Vai al contenuto
Irene Abbate

Fondo lavori straordinari e inizio lavori

Scusate, mi sto confondendo le idee a sentire i pareri degli avvocati che pare non le abbiano chiare manco loro... ma qualcuno ha certezze su sto benedetto fondo lavori straordinari? Intendo deve o non deve essere interamente versato prima dell'inizio dei lavori? O deve solo essere costituito e se ci sono i morosi o ancora quote da mettere all'incasso nei mesi successivi si può già dare il via ai lavori? Ho un condominio di avvocati e ieri sera in assemblea ognuno diceva la propria litigando di brutto.

Grazie anticipate Irene

Se gli avvocati non sono riusciti a mettersi d'accordo, provo io che sono solamente un condomino a fornire una risposta.

Il fondo per un lavoro straordinario va costituito obbligatoriamente per intero per l'ammontare della spesa prima di iniziare il lavoro, però se la ditta interpellata e scelta per eseguire il lavoro accetta per contratto di ottenere il pagamento man mano che il lavoro prosegue, può essere stabilito il pagamento rateale;

 

cc art 1135 Attribuzioni dell'assemblea dei condomini.

...

4) alle opere di manutenzione straordinaria e alle innovazioni, costituendo obbligatoriamente un fondo speciale di importo pari all'ammontare dei lavori; se i lavori devono essere eseguiti in base a un contratto che ne prevede il pagamento graduale in funzione del loro progressivo stato di avanzamento, il fondo può essere costituito in relazione ai singoli pagamenti dovuti;

...

Scusate, mi sto confondendo le idee a sentire i pareri degli avvocati che pare non le abbiano chiare manco loro... ma qualcuno ha certezze su sto benedetto fondo lavori straordinari? Intendo deve o non deve essere interamente versato prima dell'inizio dei lavori? O deve solo essere costituito e se ci sono i morosi o ancora quote da mettere all'incasso nei mesi successivi si può già dare il via ai lavori? Ho un condominio di avvocati e ieri sera in assemblea ognuno diceva la propria litigando di brutto.

Grazie anticipate Irene

Ti spiego il perché ognuno diceva la sua..........perché prima del decreto destinazione italia effettivamente l'art. 1135 comma IV così come modificato dalla legge 220/2012 disponeva così "alle opere di manutenzione straordinaria e alle innovazioni, costituendo obbligatoriamente un fondo speciale di importo pari all'ammontare dei lavori" dopo il decreto è stata aggiunto "se i lavori devono essere eseguiti in base a un contratto che ne prevede il pagamento graduale in funzione del loro progressivo stato di avanzamento, il fondo può essere costituito in relazione ai singoli pagamenti dovuti;"........

Ti spiego il perché ognuno diceva la sua..........perché prima del decreto destinazione italia effettivamente l'art. 1135 comma IV così come modificato dalla legge 220/2012 disponeva così "alle opere di manutenzione straordinaria e alle innovazioni, costituendo obbligatoriamente un fondo speciale di importo pari all'ammontare dei lavori" dopo il decreto è stata aggiunto "se i lavori devono essere eseguiti in base a un contratto che ne prevede il pagamento graduale in funzione del loro progressivo stato di avanzamento, il fondo può essere costituito in relazione ai singoli pagamenti dovuti;"........
Però che avvocati ..... come minimo dovevano essere a conoscenza del DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 convertito in legge il il 19 febbraio 2014

Il problema è che i lavori non dureranno più di 45 gg (quindi al massimo due SAL) e che ci sono morosi che pagano con acconti sugli acconti e altri in procedura e l'avvocato che non vuole iniziare i lavori per i primi di ottobre sostiene che la legge prevede che ci siano materialmente i soldi di tutti in banca, perché se iniziamo e la ditta finisce e non intende anticipare niente e chiederà danni a tutti.

Il problema è che i lavori non dureranno più di 45 gg (quindi al massimo due SAL) e che ci sono morosi che pagano con acconti sugli acconti e altri in procedura e l'avvocato che non vuole iniziare i lavori per i primi di ottobre sostiene che la legge prevede che ci siano materialmente i soldi di tutti in banca, perché se iniziamo e la ditta finisce e non intende anticipare niente e chiederà danni a tutti.
Si può decidere d'accordo con la ditta, un anticipo ad inizio lavori una rata dopo 20 - 25 giorni e saldo al termine.

Con l'avviso che per alcuni sono già partite le pratiche di recupero e altri stanno pagando con acconti di acconti. In ogni caso se do inizio ai lavori non sbaglio, avendo costituito il fondo di pari importo. Perfetto vado avanti allora, grazie!

Però che avvocati ..... come minimo dovevano essere a conoscenza del DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 convertito in legge il il 19 febbraio 2014

Tullio nel forum ci si raffronta solo su tematiche inerenti il Condominio e quindi parliamo di una piccola anzi piccolissima parte della materia legale/normativa italiana.........quindi direi che se non conoscevano il decreto in oggetto sono più che giustificati 😉

Non credo neppure sia iscritto l'avvocato in questione, è un penalista.... e ho detto tutto!
. E gli altri?
Non credo neppure sia iscritto l'avvocato in questione, è un penalista.... e ho detto tutto!

Secondo me, poco importa che ad esprimersi siano civilisti, penalisti, automobilisti, inotipisti... (com'è profondo il mare).

Esprimo il mio parere da uomo di strada.

Ogni condominio ha la sua realtà è bisogna fare i conti con quella.

Se in un condominio il 50% paga e l'altro e moroso e si delibera un lavoro da eseguire in 60 giorni, con il 50% dei virtuosi si può dare inizio alla prima tranche di lavori, ma poi, se per incassare l'altro 50% bisognerà attendere un'escussione immobiliare, si lascia il lavoro incompiuto per anni?

Ecco che serve la semplicità dei conti della massaia e la saggezza del buon padre di famiglia.

Ci si guarda negli occhi e si ipotizza a priori il da farsi nel caso a metà lavori mancano i soldi per terminare.

Si è disposti ad anticipare per gli altri e terminare i lavori?

Se manca questa possibilità, Legge o non Legge, meglio non cominciare proprio che restare con un'opera incompiuta.

×