Vai al contenuto
francemarconi

Eredità appartamento - Spese e locazione

Buongiorno

 

Lo scorso anno è mancata mia sorella la quale era sposata ma senza figli. L'appartamento in cui viveva viene diviso con una quota di 1/6 tra me e l'altra sorella, mentre i 2/3 restano al marito. Vorrei sapere come vengono ripartite le spese di gestione dell'appartamento (ordinarie e straordinarie) e se il marito di mia sorella deve a me e l'altro fratello un affitto per l'1/3 spettante e se questo deve avere un contratto di locazione e di che tipologia.

Spero di essermi spiegata bene.

Grazie

Per la ripartizione delle spese, queste vengono attribuite all'appartamento in base ai millesimi che spettano allo stesso, poi le spese saranno divise tra voi proprietari in base alla quota di proprietà che vi compete: 1/6, 1/6, 2/3

Si credo che debba un affitto proporzionato alle vostre quote di proprietà,

Se viveva già lì, il marito ha ereditato il diritto di abitazione, per cui è dura chiedergli l'affitto...

Se viveva già lì, il marito ha ereditato il diritto di abitazione, per cui è dura chiedergli l'affitto...

Però lui ha già fatto presente all'amministratore che le spese (non so quali) vanno ripartite su me e fratello.

 

Non ho capito solo l'articolo linkato da Giovanni dove si parla di sentenza della Cassazione se si intende in ogni caso è dovuto l'affitto oppure no.Pertanto, deve pagare l'affitto anche chi ha il diritto di abitazione?

Secondo la sentenza della Cassazione che ho postato, il coerede, comproprietario dell'immobile, deve pagare un affitto agli altri perché ... sfrutta dal bene un godimento esclusivo(ossia la possibilità di occuparlo, evitando di pagare il prezzo per un altro immobile), ma, nello stesso tempo, priva gli altri delle loro quote di utilità.

Secondo la sentenza della Cassazione che ho postato, il coerede, comproprietario dell'immobile, deve pagare un affitto agli altri perché ... sfrutta dal bene un godimento esclusivo(ossia la possibilità di occuparlo, evitando di pagare il prezzo per un altro immobile), ma, nello stesso tempo, priva gli altri delle loro quote di utilità.

Pertanto il diritto abitativo non preclude al pagamento di un affitto ai coeredi.

Grazie mille!

Credo che si riferisse alle spese condominiali, solo che la ripartizione deve avvenire in base alla quota del possesso

 

Per quanto concerne il diritto di abitazione credo che possa fare chiarezza il link

http://www.diritto.it/docs/35837-il-riconoscimento-del-diritto-di-abitazione-al-coniuge-superstite

Spese ordinarie o straordinarie?

E la ripartizione è quella che si ha tra conduttore e locatore?

Le spese di imu tasi etc sono a carico di chi ha i diritto di abitazione?

 

Grazie per le risposte

Le spese di imu tasi etc sono a carico di chi ha i diritto di abitazione?

Per il caso che citi, tu e tuo fratelle pagherete l'IMU in quota parte, mentre tuo cognato non paga la TASI se vi è residente.

×