Vai al contenuto
Mara1976

Diritti inquilino - in particolare in 9 anni non è stato acquistato alcun mobilio

buongiorno,

scrivo per chiedere informazioni circa i diritti degli inquilini, poiché a breve lascerò un appartamento dopo dieci anni di locazione e volevo tutelarmi rispetto eventuali richieste da parte del locatore.

In particolare in 9 anni non è stato acquistato alcun mobilio, e quello che c'era ho cercato di tenerlo al meglio, pur non essendo di gran qualità, proprio per questo non vorrei che mi venissero trattenute le due mensilità anticipate. Secondo me credo che si debba tener conto dell'usura, ma non so se è così, preciso infatti che l'immobile è stato locato come arredato. Inoltre mi chiedo se è a norma una cucina a gas senza valvole di sicurezza, ed un impianto elettrico senza certificazione energetica, e con tutte prese piccole dove è capitato più volte siano saltate le resistenze.

Grazie in anticipo per l'attenzione e l'eventuale risposta.

buon lavoro

Mara

Tanto per cominciare, prenderei spunto da cosa avete pattuito nel contratto di locazione. C'è qualche clausola che si occupa di definire come debba essere riconsegnato l'immobile?

buongiorno,

scrivo per chiedere informazioni circa i diritti degli inquilini, poiché a breve lascerò un appartamento dopo dieci anni di locazione e volevo tutelarmi rispetto eventuali richieste da parte del locatore.

In particolare in 9 anni non è stato acquistato alcun mobilio, e quello che c'era ho cercato di tenerlo al meglio, pur non essendo di gran qualità, proprio per questo non vorrei che mi venissero trattenute le due mensilità anticipate. Secondo me credo che si debba tener conto dell'usura, ma non so se è così, preciso infatti che l'immobile è stato locato come arredato.

In genere in tutti i contratti di locazione di immobili (a canone libero o concordato) è presente la seguente clausola: “Il conduttore si impegna a consegnare l’unità immobiliare nello stato in cui l’ha ricevuta, salvo il deperimento d’uso, pena il risarcimento del danno ”. Tale clausola è riproduttiva dell’articolo 1590 del codice civile che al comma 3 precisa che “Il conduttore non risponde del perimento o del deterioramento dovuti a vetustà”. E’ ovvio che se gli arredi e gli elettrodomestici consegnati erano in condizioni mediocri e scadenti, gli obblighi di manutenzione e di riconsegna saranno adeguati allo stato delle cose all’atto iniziale della consegna e non migliorativi. Il locatore può legittimamente rifiutare la restituzione della cosa locata solo nel caso in cui quest’ultima sia stata riconsegnata seriamente danneggiata (la mancata redazione di un verbale di consegna dell’appartamento non significa che non si siano riscontrati danni) o in uno stato tale da risultare inservibile o nel caso in cui il conduttore abbia apportato di propria iniziativa modificazioni o alterazioni alla stato del bene locato non approvate dal locatore (la legge stabilisce, infatti, che l’immobile deve trovarsi nel medesimo stato in cui era all’inizio della locazione, salvo il deterioramento o il consumo risultante dall’uso della cosa in conformità del contratto oppure dovuto a vetustà).

Mi collego un secondo alla domanda, chiedendo una cosa. Nell'appartamento c'erano dei quadri appesi alle pareti che abbiamo tolto visto che erano orrendi e inopportuni. Quando ce ne andremo, siamo obbligati appenderli di nuovo alle pareti nella stessa posizione (e chi se lo ricorda....) oppure basta lasciarli lì in casa e ci penserà chi viene dopo?

×