Vai al contenuto
messimo

Il mio inquilino vuole fare un nuovo contratto di locazione e intestarlo al figlio. Come fare.

ciao a tutti.

 

dando per scontato che poche garanzie mi dava il genitore, poche garanzie mi darà il figlio.

 

ho fatto un contratto 4+4 con cedolare secca.

 

mi potete aiutare a capire la procedura per disdire questo contratto e farne uno nuovo al figlio?

 

grazie

e per quale motivo questo cambio? forse perchè la figlia prsto attenderà un bambino e non riuscirai più a frttarla quando non pagheranno più?

a parte le supposizioni in odore "pensiamo male", chi decide se accettare sei tu.

c'è un contratto. se non accetti o ti da i sei mesi di preavviso e se ne va oppure al termine non rinnovi (ricordati la lettera 6 mesi prima!).

 

In base a quali motivazioni ti ha fatto la richiesta?

E chi paga i soldi per la cancellazione e la nuova registrazione?

 

Vogliamo pensare ancora peggio? lui(loro) sono già dentro. tu accetti, quelli ti chiedono indietro la caparra e poi.. tho... si dimenticano di darti qulla della figlia.

intanto grazie mille per la risposta e per i consigli.

 

vorrebbero passare il contratto al figlio maschio, perchè i genitori hanno problemi con la banca e temono un pignoramento... (belle cose).

 

ovviamente addebiteri tutti i costi a loro, come patto e condizione.

 

ecco la questione:

 

i genitori non hanno garanzie, e non ha garanzie nemmeno il figlio... sotto questo punto di vista non mi cambia nulla...

Ritengo che provvedere ad una cessione dal padre al figlio della locazione in essere sarebbe azione più semplice e meno onerosa.

F23 da 67 €. e modello RLI.

Salve albano59, si può fare la cessione anche se è vietata dal contratto??? io, come proprietario, sarei d'accordo a fare la cessione.

 

in primis perchè non saprei come giustificare, all'agenzia delle entrate, la disdetta del contratto. anche perchè dovrei cancellare un contratto senza che nessuno delle parti abbia inviato la lettera di disdetta e registrarne uno nuovo subito dopo. E ringrazio anche vermaccio che mi ha sollevato il problema dei canoni versati a titolo di garanzia.

 

poi una domanda. Ma nella cessione, si può prevedere che il padre resti responsabile se il figlio non paga i canoni?

che io sappia no. cedendo il contrastto è come se ti limitassi a sostituire virtualmente il mone con il nome sul contratto ora in essere.

 

Se vuoi che il pade sia garante, occorre riscrivere il contratto e scrivercelo sopra nelle opportune maniere.

In questo modo, penso, dovrai fare il contratto nuovo e non solo fare una sostituzione.

 

non ho capito di cosa ha paura il padre: pignoramento di cosa? te lo chiedo perchè se lo pignorano 8e lo fa una banca) allora ià ora sai che il padre sarà un garante insolvente ovvero è come non averlo. meglio una fidejussione , allor. tho1 ma non gliela concederanno (il padre pechè sta sull'orlo del baratro, il figlio perchè non avrà sufficienti garanzie.

quindi la questione per te va affrontata in maniera più spietata: te la senti ri rischiare di mantenere in affitto questa famiglia che tra poco non pagherà più?

 

riflettici.

dopo il pignoramento del loro immobile, hanno paura che gli vengano pignorati anche i mobili, per questo non vuole risultare in questa casa.

 

 

PS: ormai devo andare avanti con questi. se gli dico di lasciare la casa, non prendo cmq l'affitto per mesi.

 

 

PS2: mi permetto di ripete. Come posso far rimanere il padre responsabile dei canoni di locazione? una lettera dove lui si dichiara garante del figlio? (che se non erro non va registrata all'agenzie delle entrate)

 

dato che siamo in regime di cedolare secca, quanto si paga di imposta per la cessione del contratto? è fisso 67 euro o in base al canone?

 

 

grazie sempre

in primis perchè non saprei come giustificare, all'agenzia delle entrate, la disdetta del contratto. anche perchè dovrei cancellare un contratto senza che nessuno delle parti abbia inviato la lettera di disdetta e registrarne uno nuovo subito dopo

All'AdE non devi giustificare niente, al limite per tua sicurezza ti fai firmare un documento in cui dichiara di lasciare libero l'appartamento da persone e cose etc etc e puoi fare tranquillamente la cessazione del contratto all'AdE.

Subito dopo registri il nuovo contratto a nome del figlio in cui inserisci una clausola che il genitore fa da garante. Ma tanto se già gli hanno pignorato un immobile e rischia pure il pignoramento dei mobili serve a ben poco, mi sa che in caso di morosità ti aggiungeresti solo alla lista dei debitori.

Risoluzione del vecchio contratto, registrazione del nuovo e inserimento della garante sono a esenti da qualsiasi imposta (registro o bollo che sia) se opti per il regime di cedolare secca, diversamente dalla cessione che comporta una spesa fissa di € 67,00.

Il lato negativo è che il nuovo contratto ripartirebbe da zero, quindi prima scadenza 2018 rinnovabile in automatico fino al 2022.

Decidi tu.

jerry grazie anche a te della risposta.

 

non mi importa quanto si paga, perchè si accolla tutte le spese l'inquilino. mi interessa invece che tutto vada pagato altri menti poi l'ade cerca a me.

 

e mi interessa anche la garanzia perchè, anche se ha tutto pignorato, ha uno stipendio... meglio di niente

Se è la garanzia quello che ti interessa, allora chiudi il vecchio contratto e stipulane uno nuovo.

ragazzi dopo i vostri consigli e dopo averci pensato, ho deciso di chiudere il primo e registrare quello nuovo.

 

mi farò fare una raccomandata a mano in cui l'inquilino mi chiede di recedere dal contratto.

 

da quello che ho capito, essendo in cedolare secca, non pago ne i 67 euro per la cancellazione, ne le imposte per il nuovo contratto.

 

ho una domanda però da farvi. come posso far rappresentare un genitore a garanzia del figlio, nel contratto, e senza che richieda il pagamento di qualche imposta. grazie

L’art. 4 comma 1-bis del D.L. n. 16/2012 ha apportato una modifica al comma 2 dell’art. 3 del D.Lgs n. 23/2011, stabilendo che ai contratti di locazione assoggettati al regime fiscale della cedolare secca, aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo, non si applicano le imposte di registro e di bollo alla fidejussione prestata da terzi per il conduttore.

 

 

Il garante inserito nel contratto di cedolare secca non richiede il pagamento di alcuna imposta. Se all'AdE dicono diversamente mostra loro il testo della legge 😉

×