Vai al contenuto
Esmeralda

Il Covid ed il futuro prossimo venturo

Esmeralda dice:

ciò non capisco per quale motivo debba essere preclusa una analisi più approfondita dei presunti fondamenti alla base della narrativa pandemica e delle possibili cause.

perché non c'è tempo Esmeralda, e non ce n'è mai stato!

chiunque avrebbe fatto degli errori se avesse avuto la responsabilità di decidere.

Credimi.

Ciao,con stima perchè nonostante io segua poco le vostre diatribe, ammiro il tuo ardore nel difendere le tue idee, come l'ardore di Condo e la pazienza infinita di Daniela.

Buona serata.

Esmeralda dice:

Non vi rendete conto che siete programmati a credere sempre e solo ad una sola versione?

In realtà cio' che infastidisce non è la tesi contraria o quasi contraria, ma il modo in cui viene propinata.

Siamo programmati? Da che pulpito, scusa?

Mi sembra evidente che anche tu credi ad una sola versione, direi che è inequivocabile.

E non sostenere di portare tesi scientifiche o di diritto, perchè anche i "programmati" portano tesi scientifiche e di diritto; l'unico problema è che non si incontrano, anche perchè nessuno di noi (te compresa) conosce a fondo gli argomenti di cui discute, ma si basa su spezzoni di informazione e cultura personale.

Se pensi di portare fatti inediti, bene, se pensi di fare la lezione ai "progammati" meglio se lasci perdere.

Danielabi dice:

In realtà cio' che infastidisce non è la tesi contraria o quasi contraria, ma il modo in cui viene propinata. 

Siamo alle solite. Quale sarebbe precisamente questo modo inaccettabile in cui propinerei le mie tesi? Voi credete di essere meno "fastidiosi" nella vostra esposizione nei miei confronti? La differenza è che io mi trovo da sola "contro tutti" e potete farvi forti di questo.

 

Danielabi dice:

Siamo programmati? Da che pulpito, scusa?

Mi sembra evidente che anche tu credi ad una sola versione, direi che è inequivocabile.

Assolutamente no. Io ho dubbi su moltissimi aspetti e li espongo, mentre voi apparentemente vivete in un'incrollabile realtà fatta di certezze assolute, e se ne avete vi guardate bene dall'esporli. Non è possibile che di fronte a così tante evidenze di segno contrario, possiate ignorarle e passare oltre come se niente fosse.

 

Danielabi dice:

non sostenere di portare tesi scientifiche o di diritto, perchè anche i "programmati" portano tesi scientifiche e di diritto; l'unico problema è che non si incontrano, anche perchè nessuno di noi (te compresa) conosce a fondo gli argomenti di cui discute, ma si basa su spezzoni di informazione e cultura personale.

Non è che non si incontrano, il problema è che gli "esperti" sono competenti solo ed esclusivamente se seguono l'ortodossia, altrimenti si ignorano bellamente, nonostante quelle che possano essere le loro autorevoli credenziali. Non c'è nulla da fare e l'esempio dei DPCM è lampante, molti insigni giuristi ne contestano sia la forma che la sostanza, ma niente, vanno bene così comunque perché sì, e nessuno osi disturbare il cocchiere.

 

Danielabi dice:

Se pensi di portare fatti inediti, bene, se pensi di fare la lezione ai "progammati" meglio se lasci perdere.

Vuoi dire che non ho portato fatti "inediti", in queste discussioni? Tu eri al corrente già di tutto, e nonostante ciò nessun dubbio ti hai mai sfiorata?

 

Non si tratta di far lezione a nessuno, credimi. Cerco solo di divulgare quanto posso queste informazioni, perché un giorno possa guardare negli occhi mia figlia sapendo di aver fatto, nel mio piccolo, qualcosa per impedire l'avanzata del mondo in cui si troverà a vivere. Lei ed anche tutti noi.

Esmeralda dice:

Nessuno nega né il dolore, né i morti. Detto ciò non capisco per quale motivo debba essere preclusa una analisi più approfondita dei presunti fondamenti alla base della narrativa pandemica e delle possibili cause. Possibile che una posizione critica debba generare così tanto fastidio? Non vi rendete conto che siete programmati a credere sempre e solo ad una sola versione? Gli ospedali saranno pure pieni, ma quanti di quei ricoverati hanno realmente il Covid nella manifestazione propria dei sintomi? Quanti invece si trovano lì e sono considerati tali solo in virtù della positività al tampone?

 

Voi assumete ogni santo giorno da mesi dei numeri aggregati che non dicono realmente nulla sulla reale composizione degli stessi. Cosa significa 500/600/700 morti se non sappiamo nulla di ciò che ha condotto al decesso, patologie pregresse, età del paziente e reale causa del ricovero? Vi somministrano la razione quotidiana di dati minimi che sostengano l'ipotesi emergenziale e tanto basta, a voi va bene così e qualunque approfondimento viene considerato tabù.

 

Abbiate pazienza, ma da moltissimi punti di vista in tutto questo c'è qualcosa che non funziona e di molto grave.

... Che l’anno prima non era così 

Esmeralda dice:

Non vi rendete conto che siete programmati a credere sempre e solo ad una sola versione?

siamo programmati per vivere nel Sistema, che a volte genera eccezioni.

 

mac-os-bomb-system-error.gif.0deaa45670bdc62b22d60b7363a7b198.gif

 

 

Esmeralda dice:

Quale sarebbe precisamente questo modo inaccettabile in cui propinerei le mie tesi? Voi credete di essere meno "fastidiosi" nella vostra esposizione nei miei confronti?

Se non ti rendi conto della portata delle tue affermazioni, non potro' certamente essere io a farti capire. Come per altri utenti, così è.

Ti pregherei di lasciar perdere le mie conoscenze, che sono piu' ampie di quanto esprima e allo stesso modo evita di fare insinuazioni sui miei dubbi: non ho necessità di esternarli in un luogo digitale, per quanto lo rispetti e mi piaccia.

Per me, il futuro è già compromesso, ma non dal Covid, ma da tutto quanto già c'era, ma ora è semplicemente esaltato dall'avvento del Covid. E che continuerà sino a che qualcosa (cosa??) romperà lo status quo e ne creerà un altro. 

Non voglio andare oltre, mi spiace rovinare secoli di filosofia.

Luca980 dice:

... Che l’anno prima non era così 

Ho già esposto in altre discussioni i dettagli su questo aspetto, che quindi non riprenderò qui. Mi preme solo ricordare alcuni punti:

 

1) Durante la stagione invernale, moltissime terapie intensive si trovano sotto pressione, quando a volte non addirittura al collasso. E questo ogni anno e senza Covid.

 

2) Molti ricoverati attuali sono asintomatici o paucisintomatici, con sintomatologia analoga all'infuenza che, in tempi normali, si sarebbero curati tranquillamente a casa. Come ogni anno e senza ingolfare i reparti comuni od i Pronto Soccorso degli ospedali.

 

3) Già in passato si sono manifestati episodi pandemici di una certa gravità, senza che per questo si fermasse il mondo. Riporto da un'altra discussione:

 

E, restando in tema pandemie, l'influenza asiatica nel periodo 1957/60 ha provocato circa 2 milioni di decessi a livello mondiale su una popolazione complessiva di 2.9 miliardi, che rapportati ad oggi ammonterebbero in proporzione a 5.3 milioni di morti totali. E tutto ciò senza che si prendessero provvedimenti draconiani come quelli attuati oggi, o panico mediatico indotto 24/7 per mesi, ma affrontando il fenomeno come sempre si è fatto in queste occasioni.

 

Danielabi dice:

Ti pregherei di lasciar perdere le mie conoscenze, che sono piu' ampie di quanto esprima e allo stesso modo evita di fare insinuazioni sui miei dubbi: non ho necessità di esternarli in un luogo digitale, per quanto lo rispetti e mi piaccia.

Non intendi esternare i tuoi dubbi però tendi a cassare senza appello quelli altrui. Io non metto in dubbio le conoscenze di nessuno, ma senza un confronto reale (e leale) è impossibile poterle valutare.

 

Danielabi dice:

Per me, il futuro è già compromesso, ma non dal Covid, ma da tutto quanto già c'era, ma ora è semplicemente esaltato dall'avvento del Covid. E che continuerà sino a che qualcosa (cosa??) romperà lo status quo e ne creerà un altro. 

Non voglio andare oltre, mi spiace rovinare secoli di filosofia. 

E l'avvento del Covid è, appunto, il mezzo per giungere a questa nuova realtà, rompendo lo status quo. Semplicemente, dal mio punto di vista, non si tratta di una casualità, ma di una causalità.

 

Comunque, questa discussione l'avevo aperta con altri presupposti e cioè appunto per parlare delle conseguenze future e non del Covid in senso stretto. Visto però l'andazzo, che replica quello ormai solito, ti chiederei gentilmente di chiuderla. Grazie.

 

Modificato da Esmeralda

Hai detto bene: " io mi trovo sola contro tutti" e perciò tu saresti l'unica capace di capire e spiegare bene tutto. Complimenti per la manifestazione di umiltà. 👏

Dino40 dice:

Hai detto bene: " io mi trovo sola contro tutti" e perciò tu saresti l'unica capace di capire e spiegare bene tutto. Complimenti per la manifestazione di umiltà. 👏

Intendevo in questo forum, ma ovviamente hai dovuto (voluto?) travisare. Nulla di nuovo sotto il sole, soprattutto non rispondere mai nel merito, mi raccomando.

Esmeralda dice:

Non vi rendete conto che siete programmati a credere sempre e solo ad una sola versione?

Esmeralda dice:

Voi assumete ogni santo giorno da mesi dei numeri ...

 

Esmeralda dice:

Vi somministrano la razione quotidiana di dati minimi che sostengano l'ipotesi emergenziale e tanto basta ...

potrebbe essere anche il contrario ... ???

... così, tanto per sapere ...

paul_cayard dice:

potrebbe essere anche il contrario ... ???

... così, tanto per sapere ...

Il fatto è che una segmentazione di quei dati non esiste, e questo è un fatto, mentre sarebbe di capitale importanza conoscerli nel dettaglio, invece di prendere per buono un aggregato che vuol dire tutto e niente. L'accettazione acritica di queste informazioni (o , piuttosto, propaganda) non è un mio problema, mi dispiace.

Esmeralda dice:

Durante la stagione invernale, moltissime terapie intensive si trovano sotto pressione, quando a volte non addirittura al collasso. E questo ogni anno e senza Covid.

 

io parlo per Roma,la mia adorata Roma, Esmeralda.

Nonostante io non sia un ragazzo, ho 55 anni , faccio da venti anni volontariato con gli anziani, immedesimandomi per ragioni familiari che intuirai.

ebbene , specie d'inverno, sono un esperto di pronto soccorsi, e posso dirti che non ho mai trovato la disperazione, la tragedia, che ho trovato in questi mesi.

Mai.

Come posso dire senza timore di smentita, che non ho mai trovato un medico  o un infermiere o un portantino, che con me e i miei "ragazzi" non sia stato sempre attento e professionale.

quante notti mi sono fatto in ospedali vari, ma ripeto, il dramma di questi tempi non l'ho mai visto.

un saluto a tutti.

p.s. stasera ho saltato cena e Tom Jones. 

Modificato da enrico dimitri
  • Mi piace 1
enrico dimitri dice:

io parlo per Roma,la mia adorata Roma, Esmeralda.

Nonostante io non sia un ragazzo, ho 55 anni , faccio da venti anni volontariato con gli anziani, immedesimandomi per ragioni familiari che intuirai.

ebbene , specie d'inverno, sono un esperto di pronto soccorsi, e posso dirti che non ho mai trovato la disperazione, la tragedia, che ho trovato in questi mesi.

Mai.

Come posso dire senza timore di smentita, che non ho mai trovato un medico  o un infermiere o un portantino, che con me e i miei "ragazzi" non sia stato sempre attento e professionale.

quante notti mi sono fatto in ospedali vari, ma ripeto, il dramma di questi tempi non l'ho mai visto.

un saluto a tutti.

p.s. stasera ho saltato cena e Tom Jones. 

Ti credo senza problemi, perché mi sembri una persona sincera. Il fatto è che quello che sperimenti è il risultato di un qualcosa organizzato a tavolino perché tu abbia tale percezione di estrema gravità ed emergenza. I numeri, quelli veri, raccontano però una storia un pochino differente.

 

Questo è il bollettino di oggi delle ASL di Roma:

 

Nella Asl Roma 1 - si legge nel bollettino - sono 407 i casi nelle ultime 24 ore. Cinque sono ricoveri. Si registrano sei decessi di 64, 69, 78, 79, 87 e 88 anni, con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 900 i casi. Quattrocentotre sono i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl Roma 3 sono 199 i casi nelle ultime 24h. Si registra un decesso di 84 anni con patologie. Nella Asl Roma 4 sono 85 i casi nelle ultime 24 ore. Si registra un decesso di 64 anni con patologie. Nella Asl Roma 5 sono 162 i casi nelle ultime 24 ore. Nella Asl Roma 6 sono 158 i casi e un decesso.

 

https://tg24.sky.it/roma/2020/11/22/roma-coronavirus-bollettino-oggi-22-novembre

 

Sono 238, i pazienti positivi ricoverati nell'Istituto Spallanzani di Roma, di questi 45 sono in terapia intensiva.

 

https://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Coronavirus-Istituto-Spallanzani-di-Roma-238-ricoverati-45-in-terapia-intensiva-63703d5f-77ff-4cb0-9c81-0174fa06b317.html

 

Nove decessi complessivi, di anziani già compromessi e di cui, ricordiamolo, non conosciamo la reale causa di morte, se non che fossero positivi al tampone ma senza ulteriori ed indispensabili ragguagli. Potrebbero essere quindi deceduti per le patologie pregresse, senza coinvolgimento del Covid, ma non possiamo saperlo perché ci forniscono di tutto, salvo i dati realmente pregnanti per poter discernere su ciò che sta realmente succedendo.

 

Abbiamo poi 45 ricoverati in terapia intensiva allo Spallanzani, anche in questo caso senza conoscere né età né motivo del ricovero. Quindi, riassumendo, questi sarebbero i numeri di una terribile pandemia, riferiti ad una città di quasi tre milioni di abitanti?

 

Modificato da Esmeralda
Esmeralda dice:

Il fatto è che quello che sperimenti è il risultato di un qualcosa organizzato a tavolino perché tu abbia tale percezione di estrema gravità ed emergenza. I numeri, quelli veri, raccontano però una storia un pochino differente.

Si, meglio chiudere per decenza.

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×