Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Theodore

Gestione Siepe in giardino di proprietà esclusiva

Buongiorno

Ho bisogno gentilmente di chiarimenti in merito alla mia siepe di lailandi.

Calcolando che abito in un appartamento al piano terra e che la distanza della siepe è di almeno 2 mt. o anche più dal confine

Volevo sapere quale può essere per legge l’altezza massima che si può tenere.

Sopra di me preciso ho un balcone che dopo aver concordato col proprietario un altezza che fosse da loro decisa,

Hanno lamentato a seguire la cosa in sede di riunione condominiale, dove non ero presente.

Preciso che nel regolamento condominiale non si menzionano altezze o altro, in comune mi hanno detto di rifarmi alla legge che trovo molto confusa. Sempre in riunione hanno chiesto ... leggendo il verbale ..di stabilire un altezza da inserire nel regolamento ma possono farlo? Anche se il mio è un giardino di proprietà esclusiva ?

Infine leggo ovunque che visto che io pago la potatura per il giardino comune delle altre palazzine dello stesso complesso in quota millesimale essendo però il mio di proprietà esclusiva potrei chiedere una partecipazione alla spesa potatura del mio giardino ai condomini?

Chiedo scusa ma sono domande a cui non trovo nessuna risposta precisa.

Un grazie a chi vorrà dedicarmi del tempo per avere risposte sicure.

Buon anno

Giuseppe.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno

Ho bisogno gentilmente di chiarimenti in merito alla mia siepe di lailandi.

Calcolando che abito in un appartamento al piano terra e che la distanza della siepe è di almeno 2 mt. o anche più dal confine

Volevo sapere quale può essere per legge l’altezza massima che si può tenere.

Sopra di me preciso ho un balcone che dopo aver concordato col proprietario un altezza che fosse da loro decisa,

Hanno lamentato a seguire la cosa in sede di riunione condominiale, dove non ero presente.

Preciso che nel regolamento condominiale non si menzionano altezze o altro, in comune mi hanno detto di rifarmi alla legge che trovo molto confusa. Sempre in riunione hanno chiesto ... leggendo il verbale ..di stabilire un altezza da inserire nel regolamento ma possono farlo? Anche se il mio è un giardino di proprietà esclusiva ?

Infine leggo ovunque che visto che io pago la potatura per il giardino comune delle altre palazzine dello stesso complesso in quota millesimale essendo però il mio di proprietà esclusiva potrei chiedere una partecipazione alla spesa potatura del mio giardino ai condomini?

Chiedo scusa ma sono domande a cui non trovo nessuna risposta precisa.

Un grazie a chi vorrà dedicarmi del tempo per avere risposte sicure.

Buon anno

Giuseppe.

Le siepi, fatto salvo regolamenti o usi locali, si devono piantare ad almeno 50 cm dal confine, per cui per questo sei a posto, e l'altezza non può superare i 2,50 metri, riferimento normativo l'art. 892 codice civile;

 

Art. 892. Distanze per gli alberi.

Chi vuol piantare alberi presso il confine deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali. Se gli uni e gli altri non dispongono, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine:

1) tre metri per gli alberi di alto fusto. Rispetto alle distanze, si considerano alberi di alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili;

2) un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto. Sono reputati tali quelli il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;

3) mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.

La distanza deve essere però di un metro, qualora le siepi siano di ontano, di castagno o di altre piante simili che si recidono periodicamente vicino al ceppo, e di due metri per le siepi di robinie.

La distanza si misura dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell'albero nel tempo della piantagione, o dalla linea stessa al luogo dove fu fatta la semina.

Le distanze anzidette non si devono osservare se sul confine esiste un muro divisorio, proprio o comune, purché le piante siano tenute ad altezza che non ecceda la sommità del muro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie per la risposta quello che non mi è chiaro è se alla prossima riunione di condominio

Qualcuno proponesse un altezza ridicola e con l’unanimitá la possibilità di fissare un altezza inferiore a quella del codice ..

potrebbe essere possibile una cosa del genere?

Tenga presente che in comune non sanno dirmi nulla e sul regolamento condominiale non si parla di altezze o distanze per le siepi.

Ancora grazie

Fabrizio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Qualcuno proponesse un altezza ridicola e con l’unanimitá la possibilità di fissare un altezza inferiore a quella del codice ..

potrebbe essere possibile una cosa del genere?

Si è possibile una cosa del genere, ma tieni presente che l'unanimità si potrà ottenere anche con il tuo voto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×