Vai al contenuto
giallone

Gli amministratori devono avere la PEc?

Penso che occorra fare una precisazione.

Se l'amministratore esercita tale attività in virtù di un titolo professionale che comporta una iscrizione ad un Albo, avrebbe l'obbligo della PEC. Se infatti si tratta di un Amministratore che utilizza ad esempio il proprio titolo di Geometra, Architetto, Avvocato, per esercitare, ovvero se tale titolo serve all'attività, allora ha l'obbligo di iscrizione ad un Albo e conseguentemente, già dal D.L. 185 del 29.11.2008, della PEC.

Ad esempio, l'amministratore del palazzo dove abito è un avvocato, iscritto all'Albo, e ci costa un bel po di quattrini proprio per tale qualifica. Ha quindi la casella PEC obbligatoria.

Per ottenere la casella PEC in tali casi, è sufficiente rivolgersi al rispettivo Ordine che darà le necessarie indicazioni.

 

Ciao

Infatti Meri, avevo scritto l'amministratore come tale, se poi come dici è anche iscritto ad un albo per altri titoli professionali, è ovvio che avrà la Pec, ma potrebbe non usarla ai fini del condominio.

Infatti Meri, avevo scritto l'amministratore come tale, se poi come dici è anche iscritto ad un albo per altri titoli professionali, è ovvio che avrà la Pec, ma potrebbe non usarla ai fini del condominio.

Ciao Tullio

Si, concordo. Se esercita solo con la qualifica di Amministratore non ha obbligo della PEC.

Ci sono comunque dei casi (come nel mio palazzo) dove l'Amministratore esercita anche quale professionista iscritto ad Albo, e quindi firma i documenti come avvocato (ma potrebbe essere un geometra, perito, architetto, ecc..), facendo pesare tale qualifica economicamente nell'attività di amministratore (mi risulta che paghi anche i relativi contributi all'Ordine). Quindi ha la PEC.

 

Ciao

Ci sono comunque dei casi (come nel mio palazzo) dove l'Amministratore esercita anche quale professionista iscritto ad Albo, e quindi firma i documenti come avvocato (ma potrebbe essere un geometra, perito, architetto, ecc..), facendo pesare tale qualifica economicamente nell'attività di amministratore.... Quindi ha la PEC.
Infatti sono d'accordo, come avevo già sottolineato, se l'amministratore è iscritto ad una albo perchè esercita un'altra professione deve avere la Pec, ma come già detto potrebbe non usarla per il condominio anche perchè immagino non tutti i condomini sono muniti di Pec (p.es. io non c'è l'ho)

"Purtroppo" tale tipologia di attività mi risulta essere anche una conseguenza della disoccupazione......

Nel comune dove lavoro c'erano diversi tecnici a tempo determinato che, una volta "licenziati", si sono messi a fare gli Amministratori di condominio, utilizzando la propria qualifica di geometra o perito, e quindi continuando ad essere iscritti ai rispettivi Albi ai fini del pagamento dei contributi. In sostanza si firmano "Amministratore, geom. XX" esercitando così ancora la propria attività professionale.

 

Ciao

Penso che occorra fare una precisazione.

Se l'amministratore esercita tale attività in virtù di un titolo professionale che comporta una iscrizione ad un Albo, avrebbe l'obbligo della PEC. Se infatti si tratta di un Amministratore che utilizza ad esempio il proprio titolo di Geometra, Architetto, Avvocato, per esercitare, ovvero se tale titolo serve all'attività, allora ha l'obbligo di iscrizione ad un Albo e conseguentemente, già dal D.L. 185 del 29.11.2008, della PEC.

Ad esempio, l'amministratore del palazzo dove abito è un avvocato, iscritto all'Albo, e ci costa un bel po di quattrini proprio per tale qualifica. Ha quindi la casella PEC obbligatoria.

Per ottenere la casella PEC in tali casi, è sufficiente rivolgersi al rispettivo Ordine che darà le necessarie indicazioni.

 

Ciao

Scusa Meri fammi capire: voi avete un amministratore che di professione fa l'avvocato e lo pagate molto di più convinti che un avvocato sia piu bravo ad esercitare la professione dell'amministratore rispetto ad un amministratore professionista?

Se sapessi quello che pensano alcuni condomini che conosco sul loro amministratore avvocato...

  • Mi piace 1

No, non fa l'avvocato. E' un avvocato che di professione fa l'amministratore, ovvero utilizza il proprio titolo per tale professione.

Ad esempio: Io sono architetto e nessuno mi vieterebbe di esercitare la mia professione quale Amministratore di Condominio, firmando anche come architetto se iscritto all'albo, e quindi pagando i miei contributi ad Inarcassa. Naturalmente sappiamo che per fare l'amministratore occorre anche il corso, ecc...ma se un condominio preferisce avere quale amministratore un professionista che possa intendersi anche di questioni tecniche, chi lo vieta?.

 

Ciao

 

p.s.: naturalmente è un esempio perché la mia attuale professione non mi consentirebbe di fare l'Amministratore...

Gli amministratori debbono avere la PEC? E, in tal caso, dove è possibile trovarla?

Appurato che l'amministratore di condominio non iscritto ad un ordine professionale non ha l'obbligo di avere un indirizzo pec, volendo rispondere anche alla seconda domanda posta da Giallone, chi volesse aprirla come dovrebbe fare? Avete suggerimenti? Grazie

Erre Ci

Parlo di un amministratore di cui conosco la partita IVA.

Un'altra domanda: deve essere iscritto alla Camera di Commercio?

Chiedevo info sull'iscrizione Camera di Commercio, grazie

No, un amministratore professionista non deve essere iscritto alla Camera di Commercio.

Ciao a tutti. Esiste anche la possibilità di avere la pec essendo un privato. Io sono un privato ed ho la pec avendo pagato un minimo di pochi euro ( sei euro se non sbaglio) con una specifica società.

Basta entrare in internet per sapere a quale società abbonarsi per avere una pec anche da privato cittadino.

C'è anche la possibilità di avere la Pec gratuita per comunicare con la Pubblica amministrazione;

--link_rimosso--

Superata non solo perchè riguarda la P.A., - quindi quasi impossibile l'uso tra privati -, ma perchè verrà resa a breve inutilizzabile.v

C'è anche la possibilità di avere la Pec gratuita per comunicare con la Pubblica amministrazione;

--link_rimosso--

Superata non solo perchè riguarda la P.A., - quindi quasi impossibile l'uso tra privati -, ma perchè verrà resa a breve inutilizzabile.v
Infatti c'è scritto;

 

"Il servizio posta certificat@

Sarà progressivamente sospeso

secondo i seguenti passi"

Rispondo sarebbe opportuno averla per invio di documentazione presso Enti /Studi Legali/ etc - la corrispindenza inviata a mezzo PEC equivale alla Racc. A.R.

L'amministratore non ha nessun obbligo di Iscrizione a niente nemmeno ai vari ANAI ed altri organismi che altro nn sono che organizzazioni -Non esiste un Albo nazionale degli amm.ri .C'è solo un obbligo morale di far bene il lavoro che gli viene affidato -gestire i soldi dei condomini-con oculatezza e correttezza.e poi deve versare al fisco il dovuto in tasse per le competenze che prende.

Però chi ha la partita iva deve avere la pec, o mi sbaglio?
Il semplice possesso della Partita IVA non è sufficiente a far scattare l’obbligo di PEC

 

--link_rimosso--

×