Vai al contenuto
Frezz

Dubbi su mesi di preavviso disdetta contratto.

Salve a tutti.

Sono nuovo. Sto per stipulare un contratto e ho un dubbio sulla seguente clausola:

 

"Il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, può recedere in qualsiasi momento dal contratto, dandone comunicazione al locatore con preavviso di 3 (tre) mesi: in tale caso al locatore sono dovuti i canoni e gli oneri accessori maturati sino al momento del rilascio. Qualora la disdetta pervenga in un momento tale che nei tre mesi di preavviso di disdetta ricadano i mesi di Giugno, Luglio, Agosto, Settembre e Dicembre, data la nota difficoltà di trovare nuovi conduttori nel corso di tali mesi, la Proprietà avrà il diritto di trattenere del tutto o in parte il deposito cauzionale e di garanzia quale rimborso del danno causato dal rilascio anticipato della stanza con conseguente mancata locazione nei mesi estivi."

 

Prima di tutto vi chiedo se è normale il fatto che non posso dare il preavviso di disdetta da giugno a dicembre, perchè anche se ottobre e novembre non sono scritti, in automatico se do il preavviso a ottobre becco anche il mese di dicembre.

 

Dopo continua cosi:

 

" In caso il locatore riesca a trovare un nuovo inquilino prima della scadenza dei tre mesi di preavviso e garanzia, il locatore restituirà al conduttore parte della somma a garanzia, proporzionalmente al numero di giorni di sovrapposizione tra la nuova locazione e il periodo di preavviso"

 

potete spiegarmi cosi intende dire in questa seconda parte?

grazie a tutti

Che contratto è (leggi all'inizio , ai sensi dell'art ...? durata?

sei uno studente?

 

Se il contratto è 4+4 o 3+2 hai sempre dirtto a 6 mesi + gravi motivi. Ogni altra clausola migliorativa per te è da concordare a contratto.

 

se il contratto è transitorio studenti (da 6 a 36 mesi, rinnovabili una volta) hai diritto a 3 mesi+ gravi motivi (esercitabili in qualunque momento dell'anno). Talvolta gli accordi territoriali del comune possono prevedere clausole migliorative per te.

 

Le clausole che citi sono strane, ma sarebbero inutili se peggiorative di quanto gia permesso dalla legge nei due casi sopra.

per cui aspettiamo altre informazioni sul tuo contratto prima di analizzare le 2 clausole.

grazie della risposta. questo è il tutto:

 

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI STANZA SINGOLA

 

IN APPARTAMENTO IN CONDIVISIONE

 

(ai sensi della legge 11 Luglio 1992, n. 333 detta “Patti in deroga”)

 

Questa tipologia di contratto è stata abolita nel 99 con l'entrata in vigore della legge 431.

 

ti consiglio di non firmare un contratto simile, ti ritroveresti a dovere ridiscutere ogni giorno quali siano i tuoi diritti e doveri in quanto tale tipologia non esiste più e dovrebbe essere ricondotta a una di quelle attuali.

 

i contratti permessi ai sensi della 431/98 sono:

liberi (4+4, 5+4,....)

a canone concordato (3+2, 4+2,...)

transitori (da 1 mese a 18 mesi senza rinnovo)

transitori studenditi (da 6 a 36 mesi con rinnovo)

 

che durata avete concordato?

 

la tipologia che più si addice al tuo caso è il transitorio studenti. ovviamente tale tipologia deve avere un canone che è limitato dal massimo previsto dagli accordi territoriali.

 

la durata è di 4 anni! con il fatto che è stato abolito, è legare fare un contratto del genere?

serebbe da ricondurre sicuramente a un 4+4 a canone libero (ai sensi art 2 comma 2 431/98). però il fatto di stipulare un contratto ai sensi di una legge abrogata è sintomo di scarsa serietà da parte di chi lo propone.

 

anche la seconda clausola è poco seria: in pratica il locatore anche in presenza di un subentrante trattiene la cauzione. non ha senso essedoci continuità nel pagamento dei canoni. Questo è proprio un classico esempio di clausola vessatoria.

 

sei uno studente? in tal caso ci sono tipologie di contratto.

sei sicuro di volerti impegnare per 4+4 anni? il recesso come è formulato prevede i gravi motivi.

in ogni caso vale sempre per legge il recesso con gravi motivi con 6 mesi di preavviso che si aggiunge come opzione alle clausole sopra. In pratica potrai recedere in qualunque momento (anche nei mesi vietati dalle clausole sopra) dando 6 mesi di preavviso+ gravi motivi.

×