Vai al contenuto
Desty Nova

Gattare, sporcizia e multe

Cari amici,

premesso che non ho nulla contro i gatti, mi chiedo se esistano ancora norme che impongano a chi ha uno smodato amore per queste bestiole a lasciar pulito i luoghi dove hanno deciso di dar loro da mangiare.

Nella fattispecie, all'imboccatura della mia strada privata una tizia continua pervicacemente a lasciare piatti, cartacce, buste di cibo per gatti, oltre ovviamente al cibo in questione, col risultato che alla prima pioggia o botta di vento tutto lo schifo finisce dentro la mia strada.

Inutile aggiungere che il cibo non consumato diventa ricettacolo di mosche, topi, gabbiani, cornacchie, piccioni... e puzza a cane morto.

Inutili i tentativi di spiegare alla signora - chiaramente poco nei suoi santi sentimenti - che oltre che poco igienico, impiantare una colonia felina sul bordo di una strada è anche pericoloso per le bestiole, tanto più che ad appena 30 metri c'è un parco urbano di 40 ettari dove potrebbero vivere in sicurezza per loro e in igiene per i cristiani...

La domanda è questa: non trovo più alcun cenno sui regolamenti del comune di Roma a proposito degli obblighi di igiene per chi nutre i randagi.

Possibile che siano stati aboliti?

Possibile che addirittura se io mi attivo direttamente per pulire lo schifo rischio di essere multato a mia volta perché togliendo il cibo ai gatti diventerei un "nemico degli animali"?!?

Un caro saluto e grazie in anticipo per ogni risposta.

Aggiungo una postilla.

Nessuno chiede di spostare la colonia (cosa che comunque sarebbe più logica, come ripeto, tanto per i gatti quanto per le persone, visto che abitiamo a 30 metri da un parco urbano, e lungo la strada invece spesse volte si vedono le bestione ficcate sotto dalle macchine... se me lo chiamate amore per gli animali indurli a vivere in un posto pericoloso... mah!), ma quantomeno impiegare per lasciare il cibo delle ciotole di ceramica, così che col vento non vengano portate in giro.

Non c'è potenza di invocare la legge perché venga rispettata la pulizia?

Caro Mario, grazie, era proprio quello che cercavo. Devo dire che questo PDF era ben nascosto (non sono uno di primo pelo con google...), mentre il sito del comune di Roma deputato ai "diritti" degli animali (che oramai ne hanno più dei cristiani) non ha la pagina dei contatti efficiente.

 

Vivaddio, almeno questo è rimasto:

 

Art. 42 - Alimentazione dei gatti.

[...]

2. I/le gattari/e sono obbligati a rispettare le norme per l’igiene del suolo pubblico e del

decoro urbano evitando la dispersione di alimenti, provvedendo alla pulizia della zona

dove i gatti sono alimentati dopo ogni pasto ed asportando ogni contenitore utilizzato

per i cibi solidi ad esclusione dell’acqua.

 

La cosa allucinante è che il rispetto di questo regolamento non è affidato ai pubblici ufficiali ma anche a ONG e altre associazioni private che vengono così a rivestire il ruolo di pubblici ufficiali... praticamente lo Stato che abdica al suo ruolo! Vabbè. Lasciamo perdere...

Grazie ancora, Mario!

E' un po diverso . Il rispetto resta a carico comunque delle autorita' preposte a cui vengono affiancate anche soggetti privati ma che comunque per operare devono avere speciali autorizzazioni .

comunque è inquietante il fatto che sono previste simili figure per i "diritti" degli animali mentre per i diritti delle persone se ci si organizza in mancanza dell'intervento dello Stato si viene accusati di volere "le ronde", "lo squadrismo", "il far west" e altre cose del genere... Vabbè, stiamo uscendo fuori tema.

La differenza e' che le figure che tutelano i diritti degl' animali sono regolamentate ( ovvero comunque certe funzioni vengono attribuite dalla legge) le ronde non sono regolamentate e non hanno funzioni attribuite dalla legge . Una cosa e' svolgere un compito o un funzione per conto dello Stato ( comunque regolamentato da apposite leggi) altra sostituirsi allo Stato .

Certo, è chiaro: ma il fatto che lo Stato abbia deciso di dar veste regolamentare all'una e non all'altra la dice lunga...

ha regolamentato anche la tutela dei beni personali ,basta farlo seguendo le regole .

×