Vai al contenuto
tatekan

Diritto ad eseguire lavori con il consenso del condominio

Salve a tutti, vorrei un piccolo consiglio. In una piccola palazzina, un proprietario vorrebbe eseguire dei lavori di manutenzione che prevedono:

- il rifacimento del terrazzo della sua abitazione, tramite rimozione della pavimentazione, posa di guaina e successiva posa di nuova pavimentazione (simile alla esistente)

- il ripristino dell'intonaco esterno di tutte le mura verticali che circondano il terrazzo, con successiva tinteggiatura con colorazione uguale all'esistente.

La mia domanda è la seguente:

- le spese di rifacimento della soglia del balcone sono a totale carico del proprietario vero?

- le spese di ripristino dell'intonaco esterno delle murature verticali invece, essendo parte del prospetto, dovrebbero essere suddivise per millesimi fra tutti i proprietari della palazzina, giusto?

 

Il proprietario che vuole eseguire i lavori, è disposto ad accollarsi totalmente le spese edili in quanto riceve, da parte degli altri proprietari, continui rallentamenti. Nel frattempo in casa sua, a causa dell'intonaco ammalorato, continua ad entrare umidità e vuole urgentemente porre rimedio eseguendo i lavori suddetti.

 

A questo punto, basta che si fa firmare un foglio dove comunica a tutti i proprietari la volontà di eseguire i lavori accollandosi tutte le spese? Se qualcuno dovesse opporsi, come può risolvere la situazione?

Spero di ricevere notizie al riguardo......, grazie :-)

Io convocherei un'assemblea e ufficializzerei il tutto. Infatti, tranne per i lavori del balcone gli altri interessano una parte comune e il c.c. prevede che se non c'è l'autorizzazione dell'assemblea o dell'amministratore, non avrà diritto al rimborso (art. 1134 c.c.).

Nel caso di opposizione, potrà sempre agire legalmente riservandosi di richiedere un risarcimento per danni causati da parti comuni.

Io convocherei un'assemblea e ufficializzerei il tutto. Infatti, tranne per i lavori del balcone gli altri interessano una parte comune e il c.c. prevede che se non c'è l'autorizzazione dell'assemblea o dell'amministratore, non avrà diritto al rimborso (art. 1134 c.c.).

Nel caso di opposizione, potrà sempre agire legalmente riservandosi di richiedere un risarcimento per danni causati da parti comuni.

Grazie mille per il chiarimento...., un ultima cosa..., il proprietario che deve eseguire opere sul suo balcone ha infiltrazioni provenienti anche dal balcone soprastante; il proprietario di quest'ultimo non ha, per il momento, intenzione di eseguire i lavori di ripristino perchè asserisce che la spesa va divisa anche con il proprietario sottostante...., ciò è errato vero?

Grazie anticipatamente

dipende dalla tipologia del balcone. Se in aggetto, di norma, le spese sono a carico del proprietario dello stesso. Se a castello, si applica il 1125 c.c.

dipende dalla tipologia del balcone. Se in aggetto, di norma, le spese sono a carico del proprietario dello stesso. Se a castello, si applica il 1125 c.c.

grazie mille....

×