cosi personali perché in fondo noi non la conosciamo e quelli sono fatti suoi ma se é lei a proporceli qui- di sua iniziativa- quello é un'altro discorso 

pupitola dice:

Si ma se sul contratto non è previsto che il proprietario abbia libero accesso alla casa allora deve avvisare ogni qual volta ha intenzione di accedere.

In questo tipo di contratti di solito si introduce una clausola tipo questa:

"Il conduttore garantisce al locatore l’accesso alle zone comuni dell’appartamento affinchè questi possa effettuare eventuali riparazioni e controllare che venga rispettato il presente contratto."

Se questa clausola non c'è il proprietario non può entrare in casa a suo piacimento.

E non ci vedo niente di intimo e personale in questa clausola da non poter essere riportata su un forum.

Se una clausola del genere non viene riportata o citata allora di per sé  il proprietario é libero di accedere nei locali non affittati. Qui si sta facendo confusione tra l'affitto di una casa e l'affitto di una stanza...

Fladimiro71 dice:

Bisogna anche riconoscere che l'atteggiamento del proprietario - per quanto possa aver ragione- é piuttosto discutibile. Bastava semplicemente parlare tranquillamente e spiegarti ciò che abbiamo spiegato noi e massimo parlare/chiarirvi. 

Alla base una persona che come l'opener ti riporta i fatti e tu da persona esterna cerchi di dare parere é chiaro che dai l'eventuale consiglio - salvo ciò che fa fede il contratto- ma sinceramente a me sembra difficile che un proprietario che pensa (e in fin dei conti avrebbe ragione) che circolare nei locali che non abbia affittato sia nelle sue possibilità ci penserebbe due volte ad inserire tale clausola non credi? 

 

Infatti é cosi ma deve essere l'opener a farlo. Noi non possiamo chiederle cose cosi personali perché in fondo noi non la conosciamo e quelli sono fatti suoi ma se é lei a proporceli qui- di sua iniziativa- quello é un'altro discorso 

Se una clausola del genere non viene riportata o citata allora di per sé  il proprietario é libero di accedere nei locali non affittati. Qui si sta facendo confusione tra l'affitto di una casa e l'affitto di una stanza...

Il suggerimento più corretto sarebbe stato di leggersi il contratto e verificare quanto riportato e non andare dritto sul fatto che ha ragione il proprietario.

Il tuo primo post non era un consiglio ma una sentenza.

Visto che l'utente sta chiedendo se il proprietario può o non può accedere in appartamento è evidente che vuole condividere la situazione e capire chi è nel giusto, quindi i "fatti suoi" di cui parli li sta proprio discutendo nel forum.

I locali sono tutti affittati, solo che alcuni sono comuni come la cucina, il soggiorno, l'ingresso e forse il bagno.

La clausola deve essere riportata nel contratto perché il proprietario possa avere libero accesso a meno che non viva lì, non si sta facendo alcuna confusione.

 

  • Mi piace 3
pupitola dice:

Il suggerimento più corretto sarebbe stato di leggersi il contratto e verificare quanto riportato e non andare dritto sul fatto che ha ragione il proprietario.

Il tuo primo post non era un consiglio ma una sentenza.

Visto che l'utente sta chiedendo se il proprietario può o non può accedere in appartamento è evidente che vuole condividere la situazione e capire chi è nel giusto, quindi i "fatti suoi" di cui parli li sta proprio discutendo nel forum.

I locali sono tutti affittati, solo che alcuni sono comuni come la cucina, il soggiorno, l'ingresso e forse il bagno.

La clausola deve essere riportata nel contratto perché il proprietario possa avere libero accesso a meno che non viva lì, non si sta facendo alcuna confusione.

 

Il consiglio di andare a leggere il contratto era stato già dato per cui era inutile che io ripetessi sempre le stesse cose dell'utente precedente. Nel topic di apertura l'opener non ha detto/citato nulla riguardo al contratto ( per cui ho ipotizzato che lei non voleva scendere in questi dettagli e cosi ho deciso di non dirle: Senti ma il tuo contratto che dice? Non mi conosce e sinceramente non mi sento di farle questa domanda). Da come ha posto le cose l'opener e da ciò che ha raccontato in quel caso avrebbe ragione il proprietario perché non le ha affittato tutta la casa bensi solo una stanza, la quale non è stata oggetto di ristrutturazione e quant'altro. Ad ogni modo é comunque nel torto l'opener perché é senza contratto è sta detenendo la stanza senza titolo.. ( ciò non é una sentenza ma un dato di fatto)

Modificato da Fladimiro71

Direi che i primi due commenti riassumono bene la situazione senza digressioni e senza giungere a conclusioni affrettate.

Il proprietario dice di aver avvertito l'altra ragazza che stava arrivando quindi se si deve proprio fare un'ipotesi è probabile che non si sia riservato il libero accesso alle parti comuni altrimenti non avrebbe avuto alcun bisogno di avvertire nessuno né di giustificarsi.

  • Mi piace 1
donsalieri dice:

Direi che i primi due commenti riassumono bene la situazione senza digressioni e senza giungere a conclusioni affrettate.

Il proprietario dice di aver avvertito l'altra ragazza che stava arrivando quindi se si deve proprio fare un'ipotesi è probabile che non si sia riservato il libero accesso alle parti comuni altrimenti non avrebbe avuto alcun bisogno di avvertire nessuno né di giustificarsi.

Da quanto ho capito io dal topic ha avvertito solo l'altra ragazza protagonista la quale doveva essere sostituita ( e giustamente erano cose che riguardavano proprietario e la ragazza che se ne stava andando non l'opener) oppure ha avvisato la ragazza che doveva subentrare dandole appuntamento nell'appartamento...

Modificato da Fladimiro71
Fladimiro71 dice:

Da quanto ho capito io dal topic ha avvertito solo l'altra ragazza protagonista la quale doveva essere sostituita ( e giustamente erano cose che riguardavano proprietario e la ragazza che se ne stava andando non l'opener)

Secondo me stai facendo molta confusione, come dicevo se leggi solo i primi due commenti ci sono tutte le risposte al quesito.

E infatti la stessa @Kayuwa lo ha capito ringraziando al post #10.

Fladimiro71 dice:

Il consiglio di andare a leggere il contratto era stato già dato per cui era inutile che io ripetessi sempre le stesse cose dell'utente precedente. Nel topic di apertura l'opener non ha detto/citato nulla riguardo al contratto ( per cui ho ipotizzato che lei non voleva scendere in questi dettagli e cosi ho deciso di non dirle: Senti ma il tuo contratto che dice? Non mi conosce e sinceramente non mi sento di farle questa domanda). Da come ha posto le cose l'opener e da ciò che ha raccontato in quel caso avrebbe ragione il proprietario perché non le ha affittato tutta la casa bensi solo una stanza, la quale non è stata oggetto di ristrutturazione e quant'altro. Ad ogni modo é comunque nel torto l'opener perché é senza contratto è sta detenendo la stanza senza titolo.. ( ciò non é una sentenza ma un dato di fatto)

che sia in torto l'autore non fa automaticamente avere ragione al proprietario in questa circostanza.

 

è certo che due stanze sono in affitto.

è certo che il bagno e la cucina sono di uso comune tra i fittuari delle due stanze.

è certo che il proprietario non può entrare nelle stanze fittate senza il permesso del conduttore.

non è certo se ci sono altre stanze libere (quindi riservate al locatore).

non è certo se comunque il locatore si sia riservato l'uso di altri locali oltre le stanze.

 

 

 

  • Mi piace 2
paul_cayard dice:

che sia in torto l'autore non fa automaticamente avere ragione al proprietario in questa circostanza.

 

è certo che due stanze sono in affitto.

è certo che il bagno e la cucina sono di uso comune tra i fittuari delle due stanze.

è certo che il proprietario non può entrare nelle stanze fittate senza il permesso del conduttore.

non è certo se ci sono altre stanze libere (quindi riservate al locatore).

non è certo se comunque il locatore si sia riservato l'uso di altri locali oltre le stanze.

 

 

 

Ottimo sunto

  • Grazie 1
paul_cayard dice:

che sia in torto l'autore non fa automaticamente avere ragione al proprietario in questa circostanza.

 

è certo che due stanze sono in affitto.

è certo che il bagno e la cucina sono di uso comune tra i fittuari delle due stanze.

è certo che il proprietario non può entrare nelle stanze fittate senza il permesso del conduttore.

non è certo se ci sono altre stanze libere (quindi riservate al locatore).

non è certo se comunque il locatore si sia riservato l'uso di altri locali oltre le stanze.

 

 

 

Il "torto" che ha l'autore non è dovuto alle circostanze bensi al fatto che é li senza contratto è manca la base. Si possono fare tutti i ragionamenti che si vogliono ma senza un contratto viggente non c'è nulla che tenga da parte del conduttore. É superfluo dare come consiglio l'andare a leggere cosa dice il contratto perché l'unico contratto in mano al conduttore é quello di marzo, scaduto e ormai non più viggente. Ciò che fa fede è il nuovo contratto che va da Aprile ad ottobre ( non nelle mani del conduttore e tal altro dato che non è stato firmato é nullo). 

Modificato da Fladimiro71
Fladimiro71 dice:

Il "torto" che ha l'autore non è dovuto alle circostanze bensi al fatto che é li senza contratto è manca la base. Si possono fare tutti i ragionamenti che si vogliono ma senza un contratto viggente non c'è nulla che tenga da parte del conduttore. É superfluo dare come consiglio l'andare a leggere cosa dice il contratto perché l'unico contratto in mano al conduttore é quello di marzo, scaduto e ormai non più viggente. Ciò che fa fede è il nuovo contratto che va da Aprile ad ottobre ( non nelle mani del conduttore e tal altro dato che non è stato firmato é nullo). 

Continui a fare confusione, il fatto in questione oggetto della domanda è riferito al mese di marzo, quando il contratto era vigente.

Poi per pura e generica informazione, un contratto di affitto per essere valido non ha necessariamente bisogno della firma del conduttore.

Modificato da donsalieri
donsalieri dice:

Secondo me stai facendo molta confusione, come dicevo se leggi solo i primi due commenti ci sono tutte le risposte al quesito.

E infatti la stessa @Kayuwa lo ha capito ringraziando al post #10.

Se le cose rispecchiano ciò che ha raccontato l'opener le circostanze sono superflue perché manca la base ( ossia il contratto). L'autore è venuto qui spiegandoci la situazione e congedandosi chiedendoci come poteva muoversi a livello legale. Io di contro le ho risposto che ad un occhio legale ha ragione il proprietario perché manca il contratto e senza una clausula che vigge sullo spazio comune il proprietario è libero di circolare in casa sua ( già é tanto che l'opener stia detenendo la stanza per volontà del proprietario). Che il proprietario non abbia ragione da un lato etico/morale è un'altro discorso é come ho già detto piuttosto che concedersi a quelle sceneggiate bastava semplicemente farle capire quali erano le regole dal canto suo, parlarne e massimo chiarire.

donsalieri dice:

Continui a fare confusione, il fatto in questione oggetto della domanda è riferito al mese di marzo, quando il contratto era vigente.

Si ma l'opener scrive: "Giorno 13 aprile il proprietario é entrato in casa...."

 

donsalieri dice:

Poi per pura e generica informazione, un contratto di affitto per essere valido non ha necessariamente bisogno della firma del conduttore.

Si ma se il proprietario lo tiene al caldo non registrandolo a livello legale da aprile in poi é come se l'opener stia detenendo la stanza senza titolo.

×