Vai al contenuto
Amministratore82

Gestione certificazioni detrazioni 36% con...........

Ringrazio in anticipo chi mi aiuterà perchè sono un po' nel pallone.

Utilizzo Domustudio per la gestione dei condomini.

Devo certificare quanto versato dai condomini per lavori di ristrutturazione di un fabbricato nell'anno 2010.

Praticamente il suddetto software non prende in considerazione solo quanto versato dai condomini in regola con i versamenti, ma ripartisce quanto versato all'impresa tra tutti i condomini, e poi indica gli importi da portare in detrazione (solo per i condomini che hanno pagato).

Quindi, su un importo dovuto di 60 mila euro, ne sono stati pagati 40mila a causa di morosità, da 5 condomini su 9. L'importo di 40 mila è ripartito tra tutti i condomini, e quindi i "pagatori" non si vedono le detrazioni del totale versato, ma solo di una parte, avendo una ulteriore somma, una sorta di credito, da dichiarare il prossimo anno (i lavori sono in corso di esecuzione).

Ovviamente i morosi non hanno quote da detrarre, visto che non hanno versato nemmeno un euro, ma comunque il programma va a ripartire il totale tra tutti i condomini.

E' giusto così?

Che mi consigliate di fare?

Un saluto

Modificato Da - marcoGT il 02 Apr 2011 alle ore 12:07:19

Anch'io sto cercando di costruirmi un'idea in merito, e vado chiedendo ai fiscalisti.

L'orientamento che prevale dalle mie interviste, è questo:

Il pagamento al fornitore lo esegue il condominio, e la detrazione riguarda il condominio tutto, morosi/ritardatari compresi. Il condominio resterà poi a credito nei confronti dei morosi/ritardatari, come al solito, che prima o poi pagheranno, loro o chi per loro (eventuali subentranti) ma la detrazione riguarda comunque il condomino proprietario alla data del pagamento al fornitore.

Dal mio punto di vista, il tuo software sbaglia a non certificare la detraibilità ai morosi.

Resto aperto ad idee diverse.

Scusa, forse ho interpretato male il tuo post.

Il programma certifica la detraibilità anche ai morosi?

Se è così, è d'accordo con me, e rettifico il mio "sbaglia".

Il programma non certifica i morosi,.ma ripartisce quanto versato alla ditta, e poi non indica giustamente le quote di detrazione dei morosi, che non hanno pagato.

Scritto da marcoGT il 02 Apr 2011 - 12:04:39:

Quindi, su un importo dovuto di 60 mila euro, ne sono stati pagati 40mila a causa di morosità, da 5 condomini su 9.

Al 31 dicembre 2010, alla ditta/impresa sono stati dunque bonificati 40mila euro?

 

-------------------------

Akim... quanto ci manchi!

@marcoGT

e per quale strano arbitrio non certifica i morosi?

Quindi se un condomino è in ritardo coi pagamenti il condominio gli può chiudere l'acqua o staccare la luce?

Il condominio (l'amministratore) ha il dovere di esigere i pagamenti dai morosi, ma a pagare il fornitore E' IL CONDOMINIO, e quindi anche i morosi hanno pagato il fornitore, pur restando a debito nei confronti del condominio.

Bene.

Sembra che i fiscalisti che ho interpellato abbiano toppato.

L'intervento di Dolores mi ha riportato alla lettura dell'opuscolo dell'AdE.

La detraibilità del singolo condomino E' LEGATA alla parte che il singolo condomino ha versato al condominio (oltre ovviamente a quanto bonificato al fornitore).

Quello che non ho trovato è se il condomino ha versato meno della sua parte, si deve fare un calcolo proporzionale, oppure si gioca a chi è dentro e chi è fuori?

Scritto da maxdalsasso il 02 Apr 2011 - 16:01:32: Bene.

1)Sembra che i fiscalisti che ho interpellato abbiano toppato.

2)Quello che non ho trovato è se il condomino ha versato meno della sua parte, si deve fare un calcolo proporzionale, oppure si gioca a chi è dentro e chi è fuori?

1)

2) semplice: se la regola è che il diritto alla detrazione spetta nei limiti della ripartizione millesimale delle spese e nei limiti delle quote effettivamente pagate (e che il diritto sorge contestualmente al versamento del relativo bonifico), il condòmino che ha versato meno della quota a lui spettante, avrà diritto alla detrazione solo nei limiti della quota parte versata:

es. se l'importo dei lavori da ripartire è pari a 10000€ (regolarmente bonificato al 31 dicembre) ed un condòmino, cui per millesimi 47,512 gli è stata attribuita una quota da pagare pari a 475,12€, e ne versa solo 200, avrà diritto alla detrazione solo per 200€ e quindi nella certificazione si riporterà che il condòmino Sig. _______________ ha diritto alla detrazione del 36% per l'anno 2010 sull'importo di euro 200,00

oppure, se si è specificato la quota straordinaria a suo carico per i suoi millesimi, si riporterà ha versato il detto contributo straordinario nella misura di €________.

(a meno che non saldi il tutto prima della presentazione della sua dichiarazione).

Akim... quanto ci manchi!

Modificato Da - dolores il 03 Apr 2011 16:21:28

Rispiego meglio la situazione.

Importo totale lavori € 60.000

Importo riscosso nell'anno 2010: € 40.000

Importo pagato all'impresa nell'anno 2010: € 40.000

Nel contratto c'è la clausola della NON solidarietà.

Ho pagato all'impresa in base a quanto riscosso, e quindi i condomini morosi (che non hanno mai versato niente) non hanno partecipato ad alcuna spesa.

Ora, il programma cosa fa?

Va a ripartire il pagato tra tutti i condomini, e certifica la detrazione solo ai cd. pagatori.

Ma non certifica sul totale di 40 mila euro, che i pagatori hanno sostenuto.

Ma avendo ripartito i 40 mila tra tutti i condomini, i pagatori è come se avessero pagato solo 25 mila euro dei 40 mila, e quindi le loro certificazioni certificano somme più basse di quelle che hanno versato a me, e che io avrei versato all'impresa.

La circolare dell'AdE cosa dice???

Scritto da marcoGT il 03 Apr 2011 - 16:40:21: Rispiego meglio la situazione.

Importo totale lavori € 60.000

Importo riscosso nell'anno 2010: € 40.000

Importo pagato all'impresa nell'anno 2010: € 40.000

Nel contratto c'è la clausola della NON solidarietà.

Ho pagato all'impresa in base a quanto riscosso, e quindi i condomini morosi (che non hanno mai versato niente) non hanno partecipato ad alcuna spesa.

Ora, il programma cosa fa?

Va a ripartire il pagato tra tutti i condomini, e certifica la detrazione solo ai cd. pagatori.

Ma non ce [...]

No, è sbagliato che sia così, l'importo bonificato di 40000€ corrispondente alle quote anticipate da soli 5 condòmini, deve essere certificato soltanto a questi ultimi (che sono infatti in regola coi pagamenti). Non conosco il programma, penso che forse l'errore sta nel fatto che non è stato caricato come debito iniziale (da ripartire tra tutti i condòmini) l'importo di 60000€.

 

-------------------------

Akim... quanto ci manchi!

Eh no, nel programma ovviamente è stata inserita tutta la ripartizione, è il programma che ragiona in modo errato.

Anche perchè nel mio caso i 4 morosi non pagheranno i lavori, mai e poi mai, e sarà l'impresa che dovrà recuperarsi i soldi!

@marcoGT

così come la descrivi, è un errore del tuo software.

 

Il dubbio che mi viene è questo:

i 40.000 versati corrispondono alle quote previste per quei 5 condomini, o hanno versato di più del previsto?

Mi riallaccio all'esempio di Dolores:

pagato fornitore per 10.000 euro (acconto)

condomino con 47.512 millesimi

la sua quota parte sarebbe di 475,12 euro (di questi 10.000)

... e se questo ha versato 600,00 euro?

cosa detrae? sulla base dei 600,00 versati oppure sulla base dei 475,12 della sua quota parte?

Ovviamente la risposta è 475,12.

Domanda:

dove vanno a finire, quando li detrae (se li detrae) gli altri 124.88 ??? ed io quando glieli certifico? fra un anno?

Nel mio caso i 40 mila sono la somma dei versamenti dei 5 condomini.

Nel tuo caso certifichi i 470, e hai 2 possibilità per la restante parte:

1) se i lavori continuano (come nel mio caso) certifichi la differenza l'anno prox

2) Senò restituisci la differenza al condomino che ti ha versato in più

Scritto da maxdalsasso il 03 Apr 2011 - 22:47:25: @marcoGT

così come la descrivi, è un errore del tuo software.

 

Il dubbio che mi viene è questo:

i 40.000 versati corrispondono alle quote previste per quei 5 condomini, o hanno versato di più del previsto?

Mi riallaccio all'esempio di Dolores:

pagato fornitore per 10.000 euro (acconto)

condomino con 47.512 millesimi

la sua quota parte sarebbe di 475,12 euro (di questi 10.000)

... e se questo ha versato 600,00 euro?

cosa detrae? sulla base dei 600,00 versati oppure sulla base dei 475,12 [...]

Se i 124,88 sono stati pagati in più per coprire la morosità altrui non vanno conteggiati, quindi non possono essere portati in detrazione, la quota pagata in più farebbe scattare solo un diritto al rimborso da parte del condòmino moroso.

 

-------------------------

Akim... quanto ci manchi!

Scritto da maxdalsasso il 02 Apr 2011 - 16:01:32: Bene.

Sembra che i fiscalisti che ho interpellato abbiano toppato.

Quello che non ho trovato è se il condomino ha versato meno della sua parte, si deve fare un calcolo proporzionale, oppure si gioca a chi è dentro e chi è fuori?

Secondo me quei fiscalisti NON hanno toppato.

Infatti la detraibilità nasce con il bonifico del CONDOMINIO e se l'amministratore non è preciso nel bonificare esattamente le quote straordinarie dei condòmini regolari,ma mischia ed usa altre quote disponibili,magari quelle ordinarie,magari quelle anticipate da chi ha disponibilità,corrispondendo alla ditta l'esatto sal,accade che anche i morosi acquisiscano il diritto alla detrazione,perchè anche la loro parte è stata,comunque,bonificata.

Tutto dipende,quindi,da quanto il Condominio bonifica esattamente.

Ma c'è una "regola" per calcolare la detrazione?

Nel mio caso hanno versato 40mila ed io ho pagato l'impresa per 40 mila euro.

In che senso una regola?

Intendi che se il programma ripartisce, comunque, anche sui morosi forse non sbaglia?

No,non sbaglia,però,la regola normata,purtroppo,non esiste,tutte le varianti contemplate dalla pratica la norma non solo non le ha considerate ma neppure chiarite in Risoluzioni/Circolari successive,quindi,spesso si va ad interpretazione e logica.

Nel tuo caso,come già anticipato,se quei 40.000€ son stati corrisposti solo da alcuni condòmini "regolari",mentre i restanti 20.000€ costituiscono la morosità,tu dovrai certificare solo ai condòmini regolari i loro 40.000€,quando i ritardatari regolarizzeranno il loro debito,permettendo di bonificare i 20.000€,,potranno usufruire anch'essi dell'agevolazione fiscale.

Quindi certifico tutti e 40 mila euro in base ai bonifici?

Anche perchè nel 2010 (x fortuna) ho sostenuto solo spese detraibili (impresa + occupazione suolo pubblico), e quindi dovrei fare una semplice somma degli importi dei bonifici?

Se quei 40.000 sono esattamente le quote che i regolari avrebbero dovuto versare entro il 31/12/2010,senza anticipi di rate,sì,certificherai solo a loro per millesimi.

Scritto da Patrizia Ferrari il 04 Apr 2011 - 00:40:27:

Secondo me quei fiscalisti NON hanno toppato.

Allora, riassumo per vedere se funziona:

Interpretazione n.1

1. si certificano solo i condomini che hanno versato, e se hanno versato parzialmente, per la sola parte versata.

2. ad evitare casini, vietato pagare il fornitore con euro che non provengono da appositi versamenti fatti allo scopo

3. se il punto 1. ed il punto 2. sono veri, non devo fare nessun calcolo sulle tabelle millesimali... devo certificare per quanto mi hanno versato allo scopo (che corrisponde al totale bonificato al fornitore)

Interpretazione n.2

... me la tengo di riserva... (l'intervento di Patrizia mi ha resettao) e la esporrò a seguito di altri commenti.

Scritto da Patrizia Ferrari il 04 Apr 2011 - 15:53:15: Se quei 40.000 sono esattamente le quote che i regolari avrebbero dovuto versare entro il 31/12/2010,senza anticipi di rate,sì,certificherai solo a loro per millesimi.

Per millesimi? In che senso?

Scritto da marcoGT il 04 Apr 2011 - 21:43:48:

 

Per millesimi? In che senso?

Ai loro millesimi che,ovviamente,non daranno 1000.

Vale a dire in base alle quote versate che a loro volta saranno state ripartite e calcolate in base ai millesimi.

Quindi prendo i condomini che hanno pagato, i relativi millesimi in tabella generale, inserisco l'importo pagato (41 mila euro), e quello che mi esce dalla ripartizione lo certifico?

Scritto da marcoGT il 04 Apr 2011 - 23:33:49: Quindi prendo i condomini che hanno pagato, i relativi millesimi in tabella generale, inserisco l'importo pagato (41 mila euro), e quello che mi esce dalla ripartizione lo certifico?

Perdona ma tu lo hai già quel riparto.

Prendi la tabella iniziale,togli quote e millesimi dei morosi,ed ottieni il riparto dei 41.000€,che naturalmente non farà 1000.

Potrei anche fare semplicemente la somma dei bonifici dei condomini, visto che nel 2010 ho versato solo quote detraibili..........

Ma tu conosci Domustudio? COme mai opera in questo modo?

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×