Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
fluca1978

Finestra privata su muro di confine giardino privato

Salve a tutti,

ho una curiosità: c'è un garage di un altro condomino che ha un finestrotto che si apre sul muro di confine privato del mio giardino. La situazione è sempre stata così', fin dalla costruzione della casa.

Ora però il finestrotto viene usato per scopi ambigui, e ho trovato diverse volte il vicino a guardare cosa stessi facendo in giardino da quel finestrotto.

Ho quindi deciso di mettere davanti al finestrotto un rampicante su una struttura di legno STACCATA dal muro, lasciando diciamo 20 cm dal muro stesso così da far entrare aria e un po' di luce nel garage senza permettere nel contempo al finestrotto di avere veduta sul mio cortile privato.

Ovviamente le lamentele si sprecano.

La mia è una soluzione pertinente o devo trovare un altro sistema?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve a tutti,

ho una curiosità: c'è un garage di un altro condomino che ha un finestrotto che si apre sul muro di confine privato del mio giardino. La situazione è sempre stata così', fin dalla costruzione della casa.

Ora però il finestrotto viene usato per scopi ambigui, e ho trovato diverse volte il vicino a guardare cosa stessi facendo in giardino da quel finestrotto.

Ho quindi deciso di mettere davanti al finestrotto un rampicante su una struttura di legno STACCATA dal muro, lasciando diciamo 20 cm dal muro stesso così da far entrare aria e un po' di luce nel garage senza permettere nel contempo al finestrotto di avere veduta sul mio cortile privato.

Ovviamente le lamentele si sprecano.

La mia è una soluzione pertinente o devo trovare un altro sistema?

Direi di sì, il giardino è tuo e puoi metterci qualsiasi cosa, anche un ombrellone inclinato che copre la visuale.

 

L'importante è non chiudere il finestrotto!

 

Se poi vuoi evitare le lamentele, lascia un pò più di spazio...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve a tutti,

ho una curiosità: c'è un garage di un altro condomino che ha un finestrotto che si apre sul muro di confine privato del mio giardino. La situazione è sempre stata così', fin dalla costruzione della casa.

Ora però il finestrotto viene usato per scopi ambigui, e ho trovato diverse volte il vicino a guardare cosa stessi facendo in giardino da quel finestrotto.

Ho quindi deciso di mettere davanti al finestrotto un rampicante su una struttura di legno STACCATA dal muro, lasciando diciamo 20 cm dal muro stesso così da far entrare aria e un po' di luce nel garage senza permettere nel contempo al finestrotto di avere veduta sul mio cortile privato.

Ovviamente le lamentele si sprecano.

La mia è una soluzione pertinente o devo trovare un altro sistema?

Leggi questi;

http://www.diritto.it/archivio/1/26648.pdf

http://www.laleggepertutti.it/85794_luci-e-vedute-cosa-sono-e-quali-le-distanze

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Teniamo conto, però, che i diritti di veduta riguardano le abitazioni civili, qui si sta parlando di un garage (senza abitabilità) e, quindi, di un punto luce!!!

 

In pratica, essendo un garage (dove NON si abita), il proprietario non può dirgli che gli toglie il panorama...

-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Teniamo conto, però, che i diritti di veduta riguardano le abitazioni civili, qui si sta parlando di un garage (senza abitabilità) e, quindi, di un punto luce!!!

 

In pratica, essendo un garage (dove NON si abita), il proprietario non può dirgli che gli toglie il panorama...

-

Tieni conto che un garage può essere dotato di finestra, ovvero non solo le abitazioni hanno le finestre

 

e se è una luce deve avere queste caratteristiche;

 

cc Art. 901. Luci.

Le luci che si aprono sul fondo del vicino devono:

1) essere munite di un'inferriata idonea a garantire la sicurezza del vicino e di una grata fissa in metallo le cui maglie non siano maggiori di tre centimetri quadrati;

2) avere il lato inferiore a un'altezza non minore di due metri e mezzo dal pavimento o dal suolo del luogo al quale si vuole dare luce e aria, se esse sono al piano terreno, e non minore di due metri se sono ai piani superiori;

3) avere il lato inferiore a un'altezza non minore di due metri e mezzo dal suolo del fondo vicino, a meno che si tratti di locale che sia in tutto o in parte a livello inferiore al suolo del vicino e la condizione dei luoghi non consenta di osservare l'altezza stessa.

e se il vicino guarda fuori dalla finestra credo che non sia ad un'altezza di 2 metri e mezzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Tieni conto che un garage può essere dotato di finestra, ovvero non solo le abitazioni hanno le finestre

Certamente, ma non essendo ABITABILE, non gode degli stessi diritti di veduta di una abitazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Certamente, ma non essendo ABITABILE, non gode degli stessi diritti di veduta di una abitazione.
Dove sta scritta questa diversità?

Una veduta è veduta in qualsiasi locale si trovi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Concordo con Tullio: le norme dettate in materia di distanze delle costruzioni o comunque di tutela degli esistenti diritti di veduta non riguarda solamente le civili abitazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Concordo con Tullio: le norme dettate in materia di distanze delle costruzioni o comunque di tutela degli esistenti diritti di veduta non riguarda solamente le civili abitazioni.

Ma che senso ha il diritto di veduta da un box se il box non è abitabile e quindi il proprietario NON può viverci e guardare fuori? A mio parere, quella è solo un'apertura per far entrare luce e aria.

 

In ogni caso, è chiaro che non può essere coperta o tappata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma che senso ha il diritto di veduta da un box se il box non è abitabile e quindi il proprietario NON può viverci e guardare di fuori? A mio parere, quella è solo un'apertura per far entrare luce e aria.

 

In ogni caso, è chiaro che non può essere coperta o tappata.

Una apertura per far passare aria e luce si chiama luce e deve avere quelle caratteristiche che ho già elencato e sono descritte nell'art 901 cc #5, altrimenti si tratta di vedute, la diversità tra le due specie (non ce ne sono altre) è descritta nell'art. 900 cc

 

Art. 900. Specie di finestre.

Le finestre o altre aperture sul fondo del vicino sono di due specie: luci, quando danno passaggio alla luce e all'aria, ma non permettono di affacciarsi sul fondo del vicino; vedute o prospetti, quando permettono di affacciarsi e di guardare di fronte, obliquamente o lateralmente.

Per cui se questa non è una luce è una veduta o prospetto, e permette di affacciarsi e di guardare di fronte, obliquamente o lateralmente, anche se sta in un garage

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie a tutti per gli approfondimenti, che ho trovato molto utili.

Aggiungo una considerazione: il garage in questione ha un lato che da sul cortile privato (quello ove si ha il finestrotto in oggetto), mentre un lato che da sul cortile condominiale. Su tale lato non vi sono aperture di luce ma, penso, si potrebbe sempre optare per una soluzione che preveda l'ingresso di aria e luce anche da quel lato, così si tutelerebbe anche la visuale senza ledere a parti private.

O sbaglio?

Aggiungo infine anche una considerazione ulteriore: il garage in questione una volta aveva un finestrone posto sopra al portone di ingresso (che dava sul cortile condominiale). Poi venne sostituito il portone con uno basculante motorizzato e il tratto che prima fungeva da finestrone è stato occupato dal motore e cementato.

In breve: il garage prima aveva ingresso di luce e aria anche da una apertura sul cortile condominiale, ma per scelta del proprietario questa apertura è stata chiusa. E' corretto farlo presente per rafforzare il fatto che il finestrotto che da sul cortile privato non può essere usato come finestra e unica apertura?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie a tutti per gli approfondimenti, che ho trovato molto utili.

Aggiungo una considerazione: il garage in questione ha un lato che da sul cortile privato (quello ove si ha il finestrotto in oggetto), mentre un lato che da sul cortile condominiale. Su tale lato non vi sono aperture di luce ma, penso, si potrebbe sempre optare per una soluzione che preveda l'ingresso di aria e luce anche da quel lato, così si tutelerebbe anche la visuale senza ledere a parti private.

O sbaglio?

Aggiungo infine anche una considerazione ulteriore: il garage in questione una volta aveva un finestrone posto sopra al portone di ingresso (che dava sul cortile condominiale). Poi venne sostituito il portone con uno basculante motorizzato e il tratto che prima fungeva da finestrone è stato occupato dal motore e cementato.

In breve: il garage prima aveva ingresso di luce e aria anche da una apertura sul cortile condominiale, ma per scelta del proprietario questa apertura è stata chiusa. E' corretto farlo presente per rafforzare il fatto che il finestrotto che da sul cortile privato non può essere usato come finestra e unica apertura?

Secondo me, l'aver chiuso una luce preesistente non c'entra assolutamente nulla perchè ognuno può chiudere o aprire delle finestre quando vuole rispettando le distanze, è solo dovuto il permesso edile, e se questa che da fastidio è nata con la costruzione del condominio come viene detto nel 1° post, è stata una facoltà del costruttore per destinazione (--> art. 1062 cc)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E nel caso in cui alla costruzione non c era il punto luce e si vuole aprire sul muro di confine si può fare senza l autorizzazione di entrambi le parti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×