Vai al contenuto
Sjlva

Formazione di condensa e addebito spese sistemazione

In un appartamento all'ultimo piano - camere nel sottotetto, con travi a vista - in particolari condizioni atmosferiche (quindi non sempre, ma occasionalmente) si forma della condensa che "gocciola" dal soffitto (sul letto!). Non si tratta di infiltrazioni, perché la goccia d'acqua non è legata alla pioggia nè per causalità nè per quantità.

Il tetto è ventilato, però la "ventilazione" è presente per un tratto e - guarda caso - nella zona dove si forma la condensa non c'è. Inoltre è isolato (la ditta mi ha detto con sughero, quindi legno + sughero + copertura).

Le possibili soluzioni:

a) inserire del nuovo isolante se risultasse, dopo apposito controllo, che quello esistente - essendo il tetto in pendenza - si è spostato "scivolando" verso il basso

b) posare uno sfiato per permettere la ventilazione anche nell'area interessata dalla condensa

A chi va addebitata la spesa nei due casi?

Sarebbe corretto addebitare al Condominio la spesa dell'intervento a), e al singolo condòmino (proprietario dell'appartamento interessato) la posa dello sfiato?

Oppure tutti e due gli interventi vanno addebitati al Condominio?

Grazie!

sintetizzare la questione è superiore alle mie capacità

in termini generali: oltre alla ditta c'è un tecnico che relaziona qualcosa? c'è responsabilità di conduzione dell'appartamento? (mancata areazione?) il sottotetto è comune o privato?

ciao:)

Allora, non è facile ma spero di riuscire a spiegare un po' meglio.

Non c'è sottotetto: nella palazzina ci sono tre appartamenti con reparto giorno al secondo piano e reparto notte al piano superiore, accessibile per ogni appartamento con scala privata. Il piano dove ci sono le camere, quindi, è mansardato, con travi a vista, ed è praticamente il sottotetto.

Quindi si può dire che il sottotetto è privato, ma diviso in tre proprietari.

La condensa si forma in una sola camera, quindi riguarda un solo proprietario.

C'erano stati negli anni vari problemi di infiltrazioni, è stata rifatta la guaina da pochi mesi e durante questo periodo non c'è più stata presenza di acqua nei soffitti.

L'altro giorno si è ripresentata questa "goccia", in mancanza di pioggia. Essendo la guaina in garanzia, ho fatto controllare dalla ditta che ha lavorato e anche da un terzo, e tutti e due hanno dato la stessa risposta: non ci sono problemi alla guaina, ma si tratta di formazione di condensa.

Secondo le due imprese interpellate, non sembrerebbe neppure trattarsi di un problema di conduzione, ma invece di modalità costruttiva, in quanto il tetto è "ventilato" solo in parte, mentre questa camera è proprio sotto ai due metri dove la "ventilazione" non c'è (praticamente è costruito una specie di sfiato fatto per quasi tutta la lunghezza, con copertina di rame, che però si ferma a un paio di metri dal colmo del tetto, in corrispondenza di dove si forma la condensa).

Il fabbricato ha quindici anni, ma se anche fossimo ancora in garanzia la ditta costruttrice è chiusa (fallita).

Non ci sono relazioni di tecnici, il costo prospettato per il controllo e la sistemazione non è alto e un tecnico verrebbe da solo a costare di più del lavoro...

La soluzione prospettata sarebbe quella di aggiungere uno sfiato, il quale servirebbe praticamente solo per creare l'areazione a questa camera... da qui il mio dubbio. La spesa sarebbe a carico del privato interessato, o dell'intero Condominio?

non sono un tecnico, ma forse la guaina è fatta "troppo" bene e quindi favorisce la condensa

a queste condizioni, e soprattutto "secondo me", lo sfiato lo farei a carico del proprietario che ha il problema: non c'è sottotetto comune, il lavoro della guaina è fatto bene, solo lui ha il problema.....

ciao:)

Non credo la colpa sia della guaina fatta "troppo" bene, perchè questo problema c'era anche prima solo che - essendoci anche altre infiltrazioni - si pensava appunto a problemi di impermeabilizzazione... ora che è fatta bene si è capito che questa goccia (e solo questa, perchè le altre non ci sono più) dipende da qualcos'altro...

Comunque anche secondo me, la spesa dello "sfiato" mi sembra corretto addebitarla solamente alla persona interessata e non al condominio.

peraltro il problema è circoscritto e se non vengono fuori responsabilità specifiche la condensa "è" del proprietario e lui la affronta

ciao:)

×