Vai al contenuto
Chiara Di Mauro

Disdetta contratto di locazione prima del previsto

Buonasera a tutti. Sono una studentessa universitaria di 22 anni. Per tre anni ho vissuto serenamente in una casa con altre studentesse, poi la proprietaria di casa ha venduto l'immobile. Quest'anno ho dovuto cercare un'altra casa e ha settembre (2015) ho firmato un nuovo contratto della durata di 12 mesi. Mi sono ritrovata a vivere con una signora di 56 anni a dir poco instabile mentalmente. In 5 mesi solo liti furiose, arrivate quasi alle mani e alle minacce personali (da parte sua). Sono carica di stress emotivo e questo mi deconcentra dallo studio e mi soffoca. Vorrei al più presto rinunciare al contratto ed evitare di stare in questa casa nei prossimi sette mesi. Cosa posso fare? Il contratto dice espressamente che posso annullarlo per gravi motivi con un preavviso di 3 mesi. L'esaurimento nervoso a cui sono sottoposta quotidianamente rientra tra i gravi motivi? Devo specificare il motivo nella raccomandata da inviare al proprietario dell'immobile? Posso lasciare l'immobile anche prima dei 3 mesi? Se sì, in che modo?

 

Premetto che ho già parlato col proprietario della casa riguardo alla grave situazione in cui vivo ma lui vuole insistere col dialogo nei riguardi di questa donna. Soluzione comprensibile da parte sua che, ovviamente, spera di poter continuare ad incassare ancora i miei soldini mensili. Dal mio canto, questa soluzione è del tutto inutile in quanto con la suddetta signorina 56enne il dialogo in questi mesi non è servito a nulla.

Tu e la signora siete cointestatarie di un unico contratto oppure disponete di due distinti contratti ?

Tipologia (artico di legge) del contratto ?

Io e la signora non siamo cointestatarie di un unico contratto. Lei, in quanto lavoratrice, ne ha uno differente. Il mio contratto è cointestato con una terza persona che vive con noi, con la quale sono arrivata in questa casa l'1 settembre 2015.

 

Tipologia: locazione agevolata immobile uso abitativo.

Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2.

Quindi transitorio cointestato per studenti universitari.

Per qualunque tua scelta anticipata rispetto alla scadenza contrattuale, dovrai ricevere l'assenso del proprietario e della tua cointestataria (la terza persona), altrimenti non puoi andartene. O meglio, se comunque te ne vai, dovrai pagare la tua quota d'affitto fino alla scadenza del 30 agosto se la tua cointestataria non accetta di farsi carico dell'intero affitto mensile.

 

Hai due possibili soluzioni.

1) Quella che già hai meditato, ma devi informare anche la tua cointestataria e sarebbe bene cominciare a sondare il suo orientamento in merito; questa può scegliere di disdettare insieme a te oppure può negare il suo consenso alla tua disdetta.

Alla tua cointestataria ed al proprietario devi comunicare la disdetta di tre mesi con obbligatoria indicazione dei gravi motivi. Per il tuo caso sarebbe bene allegare una attestazione medica che confermi i tuoi disturbi: a mio modo di vedere quello adotto da te è un grave motivo non dipendente dalla tua volontà, ma il proprietaria e la tua cointestataria potrebbero rifiutare la tua disdetta ed allora servirebbe un giudice per dirimere la querelle. Ripeto: perché la tua disdetta sia valida, deve essere accettata sia dal proprietario che dalla tua cointestataria.

2) L'altra soluzione, più rapida e semplice (per modo di dire) è il subentro. Devi trovare una persona che entri nel contratto al tuo posto; questa persona però dovrà risultare preventivamente ben accetta al proprietario e alla tua cointestataria. Ottenuti i due pareri favorevoli, il subentro si può concretizzare in qualunque momento senza bisogno di alcun preavviso.

La ringrazio per la risposta rapidissima e molto completa. La cointestataria del contratto è favorevole alla mia rinuncia anticipata del contratto ma purtroppo non può permettersi di pagare anche il mio affitto mensile. Pertanto l'unica soluzione possibile resta quella del subentro?

SI, se vuoi andartene in fretta e prima della scadenza.

 

Altrimenti, puoi lasciare l'appartamento senza disdettare e continuando a pagare la tua quota parte di affitto fino alla scadenza.

×