Vai al contenuto
maria.rosca

Ex compagno non vuole uscire dall'appartamento

Salve,

sono intestataria del contratto di locazione. Un paio  d'anni fà ho fatto la residenza al mio compagno. All'inizio di quest'anno, in seguito a vari litigi, il nostro rapporto è finito. A giugno ho ricevuto, da parte del proprietario dell'appartamento, la disdetta di rinnovo del contratto che scadeva a dicembre 2021, di cui ho fatto sapere anche al mio compagno. Io ho già lasciato l'appartamento, ho chiuso le utenze di cui ero intestataria, ho preso tutti i mobili, che mi appartenevano, però il mio già ex compagno non vuole lasciare l'appartamento ed attualmente vive dentro esso. Il proprietario mi dice di cambiare la serratura e buttarlo fuori, altrimenti non avverrà la consegna delle chiavi. Come dovrei comportarmi e cosa dovrei fare.

Grazie a chi mi risponderà!    

Tu sei responsabile della presenza del tuo ex ed è tuo onere liberare l'appartamento anche dal tuo ex.
Ritengo la posizione del proprietario corretta.

Attendi una occasione in cui il tuo ex sia assente dall'appartamento per sostituire il nottolino della serratura. Fagli trovare tutti i suoi effetti personali all'esterno dell'appartamento oppure comunicagli un altro luogo dove potrà presentarsi per ritirarseli.

 

  • Mi piace 1
maria.rosca dice:

Salve,

sono intestataria del contratto di locazione. Un paio  d'anni fà ho fatto la residenza al mio compagno. All'inizio di quest'anno, in seguito a vari litigi, il nostro rapporto è finito. A giugno ho ricevuto, da parte del proprietario dell'appartamento, la disdetta di rinnovo del contratto che scadeva a dicembre 2021, di cui ho fatto sapere anche al mio compagno. Io ho già lasciato l'appartamento, ho chiuso le utenze di cui ero intestataria, ho preso tutti i mobili, che mi appartenevano, però il mio già ex compagno non vuole lasciare l'appartamento ed attualmente vive dentro esso. Il proprietario mi dice di cambiare la serratura e buttarlo fuori, altrimenti non avverrà la consegna delle chiavi. Come dovrei comportarmi e cosa dovrei fare.

Grazie a chi mi risponderà!    

Ma se hai chiuso le utenze, lui lì in appartamento non ha luce, gas?  come fa a viverci? 

magari gliele hanno attivate a suo nome ma è strano perchè le compagnie chiedono il titolo abitativo.

 

Comunque, il problema è molto molto tuo,  se infatti questo soggetto non va via, il proprietario dovrà sfrattare e farà lo sfratto a te, che sei titolare del contratto... poi in fase di esecuzione, l'ufficiale giudiziario arriva in loco e mette fuori chi c'è.

 

Il conduttore ha obbligo di rilasciare l'immobile, a fine contratto o quando va via, libero da persone o cose, quindi tu avresti dovuto dare le chiavi al proprietario e fine.  Non lasciarle al tuo ex, mai mai lasciare un soggetto dentro l'immobile di cui si ha conduzione

 

Cambiare serratura è un gesto pratico, molto poco giuridico però. Valuta tu se hai un ex "precisino" che ti puo' far storie, o no..

  • Mi piace 2

E' un pensionato ed è una persona molto ma molto conflittuale che ha litigato con tutto il condominio. Infatti lui, in mia assenza, ha cambiato la serratura e quando sono tornata a casa ho dovuto far intervenire i carabinieri per entrare in casa. E poi lui lo dichiara in faccia che a lui nessuno può fare niente, soprattutto buttarlo fuori perché appunto pensionato.     

albano59 dice:

Tu sei responsabile della presenza del tuo ex ed è tuo onere liberare l'appartamento anche dal tuo ex.
Ritengo la posizione del proprietario corretta.

Attendi una occasione in cui il tuo ex sia assente dall'appartamento per sostituire il nottolino della serratura. Fagli trovare tutti i suoi effetti personali all'esterno dell'appartamento oppure comunicagli un altro luogo dove potrà presentarsi per ritirarseli.

 

Essendo un pensionato, se io cambio la serratura lui potrebbe farmi la causa per averlo lasciato fuori invocando la presenza della residenza nell'appartamento?

maria.rosca dice:

E poi lui lo dichiara in faccia che a lui nessuno può fare niente, soprattutto buttarlo fuori perché appunto pensionato

Eh ma essere pensionati oggi non è un handicapp, anzi è una garanzia in più perchè nel caso dovesse essere condannato a pagare eventuali danni e/o spese legali non può dire di essere nulla tenente e potraano pignorargli la parte di pensione pignorabile. Essere pensionato non significa ne essere povero ne essere invalido. Io sono un pensionato e mi sento un privilegiato.

  • Mi piace 2
maria.rosca dice:

E' un pensionato ed è una persona molto ma molto conflittuale che ha litigato con tutto il condominio. Infatti lui, in mia assenza, ha cambiato la serratura e quando sono tornata a casa ho dovuto far intervenire i carabinieri per entrare in casa. E poi lui lo dichiara in faccia che a lui nessuno può fare niente, soprattutto buttarlo fuori perché appunto pensionato.     

Essendo un pensionato, se io cambio la serratura lui potrebbe farmi la causa per averlo lasciato fuori invocando la presenza della residenza nell'appartamento?

La residenza non fonda un diritto di abitare,  essere pensionato neppure. Son tutte farneticazioni.

Vero però che cambiare serratura e mettere fuori le cose non è propriamente la strada giuridicamente corretta.  

Infatti potrebbe configurare il reato di violenza privata (serve un ordine di un giudice per rendere lecita l'estromissione di casa di un soggetto che non vuole andare via), nonchè molestia nel possesso, per dire.

 

Vai da un legale, avvertirete il soggetto che il contratto è a termine che entro il giorno x deve rilasciare l'immobile

Se non lo farà il proprietario inizia lo sfratto e tu ti rilavi sul tuo ex per le spese legali che ti saranno addebitate

maria.rosca dice:

. Il proprietario mi dice di cambiare la serratura e buttarlo fuori, altrimenti non avverrà la consegna delle chiavi.

Perchè non dici al proprietario di provare a farlo lui questo "bel gesto"?  così si becca una querela?

  • Mi piace 1
SisterOfNight dice:

La residenza non fonda un diritto di abitare,  essere pensionato neppure. Son tutte farneticazioni.

Vero però che cambiare serratura e mettere fuori le cose non è propriamente la strada giuridicamente corretta.  

Infatti potrebbe configurare il reato di violenza privata (serve un ordine di un giudice per rendere lecita l'estromissione di casa di un soggetto che non vuole andare via), nonchè molestia nel possesso, per dire.

 

Vai da un legale, avvertirete il soggetto che il contratto è a termine che entro il giorno x deve rilasciare l'immobile

Se non lo farà il proprietario inizia lo sfratto e tu ti rilavi sul tuo ex per le spese legali che ti saranno addebitate

Perchè non dici al proprietario di provare a farlo lui questo "bel gesto"?  così si becca una querela?

Infatti l'ho detto al proprietario di cambiare lui la serratura ma dice che non è un problema suo ed ha provveduto con la spedizione di una raccomandata a nome del ex compagno.

Ringrazio infinite tutti/e per il vostro tempo e per le vostre risposte!!!

maria.rosca dice:

Infatti l'ho detto al proprietario di cambiare lui la serratura ma dice che non è un problema suo

Infatti è una soluzine pratica ma non del tutto legale quindi ha consigliato di farlo tu perchè lui non vuole rischiare ma se tu lo facessi senza subire azioni legali dal tuo ex compagno, di sicuro risparmieresti i soldi dello sfratto al quale andresti incontro.

La soluzione è nel tuo interesse e spetta a te risolverla. Consulta un avvocato e la risolverai nel migliore dei modi, in modo da recuperare dal tuo compagno almeno i soldi che dovrai anticipare fino a che non consegnerai l'appartamento libero da cose e persone.

maria.rosca dice:

'ho detto al proprietario di cambiare lui la serratura ma dice che non è un problema suo

Purtroppo ha ragione, sta a te lasciare casa libera da cose e persone.

Puoi andare per vie legali per imputare al tuo ex tutto ciò che il proprietario ti imputerà, ma dal punto di vista del proprietario i rapporti legali ed il nome sul contratto è tuo... Il tuo ex, per il proprietario, non è nessuno e non hanno rapporti...

Però, scusate...

La titolarità del contratto di locazione è in capo unicamente a @maria.rosca ; il suo ex contrattualmente ha rilevanza pari a zero. Addirittura per me vi abita per gentile concessione di Maria !
E Maria può disporre dell'appartamento come meglio preferisce senza dover scendere a patti con nessuno, salvo che con il suo locatore. Pertanto non vedo nulla di illegale in Maria che mette alla porta il suo ex. 

Infine nell'interesse di Maria è meglio che il suo locatore non prenda alcuna iniziativa, perchè per lui l'unica iniziativa utile e fattiva sarebbe la richiesta di sfratto a danno di Maria.

albano59 dice:

E Maria può disporre dell'appartamento come meglio preferisce senza dover scendere a patti con nessuno, salvo che con il suo locatore. Pertanto non vedo nulla di illegale in Maria che mette alla porta il suo ex. 

Non è così semplice.

Come ha ben spiegato Sister, non puoi semplicemente sottrarre al possessore la cosa posseduta ritenendo che non ne abbia titolo, ma devi percorrere la strada giudiziaria.

https://www.laleggepertutti.it/266344_cambiare-serratura-a-inquilino-senza-contratto

 

Modificato da condo77
albano59 dice:

Pertanto non vedo nulla di illegale in Maria che mette alla porta il suo ex. 

Infine nell'interesse di Maria è meglio che il suo locatore non prenda alcuna iniziativa, perchè per lui l'unica iniziativa utile e fattiva sarebbe la richiesta di sfratto a danno di Maria.

A

Anche nelle coppie di fatto, dove ad esempio casa è di uno e l'altro è "ospite", quando la storia finisce, il proprietario di casa e ex compagno non puo' cambiare la serratura e fine e lasciare l'altro fuori.

Lo dice la giurisprudenza

In questo caso lei deve certamente far uscire il suo ex compagno ma appunto perchè lui era suo ospite e lei titolare di contratto,ha fatto MALISSIMO a lasciarlo lì e andare via lei.

 

La strada però non è cambiare serratura, almeno non la strada legale. Quindi si faccia saguire da un legale, serve uan bella diffida a uscire entro tot...e poi si vede il da farsi ma partire in quarta cambio serrature e via, ci si becca una denuncia

 

  • Mi piace 1
maria.rosca dice:

Salve,

sono intestataria del contratto di locazione. Un paio  d'anni fà ho fatto la residenza al mio compagno. All'inizio di quest'anno, in seguito a vari litigi, il nostro rapporto è finito. A giugno ho ricevuto, da parte del proprietario dell'appartamento, la disdetta di rinnovo del contratto che scadeva a dicembre 2021, di cui ho fatto sapere anche al mio compagno. Io ho già lasciato l'appartamento, ho chiuso le utenze di cui ero intestataria, ho preso tutti i mobili, che mi appartenevano, però il mio già ex compagno non vuole lasciare l'appartamento ed attualmente vive dentro esso. Il proprietario mi dice di cambiare la serratura e buttarlo fuori, altrimenti non avverrà la consegna delle chiavi. Come dovrei comportarmi e cosa dovrei fare.

Grazie a chi mi risponderà!    

Se il contratto è intestato solo a te, e da quanto ho capito è stato rescisso, il tuo ex (che come detto giustamente prima è "nulla" per la parte proprietaria) non ha alcun titolo per continuare ad occuparlo....... anch'io son d'accordo che la cosa migliore è farti seguire da un legale che sicuramente troverà la soluzione migliore per farlo andar via 

  • Mi piace 1
prologo63 dice:

il tuo ex (che come detto giustamente prima è "nulla" per la parte proprietaria) non ha alcun titolo per continuare ad occuparlo.......

Sarà pure un occupante senza titolo ma intanto era una coppia di fatto.

Basta leggere i giornali per vedere che è difficile mettere alla porta anche perfino estranei che entrano abusivamente in casa mentre sei in ospedale.... 

Io resto dell'idea di andare da un legale e cominciare a mettere dei paletti che serviranno per recuperare le spese e la locazione che Maria continuerà a pagare finchè non sarà liberato l'appartamento.

Per fortuna al compagno che dice che non gli possono far niente perchè è pensionato, possono attingere almeno a parte della pensione.

  • Mi piace 1
maria.rosca dice:

Grazie davvero per i vostri consigli!!!

Grazie a te 

Maria,

Mettiti il cuore in pace e goditi l'onore di vivere in Italia dove la giustizia é a dir poco speciale. Se tu fossi all'estero, cara Maria, in nordEuropa per esempio, in 6 mesi circa libereresti l'appartamento. E l'ufficiale giudiziario farebbe sgomberare l'appartamento mettendo sul marciapiede gli effetti personali dell'occupante. Ma qui in Italia.... dove il cuore dei ns. giudici trasuda tenerezza e dove la persona sfrattata é vista come una vittima, potrai andare avanti anni ed anni e ancora anni a pagare l'affitto e a vedere calpestati i tuoi diritti.... con gioia dell'occupante che potrà vivere gratis in un appartamento non suo.

Io ho vissuto la stessa esperienza e la mia ex-consorte era felice di occupare a mie spese un appartamento che io avevo affittato. E dopo anni di cause e spese per avvocati, mi sono rotto le scatole e ho cambiato la serratura. Risultato??? Lei ha chiamato i carabinieri, mi sono preso una denuncia per violazione di domicilio, ho subito un processo (con ulteriori costi)  e sono stato condannato.

Per cui quale potrebbe essere una buona soluzione?? Assumi un amico che però non deve assolutamente e in nessun modo essere riconducibile a te.... e lui tra il lusco e il brusco lo aspetta sotto casa.... gli dà un sacco di botte e lo manda all'ospedale per 6 mesi. Allora sì che puoi cambiare la serratura e dare le nuove chiavi al proprietario di casa. Se no, continua pure a pagare l'affitto per i prossimi anni. Saluti.

Renzo

  • Disapprovo 1
renzo per dice:

Maria,

Mettiti il cuore in pace e goditi l'onore di vivere in Italia dove la giustizia é a dir poco speciale. Se tu fossi all'estero, cara Maria, in nordEuropa per esempio, in 6 mesi circa libereresti l'appartamento. E l'ufficiale giudiziario farebbe sgomberare l'appartamento mettendo sul marciapiede gli effetti personali dell'occupante. Ma qui in Italia.... dove il cuore dei ns. giudici trasuda tenerezza e dove la persona sfrattata é vista come una vittima, potrai andare avanti anni ed anni e ancora anni a pagare l'affitto e a vedere calpestati i tuoi diritti.... con gioia dell'occupante che potrà vivere gratis in un appartamento non suo.

Io ho vissuto la stessa esperienza e la mia ex-consorte era felice di occupare a mie spese un appartamento che io avevo affittato. E dopo anni di cause e spese per avvocati, mi sono rotto le scatole e ho cambiato la serratura. Risultato??? Lei ha chiamato i carabinieri, mi sono preso una denuncia per violazione di domicilio, ho subito un processo (con ulteriori costi)  e sono stato condannato.

Per cui quale potrebbe essere una buona soluzione?? Assumi un amico che però non deve assolutamente e in nessun modo essere riconducibile a te.... e lui tra il lusco e il brusco lo aspetta sotto casa.... gli dà un sacco di botte e lo manda all'ospedale per 6 mesi. Allora sì che puoi cambiare la serratura e dare le nuove chiavi al proprietario di casa. Se no, continua pure a pagare l'affitto per i prossimi anni. Saluti.

Renzo

Rimuovi questo messaggio perché altrimenti potresti avere un'altra condanna. 

Visto che il contratto di locazione dell'appartamento è intestato a Maria, questo signore non ha nessun titolo per occuparlo. Come qualcuno ha già detto, prima di lasciare l'appartamento avrebbe dovuto mettere il suo ex alla porta e poi cambiare la serratura, adesso è tutto più complicato. Purtroppo in Italia non ci sono leggi che possono tutelare adeguatamente i proprietari di case occupate, i condomini che non pagano le spese, gli inquilini che non pagano gli affitti, ecc. ecc., e quindi la gente ne approfitta, tanto non gli verrà fatto mai niente.

×