Vai al contenuto
trandafiglie

Durata in carica dell'amministratore

Salve a tutti, mi sapreste dire ad oggi quanto dura in carica l'amministratore? da quel che ho potuto leggere ha durata di due anni, nel senso che un anno lo si elegge e l'anno successivo se nessuno dei condomini fa esplicita richiesta di rinnovare il mandato questo è automaticamente rinnovato, per cui a fine anno nella convocazione non ha necessità di mettere fra i punti all'ordine del giorno nomina o revoca dell'amministratore (visto che è stato nominato l'anno scorso) ma dovrà obbligatoriamente segnarlo l'anno prossimo. Ho interpretato bene la legge?

e come la interpreti l'articolo 1129 c.c. in base al quale l'incarico dell'amm. ha durata di un anno e si intende rinnovato per uguale durata????

Ringrazio "trandafiglie" per la discussione impostata. Anch'io in questi giorni avrei proposto la stessa domanda alla quale in effetti ognuno ne dà l'interpretazione più congeniale alle proprie esigenze. Effettivamente, ho avuto modo di vedere sia inviti assembleari dove non compare il punto all'ordine del giorno che riguarda appunto la nomina o revoca dell'amministratore e, verbali dove si dà per certo il rinnovo biennale. Non è perchè gli stessi fanno slittare le asseblee ordinaria esattamente diversi mesi dopo che si è chiuso l'esercizio finanziario?

Qualcuno sà se sono state emesse sentenze di Cassazione al riguardo?

Grazie.🤔

Ci sono state tante discussioni sul tema, a me sembra che sentenze non ce ne siano state, comunque la frase dell'art 1129 cc;

 

- L'incarico di amministratore ha durata di un anno e si intende rinnovato per eguale durata. L'assemblea convocata per la revoca o le dimissioni delibera in ordine alla nomina del nuovo

amministratore.

Vale a dire che se l'assemblea convocata non provvede a nominare un neo amministratore questo rimane in carica, anche in proroga con tutti i poteri, per un anno e/o sino alla sua revoca e nomina di un altro.

In pratica tutto sta all'assemblea come sempre sovrana.

Credo che l'interpretazione del 1129 cc voglia rifersi al fatto che l'incarico dell'amministratore non può essere rinnovato per un periodo superiore di un anno, salvo revoca

la durata dell'incarico dura un anno . e il nuovo mandato durera' anch' esso un anno .

... per cui a fine anno nella convocazione non ha necessità di mettere fra i punti all'ordine del giorno nomina o revoca dell'amministratore (visto che è stato nominato l'anno scorso) ma dovrà obbligatoriamente segnarlo l'anno prossimo. Ho interpretato bene la legge?

Ognuno interpreta a secondo della sua convenienza.

Io trovo molto trasparente quanto riportato al link di seguito di cui ti riporto un estratto:

 

 

  • L’amministratore dura in carica un anno (art.1129, 9 comma c.c.);
  • L’assemblea, convocata dall’amministratore ogni anno (art.66, 1 comma disp.att.c.c.), ex art. 1135 n.1) deve esprimersi sulla riconferma o revoca dell’amministratore;
  • Se l’assemblea non ottiene il quorum della maggioranza dei presenti e almeno 500 mm, per la revoca con l’indicazione del nome del nuovo amministratore, l’incarico di amministratore è riconfermato per l’anno successivo nei pieni poteri (art.1129, 9 comma c.c.).

--link_rimosso--

  • Mi piace 1

i sono die paletti che non possono essere, a mio avviso, rimossi:

1) l'indicazione analitica del compenso

2) l'accettazione dell'incarico.

Il principio del silenzio - assenso non può trovare ,nella fattispecie, applicazione.

La conferma automatica precluderebbe all'amministratore il diritto a rivedere la sua richiesta economica e ai condomini la facoltà di richiedere nel corso dell'assemblea la revoca dell'amministratore.

Un amministratore " corretto" inserisce nell' odg un argomento del tipo : conferma/revoca amministratore.

×