Vai al contenuto
paulhevson

Diritto acquisito licenze commerciali

Buongiorno a tutti, e spero che qualcuno possa aiutarmi.

 

Da dicembre 2007, dopo regolare contratto notarile dove si descrive un fabbricato con esposizione e uffici, sono divenuto proprietario di un fabbricato nel quale da oltre vent’anni il Comune aveva rilasciato il permesso per una licenza commerciale.

Ora, a seguito della necessità di aprire una nuova attività commerciale diversa da quella originaria, il Comune mi richiede il pagamento degli oneri comunali per la trasformazione non pagata da fabbricato artigianale a fabbricato commerciale poiché questa trasformazione non risulta dai registri del Comune.

Il permesso commerciale era già stato dato ad altra ditta che per oltre vent’anni e fino a tutto il 2007 ha esercitato il commercio in questo fabbricato. Inoltre, sempre lo stesso fabbricato, dal 2007 di mia proprietà è stato locato sempre alla stessa ditta che per tutto il 2008 ha continuato la propria attività commerciale.

E’ possibile che il Comune mi richieda gli oneri per fabbricato commerciale? Non avrebbe dovuto richiederli vent’anni fa al vecchio proprietario?

Ora il Comune mi chiede di fare la trasformazione da fabbricato artigianale a fabbricato commerciale se voglio continuare ad esercitare commercio nel fabbricato.

 

Chiedo:

Ci sono articoli di legge che concedano al mio fabbricato un diritto acquisito visto che per oltre vent’anni sullo stesso fabbricato è stata svolta attività commerciale?

Ci sono sentenze di giudici che in passato si sono trovati a esprimersi in queste situazioni?

Premetto che sulla licenza viene descritto l’indirizzo dove si esercita. Inoltre, sempre convalidata dal Comune, esiste una planimetria del fabbricato dove viene concesso di esercitare il commercio all’azienda che utilizzava il fabbricato in locazione.

L’attestazione della licenza commerciale è sufficiente a produrre prova certa del rilascio del provvedimento commerciale sul fabbricato?

 

 

Scusate la prolissità!!!

Salve,

bhe le servirebbe una specie di usucapione sulle licenze commerciali. Purtroppo non è possibile. L'usucapione (a cui lei fa riferimento parlando di vent'anni) infatti è un istituto giuridico applicabile ai diritti reali (eventualmente anche quelli di godimento) ma di sicuro non alle autorizzazioni. Infatti le licenze sono atti amministrativi che autorizzano ad esercitare una determinata attività (qualunque essa sia).

Ora da quello che ho letto sembra che l'attività non sia mutata nel tempo e sia rimasta artigianale, poichè lei forse svolgerà un'attività più articolata (sebbene vi siano realtà artigianali articolate) e con più oneri complessivi, il Comune richiede tale modifica.

L'unica cosa da fare è dunque armarsi di sana pazienza ed andare in Comune a spulciare le carte e a cercare di capire se davvero vi è stata una trasformazione non registrata oppure se tale atto non è mai stato fatto.

 

Cordiali saluti.

Grazie mille per la risposta. Quindi se non ho capito male, se riuscissi a risalire ad una licenza data ancora 20 anni fa quando c'era la vecchia attività, con quella oggi potrei aprire una attività commerciale senza nessun nuovo onere?

 

- - - Aggiornato - - -

 

L'attività non è mutata nel tempo e svolgeva attività commerciale anche 20 anni fa. Poi in questi ultimi anni l'attività è stata chiusa e adesso avremo la necessità di aprire una nuova attività diversa da quella originaria nello stesso immobile.

Non ti è stato detto che devi cercare la licenza di esercizio al commercio data 20 anni fà ...ma il "permesso" di trasformare la destinazione d' uso dell' immobile (da artigianale a commerciale).

×