Vai al contenuto
grazia1167

Fondo morosi

buona sera non so se qualcuno mi potrà aiutare  descrivo perciò il mio quesito:

nel mese di settembre 2018 a seguito di assemblea veniva deliberata la costituzione di un fondo morosi perchè il condominio risultava moroso con tanti fornitori  con un unico dissenziente  il fondo ammonta ad un intero esercizio ( 210.000,00 euro) pagabile in due anni con rate calcolate in base ai millesimi un mese si ed un mese no, le rate sono state spartite anche sui condomini morosi , creando di fatto ulteriori morosità cio' che io chiedo tenuto conto che l'approvazione di un fondo morosi  se non sbaglio richiede l'unanimità degli intervenuti in assemblea e tenuto conto che chi ha dissentito aveva anche deleghe se si puo' sospendere il pagamento  delle rate , grazie per quanti vorranno rispondere

Ciao 

Innanzitutto mi chiedo come sia  possibile che si sia arrivato a €210000 la morosità di un solo condomino se non in presenza di una inerzia grave sia dell'amministratore che il disinteresse dei condomini. Su che termini è stato approvato la creazione del fondo di solidarietà? Il testo della delibera è fondamentale per capire se effettivamente aveva necessaria l'approvazione unanime o la semplice maggioranza. 

A mio avviso si deve rivedere il tutto poiché, fermo restando che la delibera avesse bisogno dell’unanimità tranne nell’ipotesi di evitare azioni legali contro il condominio, il fatto che anche i consenzienti non versino le quote unitamente ai morosi cronici vi ha messo in una situazione di stallo difficilmente risolvibile.

Sin dall’inizio, il vostro amministratore avrebbe dovuto usare gli strumenti che la legge gli da nei confronti dei morosi.

 

Come ti è già stato detto da Giovanni e Camillo, alla luce della riforma del condominio ed in special modo Art. 63 disp. att. cod. civ. non si può più costituire un Fondo Cassa per sopperire alle necessità dovute alla morosità di alcuni condómini. Un simile fondo può essere costituito solo all'unanimità dei consensi, a meno che questo debba essere assolutamente disposto dopo che sia già stata intentata un'azione di recupero da parte dei creditori nei confronti dei morosi. (Cass. sent. n.13631/2001) .

grazia1167 dice:

buona sera non so se qualcuno mi potrà aiutare  descrivo perciò il mio quesito:

nel mese di settembre 2018 a seguito di assemblea veniva deliberata la costituzione di un fondo morosi perchè il condominio risultava moro

Claistron dice:

Come ti è già stato detto da Giovanni e Camillo, alla luce della riforma del condominio ed in special modo Art. 63 disp. att. cod. civ. non si può più costituire un Fondo Cassa per sopperire alle necessità dovute alla morosità di alcuni condómini. Un simile fondo può essere costituito solo all'unanimità dei consensi, a meno che questo debba essere assolutamente disposto dopo che sia già stata intentata un'azione di recupero da parte dei creditori nei confronti dei morosi. (Cass. sent. n.13631/2001) .

so con tanti fornitori  con un unico dissenziente  il fondo ammonta ad un intero esercizio ( 210.000,00 euro) pagabile in due anni con rate calcolate in base ai millesimi un mese si ed un mese no, le rate sono state spartite anche sui condomini morosi , creando di fatto ulteriori morosità cio' che io chiedo tenuto conto che l'approvazione di un fondo morosi  se non sbaglio richiede l'unanimità degli intervenuti in assemblea e tenuto conto che chi ha dissentito aveva anche deleghe se si puo' sospendere il pagamento  delle rate , grazie per quanti vorranno rispondere

sulla convocazione dell'assemblea in questione 

 al punto 3 all'ordine del giorno " Creazione fondo morosità per fronteggiare gli impegni assunti nei confronti dei fornitori ;

 

 

sul verbale : 

al fine di far fronte agli impegni assunti con i fornitori e per poter rinegoziare un adeguato piano di rientro . l'amministratore illustra ai presenti la necessità di istituire un fondo morosità, pari a complessivo 210000 euro, della durata di due anni, rinegoziabile, qualora alla luce dei  documenti contabili aggiornati che si riusciranno ad ottenere nonché ad eventuali successive mutate situazioni economiche a seguito di pagamenti di condomini morosi , recupero da vendite di appartamenti all'asta ecc.,l'attuale situazione morosità dovesse ridursi in maniera consistente. Analogamente a tutte le spese condominiali ,anche l'importo di detto fondo verrà conteggiato in base ai millesimi condominiali. Vengono sollevate alcune obiezioni in merito a ciò ma viene altresì rilevato che diverse soluzioni con conteggi non millesimali potrebbero essere facilmente impugnati anche da parte di non presenti all'assemblea .attualmente pertanto viene deliberato di creare un fondo di morosità con 12 versamenti bimestrali dilazionati in due anni , per i quali verranno ricevuti i bollettini MAV separati da quelli trimestrali relativi alle spese condominiali. La prima scadenza di tali pagamenti bimestrali sarà l 15 novembre  ed a seguire 15 gennaio , marzo ecc. Con la clausola della possibile revisione in caso di mutate e favorevoli situazioni economiche successive , i presenti approvano   l'istituzione di un fondo morosità ad eccezione della signora çççç con le deleghe a lei affidate ( per un totale di millesimi contrari di 51 e 60  più 8,19  millesimi)   ( il totale dei millesimi presenti  e per delega ammontava a  553,78 ) per cui nettamente in minoranza  alla luce di ciò mi chiedo era regolare la delibera se non all'unanimità  posso farla annullare  dopo quasi un anno?  grazie a tutti 

grazia1167 dice:

i presenti approvano   l'istituzione di un fondo morosità ad eccezione della signora çççç con le deleghe a lei affidate ( per un totale di millesimi contrari di 51 e 60  più 8,19  millesimi)   ( il totale dei millesimi presenti  e per delega ammontava a  553,78 ) per cui nettamente in minoranza  alla luce di ciò mi chiedo era regolare la delibera se non all'unanimità  posso farla annullare  dopo quasi un anno?  grazie a tutti 

Forse non hai usato una "e" anzichè una virgola.

Io ho capito che all'assemblea erano presenti 553,78 millesimi.

Ha votato contro solo una signora con i suoi 8,19 millesimi + 51,60 millesimi che portava per delega.

Sottraendo dai 553,78 millesimi 8,19 e 51,60 millesimi, la delibera è stata approvata con 493,99 millesimi.

Poichè un fondo per evitare pregiudizi al condominio (visto che le case sono già all'asta ma i fornitori devono essere pagati) necessitava di almeno 500 millesimi, la delibera era annullabile entro 30 giorni dalla data dell'assemblea da parte della signora presente e contraria ed entro 30 giorni dal ricevimento del verbale da parte degli assenti.

 

Se tu sei la Signora che ha votato contro in assemblea, dopo un anno non puoi più impugnare.

 

Potrebbe ancora impugnare solo un eventuale asente in assemblea che non avesse mai ricevuto il verbale e non fosse mai venuto a conoscenza di quanto deliberato, ma immagino che tutti gli assenti avranno ormai pagato almeno un bollettino e già questo pagamento da parte degli assenti dimostrerebbe che ne sono venuti a conoscenza.

×