Vai al contenuto
Danielabi

Fattura elettronica - in questa pagina ci sono le ultime novità (del 26 settembre 2018) e le informazioni circa la fatturazione elettronica

Danielabi dice:

A chi interessasse, in questa pagina ci sono le ultime novità (del 26 settembre 2018) e le informazioni circa la fatturazione elettronica, edite dall'Agenzia delle Entrate:

 

 

https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/aree+tematiche/fatturazione+elettronica

grazie.

 

ma nella sezione "fatture e corrispettivi" io come amminiustratore di condominio entro con le mie credenziali personali (mio c.f.) come nell'area riservata dell'ade immagino.

 

infatti mi fa accedere.

poi chiede se l'utenza sono io (me stesso) o un'altra (incaricato).

 

attivando "incaricato" chiede il c.f. di chi mi ha incaricato e nella finestra a tendina appare già il cf del condominio.

 

lo attivo, invio, ma esce una segnalazione di errore che recita " Utenza di lavoro non autorizzata al servizio".

 

d'altra parte se cambio utenza di lavoro e indico "me stesso" mi segala " Utenza di lavoro senza autorizzazioni."

 

che tu sappia, si deve aggiungere o modificare qualcosa al profilo come "gestore incaricato (attuale situazione) ?

 

ciao.

 

Ciao Sergio,

 

come ho già detto in altri post, non mi sono ancora dedicata alla fatturazione elettronica (seguo le scadenze fiscali e prima ne vengono altre....☺️), quindi devo ancora verificare tutto il percorso.

Pero' per emettere le fatture elettroniche prima, se non erro, ci si deve autenticare presso SDI, il sistema Di Interscambio.

Se mi lasci una settimana di tempo (questa), poi vedo tutto e posso essere piu' utile.

Danielabi dice:

Ciao Sergio,

 

come ho già detto in altri post, non mi sono ancora dedicata alla fatturazione elettronica (seguo le scadenze fiscali e prima ne vengono altre....☺️), quindi devo ancora verificare tutto il percorso.

Pero' per emettere le fatture elettroniche prima, se non erro, ci si deve autenticare presso SDI, il sistema Di Interscambio.

Se mi lasci una settimana di tempo (questa), poi vedo tutto e posso essere piu' utile.

hai ragione ed io ho letto meglio.

credo che al portale "fatture e corrispettivi " possano accedere solo le p.i.

in altra parte mi è sembrato di leggere che anche il consumatore finale (es. condominio) potesse accedere a qualche archivio per consultare o scaricare la fattura "vera".

 approfondiremo .

 

😉

 

Grazie mille Daniela. Appena finisco i 770 mi metto a studiare la fattura elettronica. Quindi mi sa che ci risentiremo presto 🙂

AmmPT dice:

Grazie mille Daniela. Appena finisco i 770 mi metto a studiare la fattura elettronica. Quindi mi sa che ci risentiremo presto 🙂

👍

Ciao Daniela, io amministro a titolo gratuito il mio condominio. Ai fini della fatturazione elettronica devo fare qualcosa?

Grazie in anticipo🖐️

Paolino45 dice:

Ciao Daniela, io amministro a titolo gratuito il mio condominio. Ai fini della fatturazione elettronica devo fare qualcosa?

Grazie in anticipo🖐️

😉

come vedi non sono @Danielabi ma rispondo lo stesso.

 

no, nulla.

non sei p.i. e amministri a titolo gratuito quindi niente f.e. come emittente.

sei consumatore finale come condominio e quindi riceverai dal fornitore copia cartacea conforme a quella da lui inviata all'ade come f.e.

 

ps:

... sperando di non ricevere una reprimenda massacrante da @Danielabi

😓

 

 

Modificato da paul_cayard

 

Ciao Paolino,

come amministratore non devi emettere fattura, quindi non hai nulla da fare; come "condomìnio" riceverai le fatture come prima, come se tu fossi privato.

Comunque, come promesso......la prossima settimana studio meglio tutta la "faccenda" 🙂

👋

 

Sergio mi ha "rubato la scena" per un soffio...😂

Modificato da Danielabi
  • Haha 1
Paolino45 dice:

Grazie mille a Paul e a te Daniela 👍

Grazie a te!

Buongiorno a tutti.
Questo è il mio primo post...sono un po' emozionato.


Mi occupo di contabilità e fiscalità condominiale e da alcuni giorni ho iniziato a studiare la fattura elettronica b2b e b2c, per essere pronto.
Ho letto la guida dell'ADE con attenzione, ho contattato anche telefonicamente l'ADE, senza ricevere risposte definitive e certe (il funzionario leggeva al telefono la guida, che ha ritenuto, come me, essere non esaustiva), ho scritto anche un quesito email (sono in attesa).
Adesso scrivo a voi per ricevere una risposta o comunque per attivare più persone e canali informativi.

 

Premetto che forse ho inteso male, ma a me sembra che il Condominio debba conservare a norma le fatture elettroniche a partire da 01gen2019, perchè la fattura elettronica per natura non può essere materializzata altrimenti perde valore lagale. Quindi è vero che l'amministratore continuerà a ricevere il cartaceo ed il pdf, ma non credo che li possa conservare ai fini legali, o cmq non senza aver riscontrato anche la versione originale, legale, elettronica.

Se mi sbaglio su questo punto, allora tutti gli altri quesiti che ho posto e vi allego di seguito non hanno senso, e me ne scuso.

Faccio un copia incolla di parte della email inviata all'ADE.

 

I miei dubbi sono i seguenti.

 

  • Il condominio è obbligato a conservare a norma le fatture elettroniche passive ricevute dai suoi fornitori a partire dal 01 gennaio 2019?A me sembrerebbe di si, ma vorrei conferma.
  • Il condominio non è provvisto di partita iva ma solo di codice fiscale. L'agenzia delle entrate mette a disposizione il servizio gratuito di conservazione a norma, previa adesione, anche per i consumatori finali (come il condominio) o solo per i possessori di partita iva?
  • L'Agenzia delle entrate dice che le fatture non recapitate (per non indicazione del codice destinatario o della pec) verranno messe a disposizione anche del consumatore finale, quindi anche del condominio in un'area riservata. Qual'è quest'area? Fatture e corrispettivi? Ma il condominio può accedervi anche senza avere la partita iva? Io ho conferito delega ad un intermediario per il cassetto fiscale, è sufficiente per accedere all'area delle fatture elettroniche ricevute o bisogna dare un'ulteriore delega?
  • Verranno messe a disposizione nell'area riservata tutte le fatture ricevute, benché recapitate oppure solamente quelle non recapitate?
  • E' giusto dire che il Condominio non può registrare preventivamente il suo indirizzo destinatario o il suo QRcode, in quanto il servizio è destinato solo ai possessori di partita iva?

Attendo fiducioso i vostri commenti.

Grazie

attendo anch'io commenti dai più esperti, ma da quel che ho capito (e provato) l'accesso alla sezione ade "fatture e corrispettivi" è abilitato solo per le p.i.

 

quindi il condomìnio, dotato di solo c.f. non può accedere.

come non può accedere nessuna persona fisica alla quale il fornitore rilascerà comunque fattura (elettronica verso l'ade, cartacea verso il consumatore).

 

 

Considera che il condomìnio è la signora Pina, cioè una persona che va ad acquistare un frigorifero e si fa fare la fattura per l'assicurazione, fornendo il proprio codice fiscale: pensi che la signora Pina debba conservare in modalità elettronica tale fattura?

Già ora, in sede di denuncia dei redditi, è chiesto a chi ha la partita iva se conserva documenti in formato elettronico, ma solo chi ha la partita iva. Infatti l'emissione (non la ricezione per il consumatore) della fattura è subordinata all'invio elettronico ed è prevista la sua conservazione sempre in formato elettronico.

Gli adempimenti connessi all'emissione della fattura elettronica (codici, pec, invio, conservazione) sono relativi alle operazioni B2B (business to business = partita iva vs partita iva).

Il consumatore finale (condomìnio) deve solo ricevere la copia analogica della fattura elettronica, cioè la solita fattura cartacea.

Inoltre, le copie delle fatture elettroniche inviate sono messe a disposizione nella sezione "Fatture e corrispettivi" dell'area riservata, tale funzione è accessibile solo a chi in possesso di partita iva.

  • Grazie 1

Anch'io sono del parere che  sembra eccessivo caricare di un ulteriore obbligo l'amministratore, anche se su queste cose da un po' di tempo ci sbarco un po' il lunario, però ribadisco che l'agenzia non è stata chiara, forse lo sarà in seguito

 

Nel seguente passaggio, messo ben in evidenza nella sua guida del 4 ottobre a pag 11, dice chiaramente che anche il consumatore finale, sebbene abbia diritto a copia della fattura, potrà accedere all'originale fattura elettronica nella sua area privata.
Fermo poi indicare solo quella che per il momento è disponibile, che è "Fatture e corrispettivi" e che vige solo per i possessori di p.Iva.

 

image.png.2b538c2417c23cbc784f7fdc33b36e4b.png

 

Anche io mi sono immaginato la scena del consumatore che deve conservare la fattura per la garanzia e mi sembra assurdo doverla conservare a norma, ma il condominio, benché privo di partita iva, ha delle caratteristiche peculiari in termini di responsabilità e relazioni con il fisco.
Un conto è l'operatività (pagamenti del condominio, funzionalità dei sistemi e dei software dell'Agenzia) un altro conto è il concetto e la natura di fattura elettronica.
Io credo che sia doveroso un chiarimento in merito da parte dell'ADE e spero venga quanto prima sollecitato dalle associazioni di amministratori, se non lo hanno già fatto.

Hai ragione a mettere in evidenza le discrepanze  delle guide AdE, peraltro direi che la prima edizione è sempre un problema, quelle successive contengono le correzioni richieste via via.

In ogni caso ad ora la copia nel sito dedicato, non è disponibile; anch'io mi ero illusa, ma in "fatture e corrispettivi" non si entra. Vedremo se faranno modifiche.

Non farei affidamento sulle associazioni di amministratori.

E, in ogni caso, il condomìnio sino a che non avrà riconosciuta la personalità giuridica è un "consumatore finale", ibrido sin che vuoi (visto che è anche sostituto d'imposta), ma pur sempre "finale".

×