Vai al contenuto
Roberts

Dubbi su accettare l'incarico

Buongiorno, avrei bisogno di un consiglio,

mi è stata fatta una proposta a mio avviso un po’ ambigua.

Premetto, che sono un amministratore alle prime armi, gestisco già diversi condomini, ma siamo lungi ancora da mire ragionevoli.

Cmq ieri mi è stato proposto da un amministratore di una frazione vicino al mio comune, di amministrare uno stabile dove vi abitano anche i figli dello stesso amministratore, con la motivazione di non voler entrar nel merito di decisioni scomode o imbarazzanti con il resto dei condomini, visto che sono tutti conoscenti.

Il problema qual è:

Lo stabile è composto da 8 scale e 6 Condomini per scala, non hanno nessuna spesa in comune, non hanno assicurazione globale e tanto meno la vogliono fare, non è mai stato amministrato ufficialmente da nessuno , tranne che seguire tutti i passi consigliati dall’ amministratore sopracitato, e non hanno la minima intenzione di assumere un amministratore stabilmente tranne per il fatto che debbono ( sono obbligati ) effettuare dei lavori straordinari, e vogliono ( devono ) essere seguiti oltre da un DL da un amministratore.

Mi è già stato detto a fine lavori sarei rimosso dall’incarico.

A dire il vero il compenso per la gestione straordinaria richiesto da me nelle note aggiuntive al preventivo mi farebbe comodo, ma ho paura di finire oltre che in un vicolo cieco, in una serie di beghe da dover poi discutere con l’amministratore che mi ha “ conferito l’incarico”, di perdere di credibilità, visto che non ha proposto tale incarico ad amministratori già noti in zona.

Che fare ? Accettare?

Grazie a tutti Roberts

Scritto da +39 MULTISERVIZI il 20 Set 2012 - 12:19:04: Ciao, scusami, ma se vogliono fare dei lavori straordinari, è segno evidente che hanno delle cose in comune, e quindi come fanno a fare tutto l'iter? tipo la fattura a chi viene intestata? eventuali sgravi fiscali come li si giustificano?

Secondo me, sinceramente, io gli direi o si fà tutto in regola, e si crea il condominio, con C.F. (e dopo di che non lo puoi eliminare), oppure vi arrangiate.

A mio avviso, te mettiti nella posizione di non rischiare nulla per le loro bize, se non ti è chiara [...]

Il fatto è che sanno benissimo che sono obbligati a nominare un amministratore,infatti l'amministratore nominato dovrà richiedere il codice fiscale del Condominio così da intestare la fattura dei lavori e poter richiedere la detrazione, aprire un conto corrente, fare tutte le ripartizioni preventivi e consuntivi del caso ma una volta finiti i lavori,revocano l'amministratore e se lo gestiscono i condomini nominando a turno un condomino.....

e non so se vale la pena, in più secondo me, se l'amministratore che mi ha cercato non lo vuole gestire perchè conosce i condomini, vuol dire che conosce anche i loro "difetti"

e non vuole guai.

grazie

Saluti Roberts

ma.....

e se fai scrivere a verbale di nomina che ti occuperai solo della gestione straordinaria, gli aprirai conto corrente e codice fiscale e poi ti occupi solo della gestione straordinaria scaricando qualsiasi responsabilità sul Dirigente dei lavori nominato, e ti escludi dalla gestione ordinaria?

Non sono sicuro se si possa effettuare ma ti eliminerebbe un pò ti beghe perdi tempo.

Ciao Mancio

Ciao Roberts, io fossi in te non accetterei, per prima cosa non credo ( forse sono in mala fede) che l'amministratore non voglia entrare nel merito di decisioni scomode con conoscenti e per questo passi la palla ad un altro....sono più propenso nel pensare che ha l'intento magari di tenere tutto sotto controllo conservando però la bella faccia verso i condomini... e lascia fare il lavoro "sporco" ad un altro.....sapendo bene quali sono le problematiche di quel Condominio...riscossioni e quant'altro......

Ritengo che sia una scelta più che personale visto anche i tempi che corrono...

Io mi ripeto non accetterei...

 

×