Vai al contenuto
Franzturbo

Il proprietario dell'attico ha trasformato il terrazzo in una foresta, con centinaia di vasi pesanti!

Cari amici, care amiche,

Il proprietario dell'attico del condominio in cui vivo ha trasformato il terrazzo in una sorta di foresta, mettendoci centinaia di piante in vasi pesanti e ingombranti.

Abbiamo quindi paura dell'eccesso di peso che grava sul solaio e, in generale, quando queste piante vengono innaffiate, si vengono a creare delle pozze d'acqua negli spazi tra un vaso e l'altro, proprio perché non riesce a defluire verso i canali di scolo dell'acqua.

Questa presenza di acqua stagnante, oltre a costituire un peso ulteriore, favorisce la presenza di infiltrazioni nel solaio e può causare la presenza di insetti e larve, con le conseguenze che possiamo immaginare.

Preciso che il terrazzo in oggetto funge anche da lastrico solare condominiale.

 

Queste cose le abbiamo riscontrate affacciandoci dal terrazzo condominiale, che sta ulteriormente sopra al terrazzo in oggetto.

 

Noi, come condomini, abbiamo esposto il problema al proprietario dell'attico, il quale ha risposto: "A casa mia faccio quel che voglio!"

 

Siccome il regolamento di condominio non regolamenta nulla in proposito e avendo già percorso, senza alcun successo, la strada della "mediazione fatta a suon di buon senso", vi domando: C'è qualche legge in proposito che ci può venire in aiuto?

Grazie

Franz

No. Giustamente come dice il proprietario dell'attico, in casa sua fa ciò che vuole.

Il peso di cui parli è risibile, certo non saranno dei vasi e delle piante a creare problemi ad un solaio.

Per quanto riguarda gli insetti sarebbe lo stesso se viveste vicino al verde, invece lo avete in testa e comunque dovrebbe farvi piacere. Se non c'è stillicidio di acqua verso i piani inferiori, continuo e ripetuto, non avete di che lamentarvi.

No. Giustamente come dice il proprietario dell'attico, in casa sua fa ciò che vuole.

Il peso di cui parli è risibile, certo non saranno dei vasi e delle piante a creare problemi ad un solaio.

Per quanto riguarda gli insetti sarebbe lo stesso se viveste vicino al verde, invece lo avete in testa e comunque dovrebbe farvi piacere. Se non c'è stillicidio di acqua verso i piani inferiori, continuo e ripetuto, non avete di che lamentarvi.

Beh, non mi sembra che il proprietario dell'attico stia usando il terrazzo con la diligenza del buon padre di famiglia, tenuto anche conto che, fungendo da lastrico solare condominiale, è di 2/3 del condominio, secondo quanto disciplinato dall'articolo 1126 del c.c.

Beh, non mi sembra che il proprietario dell'attico stia usando il terrazzo con la diligenza del buon padre di famiglia, tenuto anche conto che, fungendo da lastrico solare condominiale, è di 2/3 del condominio, secondo quanto disciplinato dall'articolo 1126 del c.c.

la presenza d'acqua non crea infiltrazioni. altrimenti non avremmo le piscine. Se ci sono delle infiltrazioni d'acqua ci sarebbero anche senza le piante. per il peso ti hanno risposto. Per gli insetti, se è veramente insopportabile, gli si potrebbe chiedere di provvedere ad una disinfestazione preventiva.

E cosa cambia? In cosa non lo sta utilizzando con diligenza? Perchè mette delle piante?

Come hai giustamente detto, voi contribuite alle spese, ma pagare i 2/3 della spesa non vuol dire che ne siate proprietari. Il proprietario è sempre e comunque lui e, come detto, piante e vasi non inficiano la funzione di copertura nè sono un peso che possa mettere in pericolo la stabilità di un solaio (se così fosse il tuo appartamento sarebbe già sprofondato su quello inferiore....o pensi che mobili e persone siano delle piume???)

la presenza d'acqua non crea infiltrazioni. altrimenti non avremmo le piscine. Se ci sono delle infiltrazioni d'acqua ci sarebbero anche senza le piante. per il peso ti hanno risposto. Per gli insetti, se è veramente insopportabile, gli si potrebbe chiedere di provvedere ad una disinfestazione preventiva.

Quel solaio, è stato progettato con tutti gli accorgimenti tecnici atti ad ospitare una piscina oppure... è stato progettato per sopportare la presenza momentanea di acqua,dovuta a precipitazioni atmosferiche e/o cose del genere, destinata a defluire subito attraverso gli appositi canali di scolo?

 

- - - Aggiornato - - -

 

E cosa cambia? In cosa non lo sta utilizzando con diligenza? Perchè mette delle piante?

Come hai giustamente detto, voi contribuite alle spese, ma pagare i 2/3 della spesa non vuol dire che ne siate proprietari. Il proprietario è sempre e comunque lui e, come detto, piante e vasi non inficiano la funzione di copertura nè sono un peso che possa mettere in pericolo la stabilità di un solaio (se così fosse il tuo appartamento sarebbe già sprofondato su quello inferiore....o pensi che mobili e persone siano delle piume???)

Tu quei vasi li hai visti?

Sai quanto sono grandi?

Sai quanto pesano?

Mi potresti mettere per iscritto che non superano i limiti strutturali di peso del solaio?

Creare dei ristagni d'acqua che attirano larve e zanzare è un comportamento civile?

E dopo tante domande, un'affermazione: Contribuire ai 2/3 della spesa SIGNIFICA essere proprietari dei 2/3 del solaio!

Mi potresti mettere per iscritto che non superano i limiti strutturali di peso del solaio?

 

E dopo tante domande, un'affermazione: Contribuire ai 2/3 della spesa SIGNIFICA essere proprietari dei 2/3 del solaio!

Un solaio di norma sopporta 400kg mq, quindi non c'è da preoccuparsi.

Riguardo i 2/3 si fà riferimento solamente ai lavori di manutenzione e/o urgenti, per il resto è di sua proprietà, lo ha acquistato con l'appartamento e non credo tu possa fare alcunchè

Purtroppo, spesso, lavare la testa all'asino significa perdere acqua e sapone.

Hai le tue convinzioni: benissimo, fategli causa.

Volevi delucidazioni, le hai avute su tutto e non solo da me.

Le tue affermazioni non solo sono prive di alcun fondamento tecnico strutturale ma sono anche pretestuose (voler essere proprietari di qualcosa che non si è pagato...alias il lastrico), quindi, per quel che mi riguarda, ti saluto e ti lascio alle tue convinzioni.

Purtroppo, spesso, lavare la testa all'asino significa perdere acqua e sapone.

Hai le tue convinzioni: benissimo, fategli causa.

Volevi delucidazioni, le hai avute su tutto e non solo da me.

Le tue affermazioni non solo sono prive di alcun fondamento tecnico strutturale ma sono anche pretestuose (voler essere proprietari di qualcosa che non si è pagato...alias il lastrico), quindi, per quel che mi riguarda, ti saluto e ti lascio alle tue convinzioni.

Innanzitutto, asino sei tu, che parli di condominio senza sapere le cose: se il condominio paga i 2/3 delle spese è perché è proprietario dei 2/3 del solaio.

 

Secondariamente, se tu pensi che sia normale creare un danno collettivo con zanzare e larve che si riproducono nell'acqua stagnante beh.... forse nella tua area geografica di provenienza sono cose normali. Nel mondo civilizzato, no!

 

Terzo, se sei così sicuro che quel peso è tollerato dal solaio, visto che ti dichiari ingegnere, perché non me lo metti al volo per iscritto sulla tua bella carta intestata?

Un solaio di norma sopporta 400kg mq, quindi non c'è da preoccuparsi.

Riguardo i 2/3 si fà riferimento solamente ai lavori di manutenzione e/o urgenti, per il resto è di sua proprietà, lo ha acquistato con l'appartamento e non credo tu possa fare alcunchè

Ti ringrazio per la risposta garbata.

I 400 kg/mq sono ben noti come regola di massima ma non sappiamo come stanno effettivamente le cose in questo specifico condominio che è stato costruito con una serie di economie tipiche dell'edilizia delle cooperative..... In alcuni punti, sono visibili delle lesioni che saranno presto oggetto di approfondimenti!

 

Per il discorso 2/3, ho risposto nell'intervento precedente.

Ad ogni modo grazie comunque!

Innanzitutto, asino sei tu, che parli di condominio senza sapere le cose: se il condominio paga i 2/3 delle spese è perché è proprietario dei 2/3 del solaio.

 

Secondariamente, se tu pensi che sia normale creare un danno collettivo con zanzare e larve che si riproducono nell'acqua stagnante beh.... forse nella tua area geografica di provenienza sono cose normali. Nel mondo civilizzato, no!

 

Terzo, se sei così sicuro che quel peso è tollerato dal solaio, visto che ti dichiari ingegnere, perché non me lo metti al volo per iscritto sulla tua bella carta intestata?

 

Te lo spiego in italiano: questa tua affermazione "Innanzitutto, asino sei tu, che parli di condominio senza sapere le cose: se il condominio paga i 2/3 delle spese è perché è proprietario dei 2/3 del solaio." è una stronzata mega galattica e ti invito a portare molto più rispetto per chi, in ogni caso, aiuta su questo forum le persone gratuitamente e ne sa di gran lunga più di te, e se sei così sicuro della tua affermazione saresti così gentile da rendere edotto tutto il forum su quale articolo del codice civile prevede quanto da te affermato?

 

Per le larve e il resto, puoi contattare l'asl o far fare disinfestazione dal condominio, il problema non si pone

 

Per il terzo punto se sei così sicuro che il solaio non possa reggere tale grandiosa foresta amazzonica dal peso disumano, chiamate un tecnico, a vostre spese, vi fate fare una perizia e vedrete il da farsi, nel caso, a dir poco remoto, che il peso non sia nei limiti.

 

Per quanto riguarda il volere un qualcosa di scritto da me su tale stabilità non ho problemi nel venire fino a Roma, basta pagare e tutto si fa.

Te lo spiego in italiano: questa tua affermazione "Innanzitutto, asino sei tu, che parli di condominio senza sapere le cose: se il condominio paga i 2/3 delle spese è perché è proprietario dei 2/3 del solaio." è una stronzata mega galattica e ti invito a portare molto più rispetto per chi, in ogni caso, aiuta su questo forum le persone gratuitamente e ne sa di gran lunga più di te, e se sei così sicuro della tua affermazione saresti così gentile da rendere edotto tutto il forum su quale articolo del codice civile prevede quanto da te affermato? .

Tu hai iniziato con le offese!

Tu hai iniziato con le mancanze di rispetto!

Io ho risposto soltanto di conseguenza!

Tu che per primo manchi di rispetto, con quale coraggio chiedi rispetto?

 

E dimmi...

Tu sei più esperto di me solo perché scrivi continuamente su un forum?

Quindi i C.V. degli esperti si valutano in base al numero di post pubblicati su un forum?

 

E in merito al discorso 2/3 e 1/3, secondo te, A RIGOR DI LOGICA, si possono pagare delle spese di manutenzione per un qualcosa che NON si possiede?

Per le larve e il resto, puoi contattare l'asl o far fare disinfestazione dal condominio, il problema non si pone

Quindi.... Fammi capire.... Lui attira larve e insetti e noi dovremmo pagare a spese nostre le disinfestazioni?

Per il terzo punto se sei così sicuro che il solaio non possa reggere tale grandiosa foresta amazzonica dal peso disumano, chiamate un tecnico, a vostre spese, vi fate fare una perizia e vedrete il da farsi, nel caso, a dir poco remoto, che il peso non sia nei limiti.

 

Per quanto riguarda il volere un qualcosa di scritto da me su tale stabilità non ho problemi nel venire fino a Roma, basta pagare e tutto si fa

E no.... Tu me lo hai dato per certo adesso. Quindi, se sei così sicuro, dovresti scriverlo adesso. Non dopo un sopralluogo tecnico!

Quindi... Impara a scrivere frasi del tipo: "si SUPPONE che i vasi in oggetto non cagionino problemi strutturali" che è COSA BEN DIVERSA!

Le certezze sono una cosa.

Le supposizioni sono altra cosa.

.....E sempre in merito al lastrico solare: tu confondi l'uso esclusivo con la proprietà esclusiva che sono due cose diverse!

Franzturbo, sul tuo rogito di acquisto c'è scritto che hai dei diritti pro quota sul terrazzo che funge da lastrico solare, al pari degli altri condomini? Se la risposta è affermativa, allora hai perfettamente ragione a pretendere che la sua sistemazione sia decisa dall'assemblea condominiale. Se la risposta è negativa, come mi sembra di avere capito da quello che sostieni nei tuoi interventi, allora tu non sei titolare di nessun diritto di uso e non hai voce in capitolo sulla sua sistemazione. Puoi procedere con una "denuncia di danno temuto", che tutelerà in modo più rapido ed efficace il tuo diritto al risarcimento quando la struttura collasserà. Rivolgiti ad un legale. Saluti.

Franzturbo, sul tuo rogito di acquisto c'è scritto che hai dei diritti pro quota sul terrazzo che funge da lastrico solare, al pari degli altri condomini? Se la risposta è affermativa, allora hai perfettamente ragione a pretendere che la sua sistemazione sia decisa dall'assemblea condominiale. Se la risposta è negativa, come mi sembra di avere capito da quello che sostieni nei tuoi interventi, allora tu non sei titolare di nessun diritto di uso e non hai voce in capitolo sulla sua sistemazione. Puoi procedere con una "denuncia di danno temuto", che tutelerà in modo più rapido ed efficace il tuo diritto al risarcimento quando la struttura collasserà. Rivolgiti ad un legale. Saluti.

Gentile Madly,

Il diritto di uso è una cosa. Il diritto di proprietà è altra cosa.

 

Il proprietario dell'attico HA USO esclusivo ma NON proprietà esclusiva del lastrico solare del terrazzo che calpesta.

 

Noi condomini, che stiamo sotto di lui sulla verticale, NON possiamo pretendere di andare a casa sua per godere del lastrico del terrazzo MA POSSIAMO chiedere, essendone proprietari per 2/3 di esso, che il proprietario dell'attico ne faccia un uso CHE NON PREGIUDICHI un danno agli altri condomini, visto che questi ultimi, all'occorrenza, devono pagare i 2/3 delle spese di manutenzione.

 

Tutto qui.....

Forse è meglio riportare la discussione sulla questione, tralasciando polemiche personali senza andare a vedere chi ha iniziato ed in che modo. Parto da zero. Se il regolamento contrattuale non vieta l'apposizione di vasi,piante, ecc. il proprietario dell'attico si assume le responsabilità delle sue azioni. Se vi sono motivi seri e documentati di rischio, a mio avviso potete agire con un'azione per denuncia di danno temuto ai sensi dell'art. 1172 c.c. che riporto qui di seguito:

 

Art. 1172 Denunzia di danno temuto

Il proprietario, il titolare di altro diritto reale di godimento o il possessore, il quale ha ragione di temere che da qualsiasi edificio, albero o altra cosa sovrasti pericolo di un danno grave e prossimo alla cosa che forma l'oggetto del suo diritto o del suo possesso, può denunziare il fatto all'autorità giudiziaria e ottenere, secondo le circostanze, che si provveda per ovviare al pericolo (Cod. Proc. Civ. 688 e seguenti).

L'autorità giudiziaria, qualora ne sia il caso, dispone idonea garanzia (1179; Cod. Proc. Civ. 119) per i danni eventuali.

Forse è meglio riportare la discussione sulla questione, tralasciando polemiche personali senza andare a vedere chi ha iniziato ed in che modo. Parto da zero. Se il regolamento contrattuale non vieta l'apposizione di vasi,piante, ecc. il proprietario dell'attico si assume le responsabilità delle sue azioni. Se vi sono motivi seri e documentati di rischio, a mio avviso potete agire con un'azione per denuncia di danno temuto ai sensi dell'art. 1172 c.c. che riporto qui di seguito:

 

Art. 1172 Denunzia di danno temuto

Il proprietario, il titolare di altro diritto reale di godimento o il possessore, il quale ha ragione di temere che da qualsiasi edificio, albero o altra cosa sovrasti pericolo di un danno grave e prossimo alla cosa che forma l'oggetto del suo diritto o del suo possesso, può denunziare il fatto all'autorità giudiziaria e ottenere, secondo le circostanze, che si provveda per ovviare al pericolo (Cod. Proc. Civ. 688 e seguenti).

L'autorità giudiziaria, qualora ne sia il caso, dispone idonea garanzia (1179; Cod. Proc. Civ. 119) per i danni eventuali.

Grazie avvocato,

Il Suo intervento mi è stato molto utile.

 

Franz

Con l'intervento dell'avvocato penso sia cosa saggia chiudere questa discussione, o si andrà avanti all'infinito.

Con l'intervento dell'avvocato penso sia cosa saggia chiudere questa discussione, o si andrà avanti all'infinito.

Per quanto mi riguarda SI, visto che mi ha gentilmente fornito una risposta utile, preziosa e risolutiva.

Viviamo in un mondo complicato e difficile che trasforma le persone in aggressive e volgari. La vita non è facile in generale e quella in condominio lo è in modo speciale ma forse potremmo tutti, con minimo sforzo, fare in modo che almeno i non problemi non si trasformino in problemi. Lei, Franzturbo, ha un vicino di casa che, poveretto, si gode il suo attico che ha riempito di verde. E che non fa del male a nessuno. Innanzitutto chi ama il verde di solito è una persona educata e sensibile. Senza considerare che addirittura l' architettura moderna si sta orientando, e non solo per fattori estetici ma per fattori di coibentazione climatica, alle pareti ricoperte di verde negli edifici, ai lastrici solari trasformati in prati erbosi, ecc. Se fossimo in presenza di danni reali, di infiltrazioni o altro, ignorate dal proprietario in questione allora direi che l'atteggiamento di preoccupazione e irritazione dell'irascibile Franz sarebbe comprensibile e giustificato e sacrosanto. Ma qui si fa il processo alle intenzioni e ci si scalda solo per praticare il triste e sterile esercizio dell'aggressione, del risentimento, forse dell'invidia, del piacere di recare noia al prossimo peggiorandogli la qualità di vita. Anche io sono proprietario di un appartamento e del sovrastante lastrico solare. Le assicuro Franz che ne sono proprietario esclusivo e non c'entra nulla se, in caso di passate infiltrazioni, anche i condomini sottostanti hanno contribuito alle spese di riparazione: è la mia terrazza ma è pur sempre anche la loro copertura. Questa è legge. In ogni caso nessuno si sogna di venire a pesare i vasi che metto e nessuno mi aggredisce perchè "forse, un domani, l'acqua con cui innaffio potrebbe colare di sotto...". La sua vita, mi perdoni, sarà già piena di problemi, come quella di tutti, ma perchè se ne vuole creare degli altri che ancora non esistono? Lei sarebbe contento se un condomino avanzasse la pretesa di entrare a casa sua a verificare quanti libri lei ha nella sua biblioteca e che a quale peso assommano? Secondo me lei non è il tipo che legge libri ma insomma per dire... Secondo lei il proprietario del lastrico è un suicida che ha scelto di morire facendosi precipitare di sotto per il peso dei vasi della sua "foresta", come dice lei?. Io non credo, saprà quello che fa e no penso che carichi di più di 4 quintali al metro quadro... E sempre questo signore in questione è l'unico ad avere fiori e piante da innaffiare? Tutti hanno fiori e piante da innaffiare (forse lei no perchè non deve essere un tipo neppure da fiori), se non nel suo condominio ce ne saranno di sicuro in quelli accanto o in zona...: il problema delle zanzare è un problema comune, questo signore che ha la sfortuna di abitare nel suo stesso condominio non credo sia l'unico della sua città ad avere dei portavasi con un pò di acqua dentro, non si può, poveretto, accusarlo di tutti i mali del mondo solo perchè vive sulla sua testa! Il problema delle zanzare esiste, è un problema comune, come le estati calde o la mancanza di neve in inverno, ma perchè prendersela col suo vicino? Civilmente, amichevolmente, magari gli si potrà consigliare di mettere quelle certe pastigliette nell'acqua e così le zanzare non vi depositeranno più le larve... ma fargli la guerra è un'altra cosa... Lei ha anche aggredito (verbalmente intendo) quel signore che ha cercato in queste Discussioni inutilmente di farla ragionare per poi comprensibilmente seccarsi per il suo non volerlo ascoltare ma guardi che le ha detto delle cose veritiere e sensate. Quel signore, a casa sua, fa quello che vuole, fino a che non lede interessi altrui o reca danno. Che danno ha recato? Ha dato ospitalità a qualche insetto? Andiamo Franz, invece di progettare attacchi legali suicidi o partire per inutili crociate contro il prossimo suo, pensi a rilassarsi un pò, impari ad affrontare i problemi dopo che si sono eventualmente presentati e non prima, si goda un pò la vita, faccia un bel sospiro e se le viene, magari, faccia anche un bel sorriso amichevole! Vedrà che si sentirà meglio...

Gentile signor Condominus,

Le mie motivazioni le ho esaustivamente espresse.

Apprezzo i suoi modi gentili MA non i contenuti.

Non ripeto punti della questione già trattati.

 

Mi preme notare due cose:

1) Lei è un utente fresco fresco, con 1 solo post all'attivo.

Scusi se dubito, ma mi sembra il classico utente FAKE che si è creato appositamente un secondo profilo per entrare in questa discussione per fare un intervento strumentale e finalizzato a darmi contro.

Se così fosse, questo è un giochino vecchio come il mondo e molto in voga tra gli adolescenti!

2) Era stato chiesto ai moderatori di chiudere, proprio perché non c'era altro da dire.

 

Cordialità

Lo vede che vede nemici ovunque, che immagina subito trame contro di lei, che rifiuta qualunque commento contrario alla sua idea, che accetta con gentilezza solo il consiglio dell'avvocato che le suggerisce di partire con la guerra legale (la guerra è la sola cosa che le interessa, praticando la quale forse si sente realizzato e vivo), che rifiuta qualunque mano le venga tesa disinterassatamente e amichevolmente? Che scopo avrei io di fare un attacco a lei non si capisce. Io non so chi è nè dove vive nè ho interesse a saperlo. Io non la attacco, semmai la compatisco perchè la prima persona a cui lei rende difficile la vita non è il suo vicino o altri ma è lei stesso. Perchè non deve essere bello vivere con l'acrimonia dentro, con la sensazione che tutto il mondo sia contro di sè, che il prossimo è bene distruggerlo prima che sia esso a distruggere te stesso.... Per fortuna non è sempre così, altrimenti la vita sarebbe un inferno per tutti. Non è sempre così e nessuno ce l'ha con lei. Se ne convinca, esca dalla schizofrenia. Come le ho già detto vedrà che si sentirà meglio, vedrà meno tutto nero e scoprirà che i problemi della convivenza civile si possono risolvere anche senza l'avvocato... Almeno glielo auguro

Cordialmente

Lo vede che vede nemici ovunque, che immagina subito trame contro di lei, che rifiuta qualunque commento contrario alla sua idea, che accetta con gentilezza solo il consiglio dell'avvocato che le suggerisce di partire con la guerra legale (la guerra è la sola cosa che le interessa, praticando la quale forse si sente realizzato e vivo), che rifiuta qualunque mano le venga tesa disinterassatamente e amichevolmente? Che scopo avrei io di fare un attacco a lei non si capisce. Io non so chi è nè dove vive nè ho interesse a saperlo. Io non la attacco, semmai la compatisco perchè la prima persona a cui lei rende difficile la vita non è il suo vicino o altri ma è lei stesso. Perchè non deve essere bello vivere con l'acrimonia dentro, con la sensazione che tutto il mondo sia contro di sè, che il prossimo è bene distruggerlo prima che sia esso a distruggere te stesso.... Per fortuna non è sempre così, altrimenti la vita sarebbe un inferno per tutti. Non è sempre così e nessuno ce l'ha con lei. Se ne convinca, esca dalla schizofrenia. Come le ho già detto vedrà che si sentirà meglio, vedrà meno tutto nero e scoprirà che i problemi della convivenza civile si possono risolvere anche senza l'avvocato... Almeno glielo auguro

Cordialmente

Una moda che riscontro su questo forum è quella di dare giudizi senza sapere: sulle strutture che non si conoscono, sul mio rapporto con le piante. E ora lei, nelle vesti di presunto psichiatra, citando una mia presunta schizofrenia.

 

Sono felice che la mia presenza abbia movimentato il forum, tirando fuori tutti questi talenti nascosti.

 

Cordiali saluti

×