Vai al contenuto
gpel55

Frontalini & sicurezza

Buongiorno,

abito al piano terra di un condominio di 3 piani con balconi aggettanti. In seguito alla mia richiesta e ad un sopralluogo tecnico, l'amministratore si appresta a far rimuovere l'intonaco pericolante dei frontalini per mettere in sicurezza i balconi (insistenti sulla mia verticale). Per fare questo verrà chiamato un "braccio meccanico" e, laddove non possibile, verrà montato un trabattello. Per il momento non si parla di ricostruzione degli stessi.

Questa spesa (per la messa in sicurezza) a chi dovrà essere addebitata?

1 - A tutto il condominio (ripartita con la tabella di proprietà) oppure

2 - ai soli proprietari della verticale (sempre ripartita con la tabella di proprietà)

3 - ai proprietari dei balconi "spicconati" (con quale criterio?)

4 - altro

 

Grazie a chi vorrà dare il suo contributo (possibilmente con riferimenti normativi e/o legali).

GP

3. ai proprietari dei balconi "spicconati" (con quale criterio?)

Fatto salvo alcune parti comuni come specificato nella sentenza postata;

Con la sentenza numero 14576 del 30 luglio 2004 , la Corte di Cassazione ha preso in esame la ripartizione delle spese dovute per quanto riguarda i balconi aggettanti affermando che essi costituiscono un "prolungamento" della corrispondente unità immobiliare e, quindi, appartengono in via esclusiva al proprietario di questa;

soltanto i rivestimenti ed elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore, quando si inseriscono nel prospetto dell’edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole, si debbono considerare beni comuni a tutti.

Con la conseguenza che anche nei rapporti con il proprietario di analogo manufatto che sia posto al piano sottostante sulla stessa verticale,nell’ipotesi di strutture completamente aggettanti - in cui si può riconoscere alla soletta del balcone funzione di copertura rispetto al balcone sottostante e, trattandosi di sostegno, non indispensabile per l'esistenza dei piani sovrastanti - non si può parlare di elemento a servizio di entrambi gli immobili posti su piani sovrastanti, nè quindi di presunzione di proprietà comune del balcone aggettante riferita ai proprietari dei singoli piani. (Cassazione civile, sez. II, 30 luglio 2004, n. 14576)

L'amministratore non avrebbe neanche potuto far fare i lavori in quanto trattasi di prop. esclusive, quindi lui non può nulla su quelle proprietà. Avrebbe dovuto intimare ai singoli proprietari il lavoro...

Grazie per i vs. contributi.

 

L'amministratore non avrebbe neanche potuto far fare i lavori in quanto trattasi di prop. esclusive, quindi lui non può nulla su quelle proprietà. Avrebbe dovuto intimare ai singoli proprietari il lavoro...

L'intervento è stato solo pianificato e lo si farà a settembre.

Voglio, però, mettere le cose in chiaro, fin da subito, per non trovarmi a cose fatte.

Non avevo scritto che il mio appartamento, come pure i balconi in verticale, non danno su pubblica via. Quindi non so se i vigili urbani e/o i VVFF interverrebbero. I proprietari dei balconi sono persone anziane e non se ne preoccupano. L'unico danneggiato sarei io (nelle cose e/o nelle persone).

La posizione dell'amministratore è (anche per superare la posizione di stallo): sono responsabile della sicurezza e agisco addebitando la spesa a tutta la verticale. Io non sono d'accordo su questa posizione ma nemmeno voglio che l'amministratore scriva ai proprietari di provvedere e, alla fine, non succede nulla. Come uscirne?

Scusami gpel55 avevi posto 4 alternative alla tua domanda iniziale, io ti avevo risposto, ed Turtle_dive a quanto pare è d'accordo con me, per cui o tieni conto dei suggerimenti oppure agisci come meglio credi, scusami della franchezza e di questa risposta così secca.

Scusami gpel55 avevi posto 4 alternative alla tua domanda iniziale, io ti avevo risposto, ed Turtle_dive a quanto pare è d'accordo con me, per cui o tieni conto dei suggerimenti oppure agisci come meglio credi, scusami della franchezza e di questa risposta così secca.

Nessun problema.

E' solo che vorrei capire e prepararmi alle contestazioni.

Fra l'altro tu, Tullio, avevi scritto che la ripartizione avrebbe riguardato solo i condomini interessati dagli spicconamenti (punto 3) mentre Turtle scriveva che l'intervento non andava fatto perché di competenza dei singoli proprietari.

Non mi sembrate d'accordo o sbaglio in qualcosa?

Infatti qui sta il problema. Il punto 3 potrebbe essere una giusta soluzione sempreché i proprietari interessati non dicano che l'intervento non andava fatto perché di loro competenza e quindi si rifiuterebbero di pagare la relativa spesa.

x tutelare la sicurezza, basta tranzennare la zona sottostante, scrivere a tutti i proprietari di non usare i balconi e provvedere

in caso di inerzia, chiamare i vv.ff

Ok, ma la domanda iniziale era:

 

- l'amministratore si appresta a far rimuovere l'intonaco pericolante dei frontalini per mettere in sicurezza i balconi (insistenti sulla mia verticale). Per fare questo verrà chiamato un "braccio meccanico" e, laddove non possibile, verrà montato un trabattello. Per il momento non si parla di ricostruzione degli stessi.

Questa spesa (per la messa in sicurezza) a chi dovrà essere addebitata?

Io, anticipando i tempi avevo detto che la spesa era a carico dei singoli proprietari (quì non ci piove), ed aggiungo, i quali d'accordo tra di loro possono approvare la delibera ed effettuare il lavoro assieme per risparmio nel noleggio del braccio meccanico e della eventuale impalcatura.

Però possono anche rifiutare e non approvare quanto propone l'amministratore però a loro rischio e pericolo nel caso di distacchi di parti dei balconi e Turtle_dive in pratica ha detto che l'amministratore non poteva proporre quel lavoro, ma sai quanti amministratori propongono dei lavori di competenza dei singoli condomini, i quali possono accettare (per risparmio) oppure rifiutare?

Comunque in caso di pericolo l'amministratore potrebbe, a spese dei condomini, far mettere in sicurezza questi balconi, per salvaguardare l'incolumità di chi sta sotto.

Nessun problema.

E' solo che vorrei capire e prepararmi alle contestazioni.

Fra l'altro tu, Tullio, avevi scritto che la ripartizione avrebbe riguardato solo i condomini interessati dagli spicconamenti (punto 3) mentre Turtle scriveva che l'intervento non andava fatto perché di competenza dei singoli proprietari.

Non mi sembrate d'accordo o sbaglio in qualcosa?

Infatti qui sta il problema. Il punto 3 potrebbe essere una giusta soluzione sempreché i proprietari interessati non dicano che l'intervento non andava fatto perché di loro competenza e quindi si rifiuterebbero di pagare la relativa spesa.

Perchè dici così....

i lavori li pagano solo i proprietari dei balconi ( chiaramenti interessati ).

Ho detto la stessa cosa di Tullio, solo che ho anche aggiunto, che i lavori non li deve "commissionare" l'amministratore ma i singoli proprietari essendo proprietà esclusive.

Ok, ma la domanda iniziale era:

 

- l'amministratore si appresta a far rimuovere l'intonaco pericolante dei frontalini per mettere in sicurezza i balconi (insistenti sulla mia verticale). Per fare questo verrà chiamato un "braccio meccanico" e, laddove non possibile, verrà montato un trabattello. Per il momento non si parla di ricostruzione degli stessi.

Questa spesa (per la messa in sicurezza) a chi dovrà essere addebitata?

Io, anticipando i tempi avevo detto che la spesa era a carico dei singoli proprietari (quì non ci piove), ed aggiungo, i quali d'accordo tra di loro possono approvare la delibera ed effettuare il lavoro assieme per risparmio nel noleggio del braccio meccanico e della eventuale impalcatura.

Però possono anche rifiutare e non approvare quanto propone l'amministratore però a loro rischio e pericolo nel caso di distacchi di parti dei balconi e Turtle_dive in pratica ha detto che l'amministratore non poteva proporre quel lavoro, ma sai quanti amministratori propongono dei lavori di competenza dei singoli condomini, i quali possono accettare (per risparmio) oppure rifiutare?

Comunque in caso di pericolo l'amministratore potrebbe, a spese dei condomini, far mettere in sicurezza questi balconi, per salvaguardare l'incolumità di chi sta sotto.

Grazie Tullio.

Purtroppo sono i tempi che non vanno d'accordo.

Mi chiarisci a chi ti riferisci quando scrivi "a spese dei condomini" (tutti o solo quelli interessati dai balconi?

Perchè dici così....

i lavori li pagano solo i proprietari dei balconi ( chiaramenti interessati ).

Ho detto la stessa cosa di Tullio, solo che ho anche aggiunto, che i lavori non li deve "commissionare" l'amministratore ma i singoli proprietari essendo proprietà esclusive.

Grazie anche a te Turtle.

Come già scritto sono i tempi che non vanno d'accordo.

Se è come scrivi tu, i proprietari probabilmente non farebbero nulla (assumendosene tutti i rischi e con tempi dilatati), mentre l'amministratore, un po' perché non vuole assumersi responsabilità e un po' per "smuovere" le acque, vuole intervenire a scapito di tutti.

L'amministratore non può intervenire a scapito di tutti, certo che per i proprietari dei balconi andrebbe anche bene scaricare la spesa anche sugli altri, ma gli altri potranno, e con ragione, impugnare una simile decisione.

×