Vai al contenuto
Esmeralda

Il Covid ed il futuro prossimo venturo

Propongo un'interessante intervista che riassume in maniera chiara e sintetica alcune delle tematiche economico-finanziarie dietro al fenomeno "pandemia". Si tratta di considerazioni relative ad un prossimo nuovo paradigma detto Grande Reset, che sono state avanzate da diversi ricercatori e menzionate più volte in pubblicazioni ed interventi mainstream, e di cui il Covid rappresenterebbe il necessario prodromo per permetterne l'attuazione. Questo è uno degli approcci più "soft" e razionali che ho potuto visionare, rispetto ad altre conclusioni decisamente più radicali, e credo possa valere una visione da parte di chiunque.

 

 

È una “pandemia” che fa comodo a qualcuno? Chi trae vantaggio dalla crisi economica e finanziaria? Come è cambiata la nostra vita? A queste domande ha risposto la scrittrice Sonia Savioli intervistata su #Byoblu24, autrice del libro “Il Giallo del Coronavirus” nel quale svela dei retroscena inquietanti.


Il libro è il diario di una indagine iniziata con l’epidemia cinese e proseguita giorno per giorno rovistando nei documenti del Forum Economico Mondiale e delle finanze internazionali fino alla scoperta di quello che l’autrice definisce “il movente del crimine globale” spiegando che quello che sta accadendo oggi era già stato oggetto di un “esercizio pandemico” con Event 201.

 

Evitare il crollo del capitalismo

 

“Era già previsto nel 2018 dalle maggiori finanze globali, l’obiettivo è evitare il crollo del capitalismo con la Quarta Rivoluzione Industriale per distruggere tutte le attività economiche non appartenenti alle multinazionali e ormai ritenute concorrenziali, dato che la torta da spartire diminuisce”, sostiene Sonia Savioli, che aggiunge: “La “pandemia” deve diventare il pretesto per “ridurre le barriere” del commercio transnazionale e della ricerca in medicina: via tutte le leggi che tutelano l’ambiente e la salute umana. Si va sempre di più verso una società del controllo con la trasformazione cibernetico-digitale”.

  • Mi piace 1
Esmeralda dice:

Propongo un'interessante intervista che riassume in maniera chiara e sintetica alcune delle tematiche economico-finanziarie dietro al fenomeno "pandemia". Si tratta di considerazioni relative ad un prossimo nuovo paradigma detto Grande Reset, che sono state avanzate da diversi ricercatori e menzionate più volte in pubblicazioni ed interventi mainstream, e di cui il Covid rappresenterebbe il necessario prodromo per permetterne l'attuazione. Questo è uno degli approcci più "soft" e razionali che ho potuto visionare, rispetto ad altre conclusioni decisamente più radicali, e credo possa valere una visione da parte di chiunque.

 

 

È una “pandemia” che fa comodo a qualcuno? Chi trae vantaggio dalla crisi economica e finanziaria? Come è cambiata la nostra vita? A queste domande ha risposto la scrittrice Sonia Savioli intervistata su #Byoblu24, autrice del libro “Il Giallo del Coronavirus” nel quale svela dei retroscena inquietanti.


Il libro è il diario di una indagine iniziata con l’epidemia cinese e proseguita giorno per giorno rovistando nei documenti del Forum Economico Mondiale e delle finanze internazionali fino alla scoperta di quello che l’autrice definisce “il movente del crimine globale” spiegando che quello che sta accadendo oggi era già stato oggetto di un “esercizio pandemico” con Event 201.

 

Evitare il crollo del capitalismo

 

“Era già previsto nel 2018 dalle maggiori finanze globali, l’obiettivo è evitare il crollo del capitalismo con la Quarta Rivoluzione Industriale per distruggere tutte le attività economiche non appartenenti alle multinazionali e ormai ritenute concorrenziali, dato che la torta da spartire diminuisce”, sostiene Sonia Savioli, che aggiunge: “La “pandemia” deve diventare il pretesto per “ridurre le barriere” del commercio transnazionale e della ricerca in medicina: via tutte le leggi che tutelano l’ambiente e la salute umana. Si va sempre di più verso una società del controllo con la trasformazione cibernetico-digitale”.

Ho fatto girare. 🤔

  • Grazie 1

io in questo periodo ho riscoperto il TOM JONES di FIELDING.

spendo pc e tv alle sette di sera,e leggo un paio d'ore.

è estremamente rilassante.

  • Mi piace 1
enrico dimitri dice:

io in questo periodo ho riscoperto il TOM JONES di FIELDING.

spendo pc e tv alle sette di sera,e leggo un paio d'ore.

è estremamente rilassante.

👍

  • Grazie 1

Dobbiamo costituire una multinazionale di amministratori di condominio urgentemente, altrimenti restiamo a spasso! 😅

Ho finito di guardare solo ieri ma come in tante interviste del genere apprezzo la documentazione tramite fonti autorevoli ma resto sempre perplesso in merito alla descrizione di questi presunti mandanti delle crisi di turno.
Anche in questa si fa riferimento ai forum, a Tizio e Caía, e alle immancabili multinazionali, per mandare a spasso chi? I fattorini di uber?

I ritmi di vita e la crescita della popolazione sono scanditi prevalentemente dal signoraggio bancario; ora mi sembra anche plausibile che altri soggetti si cimentino con diverse modalità ma questo vorrebbe dire che ci troviamo davanti a due soggetti, due controparti, che, ripeto, non vedo ben delineate e soprattutto sicure del modo di lotta che hanno intrapreso, per contendersi un potere da considerarsi, a questo punto, diviso. E quando il potere si divide vuol dire che è volato altrove, diceva un mio prof di facoltà.

Comunque grazie per la segnalazione 

Luca980 dice:

Dobbiamo costituire una multinazionale di amministratori di condominio urgentemente, altrimenti restiamo a spasso! 😅

Non ci credo perchè le tribulazioni - strumento capace di illuminare le menti - aguzzano il cervello 

Lasciamo il beneficio del dubbio che nel libro la signora dimostri qualcosa... nell'intervista ha solo fatto una serie di spettacolari accuse, il che nel caso più semplice e diffuso implica solo una buona dose di fantasia (cosa che non equivale a dire che siano per forza di cose errate, a volte anche le accuse spettacolari possono essere corrette, ma qlc accenno di prova non sarebbe stata sgradita).

 

D'altronde le accuse spettacolari vanno di moda, basti vedere le elezioni americane: quelle del 2016 sarebbero state comprate da Putin, quelle del 2020 da Castro e Chavez (ah no, sono morti, da Díaz-Canel e Maduro, ma forse il fatto che siano presuntamente morti fa parte del complotto...)

Interviste come questa, ed altre ancora, servono principalmente a diffondere certe informazioni, come ad esempio lo svolgimento della simulazione Event 201, che generalmente sono ignorate dal grande pubblico, non passando nel mainstream, e delineare possibili quadri d'insieme. Chiaramente non si può pretendere che dimostrino matematicamente nulla, ma possono essere un interessante esercizio di speculazione ed approfondimento, rispetto alla solita retorica ufficiale.

 

Come ho già scritto questa è una delle versioni più "soft", poichè non si addentra in meandri molto più oscuri come invece altri ricercatori fanno. Alcuni avanzano anche l'ipotesi che l'anno prossimo si presenterà un Covid-21 molto più aggressivo di questo, in grado di prolungare ulteriormente l'emergenza. Vero, falso? Quello che è sicuro è che, nell'eventualità, per la versione ufficiale si tratterà di mutazione naturale, senza se e senza ma, quando ancora non è nemmeno chiara la genesi del Covid-19.

 

Modificato da Esmeralda

Ci sarà, dunque, un giudice a Berlino? Per ora c'è a Lisbona:

 

L'11 novembre 2020, la Corte d'appello di Lisbona in Portogallo ha dichiarato illegale la quarantena di quattro cittadini portoghesi. Di queste quattro persone, una persona era risultata positiva al Covid-19 utilizzando un test PCR, le altre tre persone erano state anche messe in quarantena come contatti stretti.

[...]

Una diagnosi medica è un atto medico a cui solo un medico ha diritto per legge e per il quale quel medico è l'unico e pienamente responsabile. Nessun'altra persona o ente, inclusi enti o tribunali governativi, dispone di tale autorità. Non è compito dell'Azienda Sanitaria Regionale dichiarare qualcuno malato o pericoloso. Solo un medico può farlo. Nessuno può essere dichiarato malato o pericoloso per la salute per decreto o legge, nemmeno come conseguenza automatica e amministrativa del risultato di un esame di laboratorio, indipendentemente dalla tipologia ".

[...]

Sulla base delle prove scientifiche attualmente disponibili, questo test [il test RT-PCR] non è di per sé in grado di determinare con certezza se la positività corrisponde effettivamente a un'infezione con il virus SARS-CoV-2, e per diversi motivi, due dei quali fondamentali:
l'affidabilità del test dipende dal numero di cicli utilizzati; l'affidabilità del test dipende dalla carica virale presente.

[...]

La sentenza della Corte d'appello di Lisbona dell'11 novembre è probabile che crei un precedente che altri tribunali in Europa probabilmente seguiranno.

 

https://translate.google.it/translate?sl=de&tl=it&u=https%3A%2F%2Fwww.salto.bz%2Fde%2Farticle%2F19112020%2Fpcr-test-nicht-zuverlaessig

un mio amico molto intimo si è preso il covid ed è stato parecchio male.

ieri ha finito l'isolamento ed è tornato a casa.

ha 36 anni, un atleta, e mi ha detto che è stata un'esperienza devastante.

ciao.

 

enrico dimitri dice:

un mio amico molto intimo si è preso il covid ed è stato parecchio male.

ieri ha finito l'isolamento ed è tornato a casa.

ha 36 anni, un atleta, e mi ha detto che è stata un'esperienza devastante.

ciao.

 

Anche il tuo famoso concittadino Francesco Totti ha detto che per lui non è stata una passeggiata... eppure a lui non mancano certo i mezzi per avere tutti i confort.

Esmeralda dice:

Ci sarà, dunque, un giudice a Berlino? Per ora c'è a Lisbona:

 

L'11 novembre 2020, la Corte d'appello di Lisbona in Portogallo ha dichiarato illegale la quarantena di quattro cittadini portoghesi. Di queste quattro persone, una persona era risultata positiva al Covid-19 utilizzando un test PCR, le altre tre persone erano state anche messe in quarantena come contatti stretti.

[...]

Una diagnosi medica è un atto medico a cui solo un medico ha diritto per legge e per il quale quel medico è l'unico e pienamente responsabile. Nessun'altra persona o ente, inclusi enti o tribunali governativi, dispone di tale autorità. Non è compito dell'Azienda Sanitaria Regionale dichiarare qualcuno malato o pericoloso. Solo un medico può farlo. Nessuno può essere dichiarato malato o pericoloso per la salute per decreto o legge, nemmeno come conseguenza automatica e amministrativa del risultato di un esame di laboratorio, indipendentemente dalla tipologia ".

[...]

Sulla base delle prove scientifiche attualmente disponibili, questo test [il test RT-PCR] non è di per sé in grado di determinare con certezza se la positività corrisponde effettivamente a un'infezione con il virus SARS-CoV-2, e per diversi motivi, due dei quali fondamentali:
l'affidabilità del test dipende dal numero di cicli utilizzati; l'affidabilità del test dipende dalla carica virale presente.

[...]

La sentenza della Corte d'appello di Lisbona dell'11 novembre è probabile che crei un precedente che altri tribunali in Europa probabilmente seguiranno.

 

https://translate.google.it/translate?sl=de&tl=it&u=https%3A%2F%2Fwww.salto.bz%2Fde%2Farticle%2F19112020%2Fpcr-test-nicht-zuverlaessig

Dalle mie parti c’è un detto che dice “mentre il medico studia, il malato muore” 

Purtroppo Luca hai ragione,ma mai come ora abbiamo capito quanto siamo fragili, e quanta incompleta sia la conoscenza,e la solidarietà. E non si venga a dire che La pandemia ci ha migliorato dentro. Ciao.

Esmeralda dice:

Ci sarà, dunque, un giudice a Berlino? Per ora c'è a Lisbona:

 

L'11 novembre 2020, la Corte d'appello di Lisbona in Portogallo ha dichiarato illegale la quarantena di quattro cittadini portoghesi. Di queste quattro persone, una persona era risultata positiva al Covid-19 utilizzando un test PCR, le altre tre persone erano state anche messe in quarantena come contatti stretti.

[...]

Una diagnosi medica è un atto medico a cui solo un medico ha diritto per legge e per il quale quel medico è l'unico e pienamente responsabile. Nessun'altra persona o ente, inclusi enti o tribunali governativi, dispone di tale autorità. Non è compito dell'Azienda Sanitaria Regionale dichiarare qualcuno malato o pericoloso. Solo un medico può farlo. Nessuno può essere dichiarato malato o pericoloso per la salute per decreto o legge, nemmeno come conseguenza automatica e amministrativa del risultato di un esame di laboratorio, indipendentemente dalla tipologia ".

[...]

Sulla base delle prove scientifiche attualmente disponibili, questo test [il test RT-PCR] non è di per sé in grado di determinare con certezza se la positività corrisponde effettivamente a un'infezione con il virus SARS-CoV-2, e per diversi motivi, due dei quali fondamentali:
l'affidabilità del test dipende dal numero di cicli utilizzati; l'affidabilità del test dipende dalla carica virale presente.

[...]

La sentenza della Corte d'appello di Lisbona dell'11 novembre è probabile che crei un precedente che altri tribunali in Europa probabilmente seguiranno.

 

https://translate.google.it/translate?sl=de&tl=it&u=https%3A%2F%2Fwww.salto.bz%2Fde%2Farticle%2F19112020%2Fpcr-test-nicht-zuverlaessig

Un blog che replica accuse già viste e smentite, ma con dei buoni contributi tra le risposte, p.e.:

 

 

Traduzione:

All'inizio di aprile di quest'anno, nella nostra unità di terapia intensiva avevamo già notato da diverse settimane la presenza di molti pazienti gravemente malati che presentavano tutti gli stessi sintomi clinici. L'individuazione di agenti patogeni in laboratorio richiedeva allora settimane e più (campioni mandati a Roma e Bolzano), ma il quadro clinico divenne presto così chiaro e coerente che sapevamo trattarsi di una nuova malattia, precedentemente sconosciuta, spesso fatale. Di conseguenza, lo scambio internazionale e un numero in rapida crescita di studi hanno ristretto clinicamente la tipologia di questa malattia e sono stati in grado di associare un nuovo virus alla patologia, anche con l'utilizzo del microscopio elettronico. Non stiamo ancora parlando di alcun test. Signor Klaus Web, come vorresti classificare questa malattia senza nome, che ha dimostrato di essere clinicamente completamente correlata con "i numeri dell'orrore, soprattutto italiani"? Dove appartiene sistematicamente questa malattia, come vogliamo chiamarla? Quale diagnostica suggeriresti per questa, dal momento che secondo te non sarebbe rilevabile tramite PCR? Quale proposta costruttiva hai da offrire oltre alla missionarietà distruttiva delle conoscenze scientifiche fino a qui ottenute? La presa in giro della ricerca e dell'assistenza sanitaria è una questione di carattere, l'obbligo di fornire un'alternativa è una questione di intelligenza.

 

 

Originale:

Anfang April dieses Jahres hatten wir auf unserer Intensivstation eine bereits mehrwöchige Erfahrung mit vielen schwer erkrankten Patienten, die alle die gleichen klinischen Symptome aufwiesen. Der labortechnische Erregernachweis dauerte damals Wochen und länger (Proben nach Rom und Bozen), das klinische Bild war aber bald derart klar und übereinstimmend, dass wir wussten, das ist eine neue, bisher unbekannte, oft tödliche Erkrankung. In der Folge haben internationaler Austausch und eine rasant wachsende Studienzahl die Typologie dieser Erkrankung klinisch eingegrenzt und einen neuartigen Viruserreger auch elektronenmikroskopisch der Pathologie zuordnen können. Bis hierher reden wir noch nicht über irgendeinen Test.
Wohin würden Sie, Herr Klaus Web, diese Krankheit ohne Namen, die nachweislich klinisch völlig korreliert mit "speziell italienischen Horror-Todeszahlen" völlig neu einsortieren wollen? Wohin gehört rein systematisch diese Krankheit, wie wollen wir sie benennen? Welche Diagnostik dafür würden Sie vorschlagen, nachdem sie über PCR nicht nachweisbar ist? Welchen konstruktiven Vorschlag außer ihrer missionarischen Destruktivität der bisherigen wissenschaftlichen Erkenntnisse haben Sie zu bieten?

Die Verhöhnung von Forschung und Krankenversorgung ist Charaktersache, die Bringschuld einer Alternative eine Intelligenzfrage.

Modificato da condo77
condo77 dice:

Un blog che replica accuse già viste e smentite, ma con dei buoni contributi tra le risposte, p.e.:

Io onestamente mi domando: come hai fatto a concentrarti sul blog per estrapolare un commento qualunque, quando l'aspetto importante che volevo mettere in evidenza era la sentenza della Corte di Appello di Lisbona, sulla quale hai glissato totalmente?

 

Testo completo della sentenza, tradotto dal portoghese con Google Translate:

 

https://translate.google.it/translate?sl=pt&tl=it&u=http%3A%2F%2Fwww.dgsi.pt%2Fjtrl.nsf%2F33182fc732316039802565fa00497eec%2F79d6ba338dcbe5e28025861f003e7b30%3FOpenDocument

 

Modificato da Esmeralda
Aggiunto link sentenza
Esmeralda dice:

Io onestamente mi domando: come hai fatto a concentrarti sul blog per estrapolare un commento qualunque, quando l'aspetto importante che volevo mettere in evidenza era la sentenza della Corte di Appello di Lisbona, sulla quale hai glissato totalmente?

 

Testo completo della sentenza, tradotto dal portoghese con Google Translate:

 

https://translate.google.it/translate?sl=pt&tl=it&u=http%3A%2F%2Fwww.dgsi.pt%2Fjtrl.nsf%2F33182fc732316039802565fa00497eec%2F79d6ba338dcbe5e28025861f003e7b30%3FOpenDocument

 

Ne ho letto una parte: a quanto pare dei cittadini tedeschi sono stati praticamente sequestrati con motivazioni poco convincenti dalle autorità dell'isola di São Miguel, dopo aver fatto diversi test Covid negativi.

Mi pare abbiano fatto bene ad assolverli, anche se non conosco in modo approfondito la vicenda giudiziaria.

condo77 dice:

Ne ho letto una parte: a quanto pare dei cittadini tedeschi sono stati praticamente sequestrati con motivazioni poco convincenti dalle autorità dell'isola di São Miguel, dopo aver fatto diversi test Covid negativi.

Mi pare abbiano fatto bene ad assolverli, anche se non conosco in modo approfondito la vicenda giudiziaria.

Condo, credo che tu abbia evidenziato il punto più irrilevante in merito all'oggetto. Quelli realmente importanti sono alcuni principi che la sentenza sancisce, e cioè:

 

Alla luce delle attuali prove scientifiche, questo test non è di per sé in grado di determinare, oltre ogni ragionevole dubbio, che tale positività corrisponda, di fatto, all'infezione di una persona con il virus SARS-CoV-2, per diversi motivi, di cui ne evidenziamo due (a cui si aggiunge la questione del gold standard che, per la sua specificità, non affronteremo nemmeno).
Per questa affidabilità dipende dal numero di cicli che compongono il test;

[...]

Infatti, i test RT-PCR (reazione a catena della polimerasi), test di biologia molecolare che rilevano l'RNA del virus, comunemente usati in Portogallo per testare ed elencare il numero di infetti (dopo la raccolta rinofaringea), vengono eseguiti amplificando i campioni , attraverso cicli ripetitivi.
Il numero di cicli di tale amplificazione determina una maggiore o minore affidabilità di tali test.
E il problema è che questa affidabilità è dimostrata, in termini di evidenze scientifiche (e in questo campo il giudice dovrà fare affidamento sulla conoscenza di esperti del settore), più che discutibile.

[...]

“Qualsiasi test diagnostico deve essere interpretato nel contesto dell'effettiva possibilità della malattia, esistente prima della sua realizzazione . Per Covid-19, questa decisione di eseguire il test dipende dalla precedente valutazione dell'esistenza dei sintomi, della precedente storia medica di Covid 19 o della presenza di anticorpi, dell'eventuale potenziale esposizione a questa malattia e della non probabilità di un'altra possibile diagnosi. " [3] " Uno dei potenziali motivi per presentare risultati positivi potrebbe essere la diffusione prolungata dell'RNA virale, che è noto per estendersi per settimane dopo il recupero, in coloro che erano stati precedentemente esposti a SARS-CoV-2. Tuttavia, e soprattutto, non ci sono dati scientifici che suggeriscano che bassi livelli di RNA virale mediante RT-PCR equivalgano a infezione, a meno che la presenza di particelle virali infettive non sia stata confermata da metodi di coltura di laboratorio .   
[...]
In sintesi, i test Covid-19 che mostrano falsi positivi sono sempre più probabili, nell'attuale scenario climatico epidemiologico nel Regno Unito, con conseguenze sostanziali per i sistemi personale, sanitario e aziendale ". [4]
Quindi, con tanti dubbi scientifici, espressi da esperti del settore, che sono quelli che contano qui, sull'affidabilità di tali test, ignorando i parametri delle loro prestazioni e non essendoci diagnosi da parte di un medico, nel senso dell'esistenza di infezione e rischio, non sarebbe mai stato possibile per questo tribunale determinare che AH___ avesse il virus SARS-CoV-2, né che SH__SWH__ e NK_ avessero avuto un'esposizione ad alto rischio.

 

Ed inoltre:

 

Qualsiasi persona o entità che emette un ordine, il cui contenuto porta alla privazione della libertà fisica, deambulatoria, della libertà degli altri (qualunque sia la nomenclatura che questo ordine assume: reclusione, isolamento, quarantena, protezione profilattica, sorveglianza sanitaria, ecc.), che non rientra nelle disposizioni di legge, ovvero nelle disposizioni dell'articolo 27 del CRP , effettuerà una detenzione illegale , perché disposta da un ente incompetente e perché motivata da un fatto per il quale la legge non lo consente (ad esempio, per quanto concerne l'Italia, in funzione dei DPCM. Nota mia).
 

Questi, ed altri ancora, sono aspetti che ho già cercato più volte di porre all'attenzione, sono lieta finalmente di aver avuto un avvallo di tale rilevanza.

 

Modificato da Esmeralda

Abbiamo già parlato dei falsi positivi Esmeralda: sono bassissimi, come dimostrano inequivocabilmente i numeri di molteplici nazioni.

P.e.:

 

image.png

 

Dato che la percentuale di falsi positivi non può essere superiore alla percentuale di positivi, ne discende che la percentuale di falsi positivi è ben inferiore all'1%.

Questo non esclude che un singolo caso testato sia un falso positivo naturalmente, come dice il tribunale il risultato del test è solo probabile ma non certo.

Per questo è corretto che le persone testate positive ricevano al più presto assistenza medica, cosa che nel caso in questione non è avvenuto.

 

Modificato da condo77
condo77 dice:

Abbiamo già parlato dei falsi positivi Esmeralda: sono bassissimi, come dimostrano inequivocabilmente i numeri di molteplici nazioni.

P.e.:

 

 image.thumb.png.f53117b0847a99897048da6fdae0ce2a.png

 

Dato che la percentuale di falsi positivi non può essere superiore alla percentuale di positivi, ne discende che la percentuale di falsi positivi è ben inferiore all'1%.

Questo non esclude che un singolo caso testato sia un falso positivo naturalmente, come dice il tribunale il risultato del test è solo probabile ma non certo.

Per questo è corretto che le persone testate positive ricevano al più presto assistenza medica, cosa che nel caso in questione non è avvenuto.

 

Non voglio ricominciare, la sentenza parla chiaro (molto chiaro) e cioè che la PCR non è uno strumento diagnostico attendibile per dimostrare l'infezione da Sars-CoV-2. Se vuoi ignorare anche questo fatto è un tuo diritto, di sicuro quei magistrati non sono né negazionisti, né complottisti, e si sono appoggiati per la loro sentenza ad esperti riconosciuti del settore.

Esmeralda dice:

Non voglio ricominciare, la sentenza parla chiaro (molto chiaro) e cioè che la PCR non è uno strumento diagnostico attendibile per dimostrare l'infezione da Sars-CoV-2. Se vuoi ignorare anche questo fatto è un tuo diritto, di sicuro quei magistrati non sono né negazionisti, né complottisti, e si sono appoggiati per la loro sentenza ad esperti riconosciuti del settore.

"oltre ogni ragionevole dubbio"

Evidentemente << 1% non è oltre ogni ragionevole dubbio secondo questo tribunale portoghese, cosa che mi sento di rispettare se si tratta di privare una persona delle sue libertà personali per un lungo periodo di tempo.

Inoltre respingo la tua implicazione che quanto deciso da un tribunale debba per forza di cose coincidere con la verità scientifica: i giudici sono esseri umani come tutti noi, hanno le loro opinioni e convinzioni, certo cercano di prescindere dalle stesse quando devono emettere una sentenza ma non sempre ci riescono.

 

condo77 dice:

"oltre ogni ragionevole dubbio"

Evidentemente << 1% non è oltre ogni ragionevole dubbio secondo questo tribunale portoghese, cosa che mi sento di rispettare se si tratta di privare una persona delle sue libertà personali per un lungo periodo di tempo.

Inoltre respingo la tua implicazione che quanto deciso da un tribunale debba per forza di cose coincidere con la verità scientifica: i giudici sono esseri umani come tutti noi, hanno le loro opinioni e convinzioni, certo cercano di prescindere dalle stesse quando devono emettere una sentenza ma non sempre ci riescono.

 

I Giudici si sono basati sulle evidenze scientifiche attualmente disponibili e non su loro opinioni personali. Quindi una valenza precisa questa sentenza ce l'ha eccome, a meno che come al solito non si vogliano semplicemente ignorare i fatti.

 

Se poi voi volete credere che Totti, e tanti altri testimonial inconsapevoli del Covid, guariti in quattro e quattr'otto riuscendo anche nel frattempo a postare selfie e video sui social, abbiano sofferto realmente di qualcosa di più di una semplice influenza, non so cosa farci. Lì va bene tutto, ma qualsiasi elemento dissonante viene cassato a prescindere, come in questo caso. Vorrei ben vedere se una sentenza di questo livello sancisse la corrispondenza al vero della versione ufficiale, se la prendereste sotto gamba allo stesso modo. 😉

 

Modificato da Esmeralda
Esmeralda dice:

I Giudici si sono basati sulle evidenze scientifiche attualmente disponibili e non su opinioni. Quindi una valenza questa sentenza ce l'ha eccome, a meno che come al solito non si voglia semplicemente ignorare i fatti.

 

Se poi voi volete credere che Totti, e tanti altri testimonial inconsapevoli del Covid, guariti in quattro e quattr'otto, riuscendo anche nel frattempo a postare selfie e video sui social, abbiano avuto realmente qualcosa di più di una semplice influenza, non so cosa farci. Lì va bene tutto, però qualsiasi elemento dissonante viene cassato a prescindere, come in questo caso. Vorrei ben vedere se una sentenza di questo livello sancisse la corrispondenza al vero della versione ufficiale, se la prendereste sotto gamba allo stesso modo. 😉

 

Ma guarda che ci sono anche sentenze di segno contario da vari tribunali nel mondo, o pensi che questo sia il primo e unico che si sia interessato alle problematiche Covid - connesse?

 

Inoltre ribadisco: la % di falsi positivi è molto minore dell'1% e questo è un fatto verificabile da chiunque, v. numeri sopra riportati, non mi serve guardare attraverso gli occhiali di nessun giudice per accertarmene.

In certe situazioni, tale % non è sufficiente (decidere se recludere o meno una persona per settimane senza assistenza medica p.e.), per i nostri scopi (valutare se è in atto o meno un'epidemia e se vadano prese delle precauzioni), lo è completamente.

Modificato da condo77
condo77 dice:

Ma guarda che ci sono anche sentenze di segno contario da vari tribunali nel mondo, o pensi che questo sia il primo e unico che si sia interessato alle problematiche Covid - connesse?

Ad esempio?

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×