Vai al contenuto
nillo

Edera e confine

buongiorno a tutti

la recinzione della mia proprietà è formata da una rete a maglie alta m. 1,25, il mio vicino ha avuto la brillante idea di far crescere adiacente la rete una "edera- vite americana" che naturalmente crescendo intrecciandosi tra la rete si è sviluppata sia in altezza. ml 1,70 che in larghezza invadendo tutta la mia proprietà, in questo caso è da considerarsi come siepe, per cui è da spostarla a 50 cm (allora senza supporto delle rete) o ci sono altre disposizioni.

grazie mille

buongiorno a tutti

la recinzione della mia proprietà è formata da una rete a maglie alta m. 1,25, il mio vicino ha avuto la brillante idea di far crescere adiacente la rete una "edera- vite americana" che naturalmente crescendo intrecciandosi tra la rete si è sviluppata sia in altezza. ml 1,70 che in larghezza invadendo tutta la mia proprietà, in questo caso è da considerarsi come siepe, per cui è da spostarla a 50 cm (allora senza supporto delle rete) o ci sono altre disposizioni.

grazie mille

Se la rete è di tua proprietà ed insiste nella tua proprietà, nessuno può intrecciare la tua rete.

no la rete di recinzione è Sua, il mio problema è la distanza che devono mantenere

no la rete di recinzione è Sua, il mio problema è la distanza che devono mantenere

Art. 892 c.c.

Chi vuol piantare alberi presso il confine deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagliusi locali. Se gli uni e gli altri non dispongono, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine :

1) tre metri per gli alberi di alto fusto. Rispetto alle distanze, si considerano alberi di alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili [898];

2) un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto. Sono reputati tali quelli il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;

3) mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.

La distanza deve essere però di un metro, qualora le siepi siano di ontano, di castagno o di altre piante simili che si recidono periodicamente vicino al ceppo, e di due metri per le siepi di robinie.

La distanza si misura dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell'albero nel tempo della piantagione, o dalla linea stessa al luogo dove fu fatta la semina.

Le distanze anzidette non si devono osservare se sul confine esiste un muro divisorio , proprio o comune, purché le piante siano tenute ad altezza che non ecceda la sommità del muro.

Secondo me la rete va considerata come un muro di confine per cui è sufficiente che l'edera non invada la tua proprietà e non superi l'altezza della rete.

×