Vai al contenuto
gbattine

Gestire un condominio in maniera.."amatoriale"

Buongiorno a tutti,

volevo chiedervi un'informazione. Nel nuovo palazzo in cui vivo abbiamo una situazione particolare, lo stabile prevede 7 unità immobiliari (quindi no obbligo amministratore), ma solo 4 unità abitate e 3 non vendute (e l'impresa, da atto, si è esclusa, per unità non vendute, da spese condominio).

Siamo quindi in 4 a dover sostenere delle spese, tra cui ascensore per ora e pulizie.

Mi è stato chiesto di prendermi "questo fastidio", cioè raccogliere una quota mensile da tutti e prendermi l'impegno di pagare queste due bollette, nonchè gestire una cassa per spese impreviste (lampadine etc..).

La domanda mia è questa..il condominio ha un cf, ma non un amministratore. E' possibile che io possa limitarmi a gestire in maniera semplice un ritiro quote e un semplice pagamento a ditte senza ulteriori obblighi fiscali? Tipo 770 del condominio o altro?

Spero qualcuno possa supportarmi ..grazie

Se vi è la necessità di invio del 770 perché viene operata una ritenuta d'acconto alla ditta delle pulizie ed a quella della manutenzione dell'ascensore devi prenderti anche questo onere che comunque non ti costerà nulla poiché dovrai affidare tale compito ad un commercialista (o CAF) che fatturerà direttamente al condominio, raccoglierai le quote necessarie anche a questo servizio, oltre a questo dovrai anche mettere una targa con i tuoi dati identificativi (presumo che tu abbia già provveduto alla comunicazione presso l'Agenzia delle Entrate che sei la persona di riferimento alias "persona che svolge funzioni analoghe a quelle dell'amministratore", se non lo hai ancora fatto ti invito a provvedere dopo essere stato regolarmente nominato con apposita assemblea). Ma lo stabile ha già il suo codice fiscale? Penso di sì, altrimenti le utenze sarebbero a carico di uno dei condomini.

grazie mille della rapida risposta! Non ho comunicato a nessuno i miei dati perchè l'idea era di gestire così la cosa fino alla vendita di tutti gli appartamenti (che avverrà magari durante questo anno) per poi regolarizzare, quando saremo in 7, dall'anno prossimo la cosa..mi chiedevo, se facessi come mi ha consigliato, cioè chiedere a commercialista di supportarmi in 770 e analoghi se dovessero servire, è necessario comunque espormi come persona che svolge funzioni da amministratore? Devo comunque "ufficializzare" questa mia posizione o posso gestirmela internamente con i condòmini?Grazie

grazie mille della rapida risposta! Non ho comunicato a nessuno i miei dati perchè l'idea era di gestire così la cosa fino alla vendita di tutti gli appartamenti (che avverrà magari durante questo anno) per poi regolarizzare, quando saremo in 7, dall'anno prossimo la cosa..mi chiedevo, se facessi come mi ha consigliato, cioè chiedere a commercialista di supportarmi in 770 e analoghi se dovessero servire, è necessario comunque espormi come persona che svolge funzioni da amministratore? Devo comunque "ufficializzare" questa mia posizione o posso gestirmela internamente con i condòmini?Grazie

Se il condominio ha già un suo codice fiscale ed ha, a suo carico, intestate delle utenze condominiali e soprattutto se come condominio ha assegnato ad una ditta il servizio di pulizie per il quale è obbligatorio operare la ritenuta d'acconto una persona di riferimento deve necessariamente esserci, essa è solamente un INDIRIZZO (una entità assolutamente generica) a cui inviare eventuali comunicazioni e non ha nessuna responsabilità particolare, le responsabilità sono equamente suddivise tra tutti i condomini, quindi se non desideri "ufficializzare" il tuo nome puoi far mettere qualsiasi altro nominativo anche se poi sarai tu a fare tutto ciò che va fatto, ripeto è un semplice "proforma" che non comporta responsabilità non essendoci la figura dell'amministratore potere tirare a sorte il nominativo da inserire sul codice fiscale e poi decidete altrimenti come i compiti saranno suddivisi. Al commercialista poco importa se ti esponi in prima persona o meno, lui ha bisogno dei dati che tu o un'altra persona gli fornirete e farà il lavoro che è necessario fare, dietro pagamento, s'intende, naturalmente se non vi è un amministratore (legale rappresentante del condominio) vorrà essere pagato possibilmente CASH......... se nessuno si espone come referente

C'è un punto che andrebbe chiarito però: quando vai all'AdE per la comunicazione del referente del condominio, devi inserire nel modello aa5/6 un codice carica, non lo puoi lasciare in bianco. I codici che puoi mettere, nel caso specifico sono o quello relativo all'amministratore o quello del rappresentante legale. Entrambe le figure devono compilare il quadro AC nella loro dichiarazione dei redditi... se non lo fa, è sua responsabilità.

 

Quindi, secondo me, una parte delle responsabilità fiscali (quadro AC) te le accolli comunque nel momento in cui fornisci il tuo nominativo all'AdE ...

 

correggetemi se sbaglio

Gli adempimenti che incombono su di un condominio (fiscali e non) esistono sempre e comunque. L'amministratore, salvo i casi in cui è imposto dalla legge, può esserci o non esserci, tuttavia la sua mancanza non fa venir meno gli obblighi fiscali, in materia di sicurezza, etc... cui è soggetto il condominio.

×