Vai al contenuto
marcodpnt

Dopo 5 mesi dalla denuncia del sinistro i soldi non arrivano

Il 16 luglio ho denunciato a voce all'amministratore una perdita d'acqua da un tubo che si era rotto nell'appartamento del piano di sopra danneggiando il soffitto e le pareti di casa mia. Il giorno stesso l'amministratore mi ha confermato di aver inoltrato all'assicurazione condominiale la denuncia del sinistro grazie alle foto che gli avevo portato di casa mia e di casa del vicino che ha riparato la perdita il giorno stesso.

Il 30 settembre il sopralluogo a casa mia e a casa del vicino con il perito dell'assicurazione per l'accertamento del danno. Il 22 ottobre ho accettato a voce e per tramite dell'amministratore l'offerta dell'assicurazione di 1420 euro per il risarcimento del danno. Ho notato che nel "atto di accertamento del danno" su carta intestata dell'assicurazione, la data del sinistro era sbagliata: 10 settembre invece del 16 luglio: l'amministratore mi ha spiegato che si è trattato di un suo errore materiale nel fornire i dati all'assicurazione. Oggi 29 novembre non ho ancora visto un euro. L'amministratore dice che è colpa dell'assicurazione e alle mie insistenti richieste di avere gli estremi del perito e dei contatti telefonici dell'assicurazione si oppone cercando di scoraggiarmi.

Mi ha proposto di prelevare la somma del risarcimento dal conto corrente del condominio. Tuttavia il tubo si è danneggiato non dentro la proprietà condominiale ma dentro la casa del mio vicino dove il tubo esce dal muro, e per questo motivo non mi sembra giusto prelevare la somma dal conto corrente condominiale. E' legale la soluzione che l'amministratore mi propone o dovrei chiedere i soldi al mio vicino? Come posso stabilire con certezza se il ritardo dal 22 ottobre ad oggi 29 novembre è dovuto all'assicurazione o alla negligenza dell'amministratore?

Lunedì contro la volontà dell'amministrazione chiamerò l'assicurazione. Ma a parte questo, nell'ipotesi di un ritardo dell'assicurazione è legalmente ammissibile che l'amministratore mi paghi prendendo i soldi dal conto corrente del condominio? Non si tratta di un abuso?

Essendo un danno tra privati non puoi chiedere al condominio, se il tubo che si è rotto è di proprietà del vicino ti devi rivalere su di lui, comunque se hai accettato un atto di liquidazione amichevole con l'assicurazione e non un atto conservativo.. chiedi spiegazioni all'assicurazione in quanto deve risarcire il danno.. (resta inteso che il danno l'assicurazione lo liquida solo se è garantita la conduzione tra appartamenti e al netto della franchigia) ciao

Grazie G500. Scusa l'ignoranza: cos'è l' "atto conservativo" di cui parli nella tua risposta? Che vuol dire "se è garantita la conduzione tra appartamenti"? Perdonami non conosco questo gergo tecnico.

Ho scoperto che l'atto di accertamento del danno, su carta intestata dell'assicurazione ,che l'amministratore mi ha spedito via mail riporta non solo un data del sinistro diversa (era il 16 luglio e invece c'è scritto 10 settembre), ma addirittura il perito che ha eseguito il sopralluogo secondo l'atto di accertamento del danno, ha un nome diverso da quello che lo ha eseguito veramente in mia presenza. Inoltre in esso non si fa riferimento al mio appartamento, è molto vago. Giulio Andreotti diceva che a pensar male si fa peccato ma ci si azzecca. Che ne pensate?

×