Vai al contenuto
maraven66

Estranei in cortile condominiale

Salve,

 

Il cortile condominiale del mio palazzo è condiviso con un altro edificio, non è delimitato da cancelli e vi sono 2 accessi; purtroppo la mia abitazione, che si trova al 2° piano è interamente prospiciente al suddetto cortile e da questa estate uno degli altri condomini ha pensato bene??? di autorizzare il figlio quindicenne e quello di 8 anni ad invitare tutti i loro coetanei del quartiere a stazionare nel nostro cortile per diverse ore, sia del mattino che pomeridiane, con conseguente disturbo provocato anche dal volume delle loro discussioni. Le forze dell'ordine da me chiamate hanno detto loro che possono liberamente stare nel cortile purché non creino fastidi ma io ritengo che trattandosi di proprietà privata ( sto provvedendo a mie spese ad installare un cartello PROPRIETA' PRIVATA - spazio condominiale riservato ai soli residenti) nessun condomino possa comunque sfruttare il cortile come spazio atto a ricevere gli amici dei figli in quanto tale comportamento è lesivo del mio diritto di poter aprire la finestra senza dovermi sorbire gli schiamazzi provocati non solo da altri condomini ma anche da estranei. Nel mio stabile ci sono 25 famiglie e in quello di fronte almeno 20, quindi sperare di regolamentare la questione pacificamente è proprio da escludere. Preciso altresì che con me abita anche mia madre che ha gravi problemi psichici aggravati da forti rumori, urla e schiamazzi quindi le mie lamentele sono giustificate da gravi problemi di salute.

Per favore datemi qualche buon consiglio che non debba per forza comportare l'esborso di somme ingenti per difendere il mio sacrosanto diritto alla quiete. Grazie. Mara

comincia a vedere cosa dice il vs regolamento di condominio a proposito di utilizzo delle parti comuni e a proposito di divieti.

Salve, il nostro regolamento di condominio purtroppo risale al 1984 e non è stato mai riveduto, inoltre all'epoca l'altro edificio di fronte non era stato ancora costruito, pertanto nel regolamento non si faceva cenno a disposizioni riguardanti il cortile che effettivamente è scaturito dopo la costruzione dell'altro stabile.

Salve, il nostro regolamento di condominio purtroppo risale al 1984 e non è stato mai riveduto, inoltre all'epoca l'altro edificio di fronte non era stato ancora costruito, pertanto nel regolamento non si faceva cenno a disposizioni riguardanti il cortile che effettivamente è scaturito dopo la costruzione dell'altro stabile.

procurati allora, se puoi, il regolamento dell'altro stabile: ci sarà scritto qualcosa ...

e comunque non mi pare una situazione lineare: siete un supercondominio (due stabili con codici fiscali condominiali diversi e alcune parti comuni) o un unico condominio allargato ?

comunque le parti comuni devono risultare da qualche parte.

chi paga per la manutenzione di questo cortile ? solo voi ? tutti e due o fabbricati ?

Salve,

 

Il cortile condominiale del mio palazzo è condiviso con un altro edificio, non è delimitato da cancelli e vi sono 2 accessi; purtroppo la mia abitazione, che si trova al 2° piano è interamente prospiciente al suddetto cortile e da questa estate uno degli altri condomini ha pensato bene??? di autorizzare il figlio quindicenne e quello di 8 anni ad invitare tutti i loro coetanei del quartiere a stazionare nel nostro cortile per diverse ore, sia del mattino che pomeridiane, con conseguente disturbo provocato anche dal volume delle loro discussioni. Le forze dell'ordine da me chiamate hanno detto loro che possono liberamente stare nel cortile purché non creino fastidi ma io ritengo che trattandosi di proprietà privata ( sto provvedendo a mie spese ad installare un cartello PROPRIETA' PRIVATA - spazio condominiale riservato ai soli residenti) nessun condomino possa comunque sfruttare il cortile come spazio atto a ricevere gli amici dei figli in quanto tale comportamento è lesivo del mio diritto di poter aprire la finestra senza dovermi sorbire gli schiamazzi provocati non solo da altri condomini ma anche da estranei. Nel mio stabile ci sono 25 famiglie e in quello di fronte almeno 20, quindi sperare di regolamentare la questione pacificamente è proprio da escludere. Preciso altresì che con me abita anche mia madre che ha gravi problemi psichici aggravati da forti rumori, urla e schiamazzi quindi le mie lamentele sono giustificate da gravi problemi di salute.

Per favore datemi qualche buon consiglio che non debba per forza comportare l'esborso di somme ingenti per difendere il mio sacrosanto diritto alla quiete. Grazie. Mara

Ma la cosa disturba solo te? Se è così secondo me, puoi fare poco se il regolamento condominiale non prevede orari di silenzio che vengono violati o regolamentazioni sull' utilizzo degli spazi comuni. Le parti comuni sono di libero accesso ai residenti e ai loro ospiti quindi il cartello che vuoi scrivere è sbagliato

×