Vai al contenuto
tommaso.arcieri

Garage - può un garage essere adibito a scuola di ballo?

tommaso.arcieri dice:

Salve,

può un garage essere adibito a scuola di ballo?? Grazie

No, il garage è adibito a ricovero degli automezzi.

tommaso.arcieri dice:

Salve,

può un garage essere adibito a scuola di ballo?? Grazie

Il quesito viene esposto in modo eccessivamente strimizzito e anche per questo io non sarei drastico come lo è stata @Danielabi . Bisogna vedere se è talmente ampio da permettere che si possa ballare tranquillamente senza rischi. La domanda sottoindente altro? Il cambio d'uso? La musica che invade l'appartamento superiore? Come si può comprendere le risposte possono variare da quella negativa di Daniela al caso possibilista come il mio: bisogna vedere e analizzare la problematica in modo più ampio secondo me.

Modificato da Dino40

Ciao

La domanda è secca ed altrettanto lo dovrebbe essere la risposta.

  • Grazie 1
camillo50 dice:

Ciao

La domanda è secca ed altrettanto lo dovrebbe essere la risposta.

Qual è allora la tua risposta? Oppure non condivi la domanda secca?

tommaso.arcieri dice:

Salve,

può un garage essere adibito a scuola di ballo?? Grazie

dipende da cosa è scritto nel regolamento di condominio.

poi si deve procedere (eventualmente) ad un cambio di destinazione d'uso.

poi bisogna verificare se è necessario rivedere le tabelle millesimali, 

 

comincia dal regolamento.

 

  • Mi piace 1

🙄 Un garage si puo' adibire a scuola di ballo? No, senza se e senza ma.

 

Quando un locale puo' essere adibito a scuola di ballo? Quando è destinato a quell'uso, quindi rispetta tutte le regole urbanistiche, fiscali, di sicurezza necessarie, quindi dopo che avrà subito tutti gli interventi d'obbligo (e regolamento condominiale permettendo)

Ma questo è un altro argomento, a mio parere.

 

 

  • Mi piace 1

NO, senza se e senza ma, e nemmeno forse anche se si associasse per superare certe preclusioni.

 

  • Mi piace 1

Certamente se ci limitiamo alla lettura e alla risposta secca come dice @camillo50 che comunque la risposta non la dà, secondo me ( ma uno scopo la domanda dovrebbe averla che non può essere solo un si o un no) la domanda ( e la risposta)  è priva di senso in quanto scontata. E allora? Aspetto precisazione.

Modificato da Dino40

Ho già litigato su questo medesimo argomento con un legale bannato ben tre volte.

Cosa vuoi che illustri della normativa vigente?

- Carico urbanistico aumentato,

- Obblighi urbanistici (una porta che da ai servizi larga almeno cm. 90),

- Impianto fognario come se fosse almeno un appartamento,

- Standard a parcheggio per i frequentatori,

- Luce e ricambio aria nel minimo di 3/8,

- Autorizzazione amministrativa "ipoteticamente" superabile se con associazione a scuole di ballo riconosciute,

- Insonorizzazione,

- Vincolo di destinazione d'uso e, da parte del condominio, tutela delle destinazioni d'uso

- Eventuale nulla osta antincendio ... (ma di quanti metri quadri è sto benedetto garage?)

Insomma per trasformare un C/6 (garages e posti auto) in una scuola di ballo (D3 (con lucro) o D/8 (senza lucro)) ci sono talmente tante di quelle incombenze obbligatorie che un eventuale Regolamento Condominiale che lo vietasse sarebbe proprio l'ultima preoccupazione possibile ed immaginabile.

 

Ovviamente possiamo dare per scontato che io mi sia bevuto il cervello e che amministrativamente non ne capisca più nulla, tuttavia un garage ha delle caratteristiche costruttive che per trasformarlo in una scuola di ballo è amministrativamente impossibile, salvo il caso che non sia un'autorimessa con servizi igenici.

cacallo dice:

Ovviamente possiamo dare per scontato che io mi sia bevuto il cervello e che amministrativamente non ne capisca più nulla,

Questo è assolutamente impossibile.

 

cacallo dice:

 tuttavia un garage ha delle caratteristiche costruttive che per trasformarlo in una scuola di ballo è amministrativamente impossibile, salvo il caso che non sia un'autorimessa con servizi igenici.

Qui siamo d'accordo. Per me la domanda così come posta non ha senso perchè un garage normale (un 2x3?) non potrà mai essere adibito a scuola da ballo e perciò sotto ci deve essere altro.

cacallo dice:

Ho già litigato su questo medesimo argomento con un legale bannato ben tre volte.

Cosa vuoi che illustri della normativa vigente?

- Carico urbanistico aumentato,

- Obblighi urbanistici (una porta che da ai servizi larga almeno cm. 90),

- Impianto fognario come se fosse almeno un appartamento,

- Standard a parcheggio per i frequentatori,

- Luce e ricambio aria nel minimo di 3/8,

- Autorizzazione amministrativa "ipoteticamente" superabile se con associazione a scuole di ballo riconosciute,

- Insonorizzazione,

- Vincolo di destinazione d'uso e, da parte del condominio, tutela delle destinazioni d'uso

- Eventuale nulla osta antincendio ... (ma di quanti metri quadri è sto benedetto garage?)

Insomma per trasformare un C/6 (garages e posti auto) in una scuola di ballo (D3 (con lucro) o D/8 (senza lucro)) ci sono talmente tante di quelle incombenze obbligatorie che un eventuale Regolamento Condominiale che lo vietasse sarebbe proprio l'ultima preoccupazione possibile ed immaginabile.

 

Ovviamente possiamo dare per scontato che io mi sia bevuto il cervello e che amministrativamente non ne capisca più nulla, tuttavia un garage ha delle caratteristiche costruttive che per trasformarlo in una scuola di ballo è amministrativamente impossibile, salvo il caso che non sia un'autorimessa con servizi igenici.

😁

quando accennavo al cambio di destinazione d'uso, intendevo proprio tutte le problematiche connesse e immaginavo fossero tante ma non precisamente quali.

era quasi uno "sconsiglio" dal pensare di farlo o di approfondire per combattere chi voleva farlo.

ed in effetti il regolamento potrebbe non essere la discriminante.

 

 

Dino40 dice:

Questo è assolutamente impossibile.

Mai dire mai.

Giusto recentemente i problemi di mia moglie mi hanno tenuto occupato su altre questioni, potrebbe essere che degli aggiornamenti di normative mi siano sfuggite, ma qua bisognerebbe che si fosse rotta una diga e che io non ne avessi avuto la benché minima notizia.

Dino40 dice:

perciò sotto ci deve essere altro

Mah...caro Dino, è probabile che sotto ci sia la solita questione: qualche condòmino ha affittato (nella migliore delle ipotesi) un garage a qualcuno che lo ha trasformato in una scuola di ballo; oppure un condòmino che non sapeva come passare il tempo utilizza il garage come scuola di ballo.........

 

di fatto la risposta è sempre la stessa: non si puo'.

Dino40 dice:

perciò sotto ci deve essere altro

Si, forse un pavimento in cemento (Mac Master) o ceramica, proprio l'ideale per insegnare a ballare ...

 

Forse, se scaviamo in profondità, un vespasiano in ghiaione ...

 

Cosa vuoi che ci sia sotto ad una richiesta del genere che trascende ogni logica costruttiva, edilizia ed urbanistica?

  • Haha 2
tommaso.arcieri dice:

Salve,

può un garage essere adibito a scuola di ballo?? Grazie

Hai visto quanti commenti con le varie ipotesi ci sono state con le poche informazioni che hai dato?

Come si fa a dare una riposta secca se non dai nemmeno una minima informazione?

Per garage intendi un locale di 400/500 mq. o un box di 12 mq?

 

Ti faccio due esempi:

 

PRIMO LINK:

Questo è un ex supermercato che ora è diventato un garage

https://www.google.com/maps/@40.4655094,17.2590789,3a,37.5y,226.47h,86.18t/data=!3m6!1e1!3m4!1sUNyAThLyXRvOSX2NeoBx7A!2e0!7i13312!8i6656

 

SECONDO LINK:

Tutto l'edificio che vedi sono gli ex magazzini UPIM chiusi oltre 20 anni fa e trasformati in un grosso parcheggio.

Lo scorso anno è stato ritrasformato in supermercato LIDL

https://www.google.com/maps/@40.4669589,17.2525211,3a,75y,356.18h,97.6t/data=!3m6!1e1!3m4!1soVsYfdNx7MtWl4KbSHOcLg!2e0!7i13312!8i6656

 

riporto testualmente art.5 del regolamento:

Art. 5 - Destinazione delle unità abitative
I singoli appartamenti hanno la destinazione di abitazioni civili e non sono ammesse altre
destinazioni d’uso. E’ fatto tassativo divieto di destinare gli appartamenti a deposito merci, circoli,
ritrovi, esercizi con lavorazione od attività notturne. Ogni condomino sarà responsabile dei danni
eventualmente provocati, se disattesi i divieti di cui sopra.
I locali commerciali possono avere attività con chiusura non oltre le ore 20:30.

tommaso.arcieri dice:

riporto testualmente art.5 del regolamento:

Art. 5 - Destinazione delle unità abitative
I singoli appartamenti hanno la destinazione di abitazioni civili e non sono ammesse altre
destinazioni d’uso. E’ fatto tassativo divieto di destinare gli appartamenti a deposito merci, circoli,
ritrovi, esercizi con lavorazione od attività notturne. Ogni condomino sarà responsabile dei danni
eventualmente provocati, se disattesi i divieti di cui sopra.
I locali commerciali possono avere attività con chiusura non oltre le ore 20:30.

Bentornato Tommaso.

Quel regolamento dice poco perchè parla solo dei limiti per le unità abitatative.

Per le altre unità fa cenno solo ad attività commerciali.
Quanti metri quadri è grande il garage in cui si vuole fare una scuola di ballo?

tommaso.arcieri dice:

Art. 5 - Destinazione delle unità abitative

L'art 5 parla delle unità abitative e non certo del garage. Seconda osservazione: si tratta di un regolamento contrattuale o assembleare? Terza osservazione: uno potrebbe dire che ciò che non è vietato è possibile farlo. Quarta osservazione: quanto è grande il locale indicato come garage?

tommaso.arcieri dice:

riporto testualmente art.5 del regolamento:

Art. 5 - Destinazione delle unità abitative
I singoli appartamenti hanno la destinazione di abitazioni civili e non sono ammesse altre
destinazioni d’uso. E’ fatto tassativo divieto di destinare gli appartamenti a deposito merci, circoli,
ritrovi, esercizi con lavorazione od attività notturne. Ogni condomino sarà responsabile dei danni
eventualmente provocati, se disattesi i divieti di cui sopra.
I locali commerciali possono avere attività con chiusura non oltre le ore 20:30.

vedi se all'inizio (composizione del fabbricato) magari il costruttore aveva riservato per sè l'area garage con espressa dichiarazione che poteva destinarlo a qualsiasi altro uso.

poi con la eventuale vendita (se il regolamento è contrattuale) questo diritto è passato al nuovo proprietario.

 

dubito comunque che la cosa possa essere facilmente realizzata.

 

Allo (scarno) quesito amenamente postato da @tommaso.arcieri  mi viene così da rispondere. Il pazzo che volesse impiantare una scuola di ballo/e nel garage condominiale, a prescindere da un eventuale 'niet' di Regolamento, avrebbe da superare non pochi 'cavalli di frisia''  rappresentati dall'esigenza d'acquisire, = in primis il cambio di destinazione d'uso del locale da C6 a C3 (problema già non da poco), = indi l'attestato della sua agibilità (e per comprendere le relative pastoie e complicanze basta tener conto delle prescrizioni al riguardo del DPR 380/01), = quindi l'esito della conseguente comunicazione al Comune dell'inizio di attività della scuola di ballo (dimostrandone il titolare i requisiti oggettivi e soggettivi). Ce n'è abbastanza per ritenere che, specie a fronte delle immancabili rimostranze di qualsiasi condomino, in quell'(ipotetico) garage ci potrebbero rimanere tranquillamente a ballare sine die i veicoli condominiali. Detto questo passo comunque, con pari tranquillità, la parola in merito ai più ottimisti.   

togato, qua non è proprio questione di ottimismo, qua o vai in abuso, o non vai affatto.

Tuttavia, dato che leggo sempre con attenzione il ramo civilistico delle varia questioni, perché C3 anziché almeno D3?

A orecchio, so il garage sottostante del mio condominio (600 mq circa) essere un C3

Ormai tutto può essere ma un C/3 è: Laboratorio di arti e mestieri.

 

Qualche (rara per fortuna) volta piglio anch'io qualche cantonata. A mia richiesta l'amministratore mi ha infatti subito precisato che il nostro garage non è classificato C/3, ma D/3. L'orecchio mi ha quindi tradito. Ciò detto, cospargendomi il capo di cenere, direi peraltro che chi intendesse ottenere una riclassificazione dell'autorimessa comune per farci una scuola di ballo la variante dovrebbe consistere appunto nella C/3. Scottato dal fuoco non mi resta comunque, data la (giusta) severità del Forum,  che temere anche l'acqua calda. 

 

×