Vai al contenuto
alvaruccio

Domanda da parte di un amico su affitto in nero del passato

Vi porgo un quesito che riguarda un mio amico.

E' in affitto dal 2003 in una casa che deve lasciare l'anno prossimo.

dal 2003 al 2007 nero totale.

2008 firma un contratto di locazione che non viene mai registrato ed è in possesso di tutte le ricevute di pagamento (fatto in contanti)

2011-2019 regolare contratto 4+4

 

ora voleva sapere se poteva rivalersi per il periodo del contratto mai registrato oppure è passato troppo tempo.

grazie

Ciao 

No non può rivalersi di nulla perché tutto è stato superato dal contratto stipulato nel 2011

vero che se non registrato è nullo, ma alla fine il locatore lo ha registrato, bisognerebbe vedere se sanando la vecchia posizione oppure se ex novo.

Consiglierei di spendere due soldini e farsi dare un parere da un legale con i contratti sotto mano

alvaruccio dice:

e gli anni precedenti in nero vengono "condonati" ?

ciao

avendo registrato un nuovo contratto  nel 2011 4 + 4    ha senz'altro superato tutto quanto in precedenza, che non è condonato, ma che eventualmente sono precluse azioni.

si mi dice che nel 2011 è stato registrato un nuovo contratto ex novo.

 

però da ignorante non penso che tipo 10 anni di tasse non versate alla guardia di finanza faccia piacere...quasi sicuramente il pregresso non è stato regolarizzato, cmq si penso sia un legale la miglior situazione per capire la situazione.

Solo un legale può risponderle in merito alle somme versate negli anni precedenti quali azioni possono essere intraprese oltre alla segnalazione alla GdF  di quanto asserisce,  

  • Mi piace 1
SPL House dice:

olo un legale può risponderle in merito alle somme versate negli anni precedenti

Esattamente così !

Senza l'intero carteggio sotto mano - per altro bello contorto - non si possono fornire indicazioni nè di indirizzo generale, nè attendibili.

alvaruccio dice:

 

 

però da ignorante non penso che tipo 10 anni di tasse non versate alla guardia di finanza faccia piacere..

certo, mi chiedo però... prima pure al conduttore stava bene..

Il fatto è che esistono dei termini per proporre le azioni.

I canoni versati in nero o con contratto non registrato vanno chiestu entro 6 mesi dalla fine del rapporto.

 

Ora, avendo dal 2011 un contratto regolare, occorre chiederesi se si possa intendere che il rapporto passato sia terminato nel 2011 (e pertanto si avevano 6 mesi in allora), o se comunque si debba intendere la chiusura del rapoorto solo nel 2019, quando andrà a finire il contratto del 2011 registrato.

E se ne puo' disquisire...

 

La guardia di finanza, mah..  premettiamo che una cosa è la richiesta di restituzione dei canoni che torna a favore del tuo amico,  altro la denuncia alla GdF che al tuo amico non fa venire nulla in tasca.

Inotlre le tasse anche una prescrizione, per esempio l'imposta di registro si prescrive in 5 anni..

Insomma, secondo ma la soffaita alla GdF vi porta a poco.

  • Mi piace 1

Certamente come dice SisterOfNight "certo, mi chiedo però... prima pure al conduttore stava bene.."!!!

Certo che il tuo amico ha un.... bel carattere se si ricorda solo dopo molti anni e quando ha lasciato l'appartamento di voler fare le cose esatte. Lo sapeva anche prima che c'era evasione delle tasse, ma forse per non correre il rischio di dover pagare di piùl'affitto ha chiuso un occhio! Secondo il mio parere ( non importante e forse valido) le cose bisogna farle bene al momento giusto e non dopo anni.

  • Mi piace 1

si dovrebbe configurare l'approriazine indebita con prescrizione dopo 10 anni quindi potrebbe rivalersi per il solo periodo residuo, in realtà se cé reato é verso l'agenzia delle entrate, il tuo amico può rivalesti solo se cé una plus valenza tra quanto versato e quanto dichiarato nel contratto e se dimostrabile, sarebbe l'unico danno che potrebe aver subito, il vero danneggiato é dell'erario. Per come hai descritto i fatti credo che il tuo amico possa fare poco, l'unico ipotetico danno é che non ha potuto detrarre il canone di locazione sempre che ne avesse i requisiti per richiedere quanto di sua spettanza. Non sono un'avvocato, ne sentisse uno ,ma a naso non vedo danno nei suoi confronti, é quello che determina i motivi di una causa, il danno.

capisco praticamente potrebbe fare un "dispetto" ai suoi proprietari sempre nel caso ci fossero le condizioni.

Andyrux68 dice:

si dovrebbe configurare l'approriazine indebita con prescrizione dopo 10 anni quindi potrebbe rivalersi per il solo periodo residuo, in realtà se cé reato é verso l'agenzia delle entrate, il tuo amico può rivalesti solo se cé una plus valenza tra quanto versato e quanto dichiarato nel contratto e se dimostrabile, sarebbe l'unico danno che potrebe aver subito, il vero danneggiato é dell'erario. Per come hai descritto i fatti credo che il tuo amico possa fare poco, l'unico ipotetico danno é che non ha potuto detrarre il canone di locazione sempre che ne avesse i requisiti per richiedere quanto di sua spettanza. Non sono un'avvocato, ne sentisse uno ,ma a naso non vedo danno nei suoi confronti, é quello che determina i motivi di una causa, il danno.

 il conduttore ha sei mesi di tempo dalla fine del rapporto "in nero" o di contratto non registrato per chiedere i canoni versati ..senza prescrizione.

Appropriazione indebita proprio non ci sta  atteso che il codice lo configura come ilr eato di "Chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, si appropria il denaro o la cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso". E' il reato tipico di un banchiere a cui tizio affida il suo denaro e invece di metterglielo sul conto se lo intasca, per intenderci. 

 

Il reato è verso il fisco, ma ha una prescrizione quinquennale per la tassa di registro e credo decennale per le tasse non dichiarate in 730 (ma dovrei verificare non sono certa sia decennale)

Un'ipotetica pretesa di rimborso delle somme versate in costanza di rapporti irregolari a vario titolo (pagamenti in nero e con contratto locativo nullo per omessa registrazione)?

Non ne vedrei il fondamento. Ciò in quanto esse si sostanziano comunque in versamenti concordati (ovviamente) tra le parti come legittimo corrispettivo dell'occupazione di fatto  dell'immobile goduto dall'occupante. Men che meno vi si configurano in tutto ciò delle prospettive di reati (men che meno l'indebita appropriazione) se non traguardate nelle violazioni di natura fiscale pur sempre denunciabili ma, direi anche, con.... magre soddisfazioni di ritorno.           

  • Mi piace 2

ok ho letto tutte le risposte e riferite!

 

invece queste casistiche riferite su potrebbero essere usate per allungare i tempi di sfratto (senza chiedere danni o altro?)

 

in media uno sfratto per finita locazione senza morosità che tempi ha pratici?

alvaruccio dice:

invece queste casistiche riferite su potrebbero essere usate per allungare i tempi di sfratto (senza chiedere danni o altro?)

Onestamente, speriamo di NO.

alvaruccio dice:

 

invece queste casistiche riferite su potrebbero essere usate per allungare i tempi di sfratto (senza chiedere danni o altro?)

 

in media uno sfratto per finita locazione senza morosità che tempi ha pratici?

Ciao 

Non penso che possono essere motivo per rallentare un procedimento di sfratto per morosità che mediamente dura un annetto Dopo dipende molto del carico dei vari Tribunali

 

SisterOfNight dice:

 il conduttore ha sei mesi di tempo dalla fine del rapporto "in nero" o di contratto non registrato per chiedere i canoni versati ..senza prescrizione.

Appropriazione indebita proprio non ci sta  atteso che il codice lo configura come ilr eato di "Chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, si appropria il denaro o la cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso". E' il reato tipico di un banchiere a cui tizio affida il suo denaro e invece di metterglielo sul conto se lo intasca, per intenderci. 

 

Il reato è verso il fisco, ma ha una prescrizione quinquennale per la tassa di registro e credo decennale per le tasse non dichiarate in 730 (ma dovrei verificare non sono certa sia decennale)

Se in banchiere si appropria di denaro di un cliente riversandolo nel proprio conto corrente non credo sia solamente elusione fiscale verso il fisco.  Potrebbe essere anche responsabilità dello stesso istituto di credito qualora il suo funzionario abbia agito con dolo.  E' anche vero che qualche promotore è fuggito con la cassa  frodando i propri clienti, se  riescono a far perdere le tracce possono certamente fare una bella vita.   

Modificato da SPL House
×