Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
consulsic1

I condomini vogliono solo versare in contanti

Salve.

Io ho sempre preferito far transitare tutti i movimenti di denaro dal conto corrente bancario, anche perché questo mi evita la istituzionale ed a volte stupida diffidenza alla quale oppongo estratti conto o documenti digitali che la banca mi mette a disposizione on line.

A questo si è aggiunto ultimamente un tentativo di rapina durante l'ora di riscossione presso il condominio in questione, in seguito al quale io rifiuto versamenti in contanti, e mettendo a disposizione i bollettini c.c.p. precompilati, pagabili anche con Lottomatica.

I condomini non vogliono procedere con questa modalità, asseriscono che il rischio rapina è solo mio, e loro non intendono pagare la commissione per il versamento del c.c.p. (quanto mi piacerebbe che gli eventuali rapinatori venissero in loro presenza!)

Al di la della voglia di lasciare questo condominio, sono obbligato a ricevere contanti? Se si, posso riceverli solo presso il mio domicilio previo preciso appuntamento?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve.

Io ho sempre preferito far transitare tutti i movimenti di denaro dal conto corrente bancario, anche perché questo mi evita la istituzionale ed a volte stupida diffidenza alla quale oppongo estratti conto o documenti digitali che la banca mi mette a disposizione on line.

A questo si è aggiunto ultimamente un tentativo di rapina durante l'ora di riscossione presso il condominio in questione, in seguito al quale io rifiuto versamenti in contanti, e mettendo a disposizione i bollettini c.c.p. precompilati, pagabili anche con Lottomatica.

I condomini non vogliono procedere con questa modalità, asseriscono che il rischio rapina è solo mio, e loro non intendono pagare la commissione per il versamento del c.c.p. (quanto mi piacerebbe che gli eventuali rapinatori venissero in loro presenza!)

Al di la della voglia di lasciare questo condominio, sono obbligato a ricevere contanti? Se si, posso riceverli solo presso il mio domicilio previo preciso appuntamento?

Grazie

Potresti provare a farti fare degli assegni non trasferibili!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve.

Io ho sempre preferito far transitare tutti i movimenti di denaro dal conto corrente bancario, anche perché questo mi evita la istituzionale ed a volte stupida diffidenza alla quale oppongo estratti conto o documenti digitali che la banca mi mette a disposizione on line.

A questo si è aggiunto ultimamente un tentativo di rapina durante l'ora di riscossione presso il condominio in questione, in seguito al quale io rifiuto versamenti in contanti, e mettendo a disposizione i bollettini c.c.p. precompilati, pagabili anche con Lottomatica.

I condomini non vogliono procedere con questa modalità, asseriscono che il rischio rapina è solo mio, e loro non intendono pagare la commissione per il versamento del c.c.p. (quanto mi piacerebbe che gli eventuali rapinatori venissero in loro presenza!)

Al di la della voglia di lasciare questo condominio, sono obbligato a ricevere contanti? Se si, posso riceverli solo presso il mio domicilio previo preciso appuntamento?

Grazie

nessuna norma stabilisce che i condomini non possono pagare in contanti quanto dovuto, quindi sei obbligato a ricevere contanti e naturalmente a farli transitare sul conto corrente condominiale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
nessuna norma stabilisce che i condomini non possono pagare in contanti quanto dovuto, quindi sei obbligato a ricevere contanti e naturalmente a farli transitare sul conto corrente condominiale

Ma nessuna legge mi obbliga ad andarli a riscuotere a domicilio dei condomini!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma nessuna legge mi obbliga ad andarli a riscuotere a domicilio dei condomini!

nessuno ti può obbligare ad andare presso il domicilio dei condomini per riscuotere le quote, non sei mica il loro segretario, semmai sono i condomini, se vogliono pagare in contanti, che devono recarsi presso il tuo studio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma nessuna legge mi obbliga ad andarli a riscuotere a domicilio dei condomini!

Tu sei obbligato a riscuotere (anche in contanti) ma non sei obbligato a riscuotere a domicilio.

 

Detto questo, se ognuna delle parti resta sulle proprie posizioni, la separazione sarà inevitabile.

Dal momento che anche tu hai voglia di lasciare questo condominio, la separazione potrebbe essere consensuale per incompatibilità di intenti. 🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quale norma obbliga l'amministratore alla riscossione in contanti?

Il condomino può certamente pagare in contanti, va allo sportello bancario e paga in contanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quale norma vieta all'amministratore di ricevere in contanti il pagamento delle quote condominiali?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Quale norma vieta all'amministratore di ricevere in contanti il pagamento delle quote condominiali?

Ma forse, a pensarci bene, proprio quella che dispone il transito obbligatorio di tutte le somme dal conto corrente. In effetti, ricevere i contanti è di per se una violazione di tale norma, poiché non è stata tracciata l'origine della relativa entrata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma forse, a pensarci bene, proprio quella che dispone il transito obbligatorio di tutte le somme dal conto corrente. In effetti, ricevere i contanti è di per se una violazione di tale norma, poiché non è stata tracciata l'origine della relativa entrata.

si possono ricevere in contanti i pagamenti e farli transitare sul conto corrente e rispettare la norma

art. 1129 c.c.

L'amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio;

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ma poi, la ricevuta emessa dall'amministratore ha qualche valore in caso di contestazione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma poi, la ricevuta emessa dall'amministratore ha qualche valore in caso di contestazione?

è quella rilasciata dall'amministratore la vera ricevuta del pagamento eseguito

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma poi, la ricevuta emessa dall'amministratore ha qualche valore in caso di contestazione?

Certo che ha valore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Quale norma obbliga l'amministratore alla riscossione in contanti?

Art. 1130 c.c.L'amministratore, oltre a quanto previsto dall'articolo 1129 e dalle vigenti disposizioni di legge, deve:...3) riscuotere i contributi ed erogare le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni...

Ad oggi non è stato ancora bandito l'uso del contanti, almeno per i pagamenti fino a 3mila euro, per cui, se vengono a versare il contanti nelle tue mani non puoi rifiutarlo.

Rilascerai quietanza di pagamento che per il condòmino costituirà la prova di avvenuto pagamento.

 

E' poi dovere dell'amministratore quello di far transitare le somme ricevute nel c/c del condominio (art. 1129 c.c.)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ad oggi non è stato ancora bandito l'uso del contanti, almeno per i pagamenti fino a 3mila euro, per cui, se vengono a versare il contanti nelle tue mani non puoi rifiutarlo.

E tra l'altro l'Amministratore può ricevere anche più di 2999,99 euro in contanti visto che nello specifico non è tenuto a rispettare quella norma sul limite dei pagamenti in contanti. 😎

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Li riscuote in contanti, ma li deve andare a versare sul C/C

Questa volta sono dalla parte degli amministratori, posso capire le persone anziane, ma pretendere l'assurdo non è normale.

https://www.condominioweb.com/viene-introdotto-lobbligo-di-pagamento-tracciabile-per-i-corrispettivi-dovuti.13304

 

https://www.studiocerbone.com/condominio-dal-2017-obbligo-tracciabilita-importo-pagamenti-dei-corrispettivi-dovuti-prestazioni-relative-contratti/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buongiorno, il tuo comportamento é da prendere in considerazione. A mio avviso alla prossima assemblea inserendo all' odg e nel tuo intervento che farai, dirai che non sei più disposto ad accettare denaro contante in modo tale che qualcuno capisca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno, il tuo comportamento é da prendere in considerazione. A mio avviso alla prossima assemblea inserendo all' odg e nel tuo intervento che farai, dirai che non sei più disposto ad accettare denaro contante in modo tale che qualcuno capisca.

Se l'amministratore dichiara che non accetta denaro in contanti viene meno al suo preciso obbligo di riscuotere le quote e rischia la revoca giudiziale.

 

Oltretutto, al condòmino che invia una raccomandata in cui chiede quando poter pagare con contanti nelle mani dell'amministratore e non viene data risposta, non potrà mai essere effettuato un decreto ingiuntivo adducendo che il condòmino non ha pagato perchè il condòmino potrà sempre dimostrare la propria volontà di voler pagare ed il rifiuto dell'amministratore ad incassare le quote.

 

Concordo che il pagamento in contanti è da evitare il più possibile, ma l'amministratore deve essere bravo nel fare opera di convincimento perchè la scelta del condòmino deve essere volontaria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

- - - Aggiornato - - -

 

Art. 1130 c.c.L'amministratore, oltre a quanto previsto dall'articolo 1129 e dalle vigenti disposizioni di legge, deve:...3) riscuotere i contributi ed erogare le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni...

Ad oggi non è stato ancora bandito l'uso del contanti, almeno per i pagamenti fino a 3mila euro, per cui, se vengono a versare il contanti nelle tue mani non puoi rifiutarlo.

Rilascerai quietanza di pagamento che per il condòmino costituirà la prova di avvenuto pagamento.

 

E' poi dovere dell'amministratore quello di far transitare le somme ricevute nel c/c del condominio (art. 1129 c.c.)

https://www.condominioweb.com/obbligo-di-tracciabilita-pagamento-dei-fornitori.13508

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

I link indicato individua il CONDOMINIO (rappresentato dall'amministratore) come soggetto obbligato a pagare con sistema tracciato pagamenti soggetti a ritenute d'acconto.

Nessun obbligo per il singolo condòmino.

 

L'amministratore riceverà il contante dal condòmino ed andrà a versarlo sul c/c del condominio.

Se l'amministratore si trova alle prese con un condòmino che insiste nel voler pagare in contanti ha solo due possibilità:

1) accetta il pagamento contanti

2) si dimette perchè non vuole ottemperare al suo obbligo di riscuotere le quote.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Se l'amministratore dichiara che non accetta denaro in contanti viene meno al suo preciso obbligo di riscuotere le quote e rischia la revoca giudiziale.

 

Oltretutto, al condòmino che invia una raccomandata in cui chiede quando poter pagare con contanti nelle mani dell'amministratore e non viene data risposta, non potrà mai essere effettuato un decreto ingiuntivo adducendo che il condòmino non ha pagato perchè il condòmino potrà sempre dimostrare la propria volontà di voler pagare ed il rifiuto dell'amministratore ad incassare le quote.

 

Concordo che il pagamento in contanti è da evitare il più possibile, ma l'amministratore deve essere bravo nel fare opera di convincimento perchè la scelta del condòmino deve essere volontaria.

 

Buongiorno si parla di denaro in contanti ma non di assegni , quindi non si sta rifiutando nulla. Sempre il mio modo di vedere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno si parla di denaro in contanti ma non di assegni , quindi non si sta rifiutando nulla. Sempre il mio modo di vedere.
Per quello si potrebbe pagare anche tramite Pos

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
I link indicato individua il CONDOMINIO (rappresentato dall'amministratore) come soggetto obbligato a pagare con sistema tracciato pagamenti soggetti a ritenute d'acconto.

Nessun obbligo per il singolo condòmino.

 

L'amministratore riceverà il contante dal condòmino ed andrà a versarlo sul c/c del condominio.

Se l'amministratore si trova alle prese con un condòmino che insiste nel voler pagare in contanti ha solo due possibilità:

1) accetta il pagamento contanti

2) si dimette perchè non vuole ottemperare al suo obbligo di riscuotere le quote.

Il condomino che si ostina a voler pagare in contanti, sapendo che l'amministratore non li può utilizzare, ma deve andare per suo conto in banca o alle poste è un vero e proprio rompi ...

L'amministratore/banca non esiste, questo va ricordato ai morosi a chi vuole versare in contanti ecc.

Di solito sono quelli che non rispettano le scadenze, chiedono anche di mettere la data falsa sulle ricevute, spesso accontentati; Le cose stanno cambiado, ecco perchè poi ti rifiutano l'estratto del C/C.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Per quello si potrebbe pagare anche tramite Pos

Esatto e concordo con te , ma l' amministratore potrebbe far pagare anche la commissione del POS. Anzi se non ricordo tempo addietro qualche parlamentare aveva proposto ciò ma alcuni non hanno gradito il dover pagare una specie di canone del POS, per cui tutto è svanito. Sarebbe stato molto più facile per entrambi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×